Nido di vespe (2002) L’assedio dei mille proiettili

La prima volta che ho visto questo film era intorno al 2006. All’epoca facevo il pendolare con il treno e questo riduceva moltissimo il tempo che potevo passare a vedere film: se all’epoca avessi avuto uno smartphone sarebbe stata tutt’altra vita. Ogni tanto, ma tanto tanto, capitava di poter arrivare a casa prima e addirittura potermi concedere il lusso di cenare a casa: che fai, non festeggi con un filmozzo gagliardo?
Rifornitomi in videoteca di un film d’azione che sembra roba tanta, roba buona, mi preparo una cena frugale ma stuzzicante e metto play: il paradiso del single!
Avevo già digerito quando finalmente qualcuno nel film dice una cazzo di parola…

Quando vedi film a ciclo continuo, ti puoi permettere di essere zinefilo: anzi, quando becchi una buffonata ti fai due risate e cominci a scrivere una recensione. Quando capita di passare un’intera settimana senza vedere film, e il primo che fortunosamente riesci a vedere è una mattonata che ti prende in piena faccia, reagisci male.
Malgrado ogni persona a cui ho citato Nid de guêpes l’abbia definito un capolavoro, il mio odio e disprezzo per il film è denso e sostanzioso, e rivederlo a ben 12 anni di distanza non ha cambiato una virgola: ho ritrovato tutta la delusione profonda di quel giorno.
Uscito in patria francese il 6 marzo 2002, arriva nelle sale italiane il 22 novembre 2002 con il titolo Nido di vespe, e la stessa Filmauro lo porta in VHS e in DVD immediatamente dal 3 dicembre 2002, in vendita dal 13 marzo 2003.

Bella grafica: sembra quasi il titolo di un film…

Florent-Emilio Siri è sicuramente un ottimo regista e subito dopo è stato “promosso” a dirigere l’americano Hostage (2005), anonimo film tratto da un romanzo capolavoro, e qui si vede che con mano sicura vuole far vedere che siccome un film action è francese non è che combattano tutti mimando i colpi, col basco in testa, la maglia nera a righe e la baghette sotto l’ascella.
Siri vuole dare indicazioni (capito? Siri… indicazioni… umorismo francese!) al nuovo cinema action francese: e che ci manca a noi per fa’ l’ammericani? Peccato che il cinema francese non avesse minimamente bisogno di ‘sto Siri e del suo stile: mi basta citare due titoli coevi, Taxxi 2 (2000) e Banlieue 13 (2004), e non ho bisogno d’aggiungere altro. Nido di vespe non li vede neanche da lontano, questi capolavori, tirandosela da action movie della baghette…

Bella la scena, se poi ci dite chi spara e perché sarebbe meglio

Non ho capito la trama nel 2006 né ci sono riuscito nel 2018, anche perché le prime parole vengono pronunciate dopo un’ora di film e quindi la storia già da molto ha perso totalmente la mia attenzione.
L’unica sceneggiatore è zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing.
Se non l’aveste capito, è il rumore del milione di miliardi di proiettili sparati nel più totale silenzio dei protagonisti. Che non si sa chi siano né perché cazzo sparino mille proiettili al secondo.

No, questo non è Valerio Mastrandrea: lui non c’è, nel film…

Faccio finta che Valerio Mastrandrea non ci sia in questo film, dove si doppia da solo con risultati che potete facilmente immaginare. Non c’è, se lo leggete sui poster è un errore di stampa. La cosa assurda è che lui non dovrebbe mai parlare invece è l’unico che parla…
Per fortuna i suoi dialoghi si perdono nel zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing.

Appena arriva l’indiano, iniziamo a ballare YMCA

Oh, Siri, quando vuoi spiegarci chi è ‘sta secchiata di gente e perché spara noi siamo qua, eh? Fai con calma che rimangono venti minuti di film: prima dei titoli di coda ce la fai a giustificare il tuo nome alla voce “sceneggiatura”?
No, non ce la fa. zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing.

La faccia di chi spara senza un vero perché

Che sia una storia d’assedio lo si evince dal fatto che dopo trenta inutili minuti di nulla tutti i personaggi si ritrovano chiusi in un unico stabile a spararsi in faccia. Alcuni portano una divisa, quindi potremmo supporre siano i buoni, altri non portano divisa quindi potremmo supporre siano i cattivi.
Ma sono solo supposte, perché l’unica certezza è zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing.

Il super cattivo… è Manuel Fantoni!

Pare che il riscaldamento globale sia nato dall’elevata temperatura scaturita dal set di questo film, dopo che milioni di proiettili sparati hanno modificato la temperatura europea.
Scienziati di tutto il mondo hanno dovuto inventare fucili appositamente studiati per contenere un miliardo di colpi di canna, utili per girare trenta secondi di film.
Fonti non confermate riportano che il bravo Samy Naceri – totalmente sprecato in questo film – abbia pronunciato due parole. Non si sa, l’unica certezza è zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing.

Avere Samy Naceri e buttarlo via così…

Malgrado l’entusiasmo di tanti spettatori, questo film è dimenticato nel giro di un lampo e non ha lasciato minimamente traccia. Dimostra solo che le trame d’assedio sono sempre vive, soprattutto per chi voglia risparmiare sulle location.
Dimostra però anche che non basta buttare dei personaggi in una stanza per fare assedio: sarebbe cosa buona e giusta che pronunciassero qualche cazzo di parola, invece di limitarsi a zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing.

Con scene così, l’action d’assedio si scrive da solo

Per finire, si salva solo la scena iniziale dove Naceri e il suo complice (o amico, o fratello, boh, mica l’ho capito) fischiettano il tema de I magnifici sette (1960) per poi trasformarlo in beatbox.
All’epoca ero attivo su YouTube e, tagliato il brano di 30 secondi in questione, lo caricai nel mio profilo: se non ricordo male me lo fecero togliere. Ancora oggi non esiste un video della scena: credo che la Filmauro stessa stia cercando di cancellare le tracce di ‘sto filmaccio dalla rete…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

GUARDA IL FILM A € 2,49

Pubblicità

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Thriller e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Nido di vespe (2002) L’assedio dei mille proiettili

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing, zip, zing

    Piace a 1 persona

  2. Vincenzo ha detto:

    questo l’avevo visto in aereo, quindi non proprio il luogo ideale per gustarsi un film dignitosamente… e infatti non lo ricordo se non come passatempo che mi distolse un po’ l’ansia da volo…

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    92 minuti di applausi!!
    Ti ho letto sul bus e sono morto, ti sei sbattuto più tu a scrivere tutti gli zip e gli zing che l’aiutante di Apple a scrivere la sceneggiatura 😉 Lo vidi ai tempi, proprio noleggiandolo, lo trovai una cafonata divertente, ma da allora come dici giustamente tu, è stato quasi dimenticato, o per lo meno, non ho mai avuto voglia di rivederlo. Se lo facessi ora, riderei tutto il tempo pensando a questo tuo gran post, ne sono certo! 😀 Cheers

    Piace a 1 persona

  4. Kukuviza ha detto:

    Ma Mastandrea c’è o non c’è?
    Ahaahah, e il super cattivo prende il cargo?

    Piace a 1 persona

  5. Zio Portillo ha detto:

    Ne ho sempre sentito parlare come un capolavoro dell’action francese, ma non l’ho mai visto. Almeno credo… Anche perché questa trama fatta solo di mitragliate e pistolettate me la ricorderei sicuramente! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      A me è successo lo stesso, ma capolavori dell’action francese dell’epoca sono i vari Taxxi, i Banlieu 13, anche il successivo semi-parodico “Paris Express”. Roba che ti diverti dall’inizio alla fine e assisti a scene d’azione da applauso.
      Qui oltre a zip e zing non c’è altro…

      "Mi piace"

      • Zio Portillo ha detto:

        “Taxxi”… Quante volte che l’ho visto quel film! Mai recensito?

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        No, all’epoca non scrivevo da nessuna parte, ma ho amato tantissimo la saga. Di più il secondo, però, coi ninja e la tetesca smutandata 😛
        Che forza quando Daniel spiega ai militari come funziona la polizia marsigliese: prendi uno abbronzato e picchialo 😀

        "Mi piace"

      • Zio Portillo ha detto:

        Io credo di aver visto solo i primi 2. Il terzo non me lo ricordo proprio (ho letto la rece al volo su Wikipedia), ignoravo l’esistenza di un 4° capitolo e pure del remake made in USA…
        Una bella serie di recensioni sui film con corse in taxi? Ne avresti da scrivere… ;-P

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        In effetti ho aperto la categoria “Corse pazze” che contiene di tutto, da Death Race alla Corsa più pazza d’America, quindi la saga Taxxi non sfigurerebbe affatto. Mi sa che mi hai appena dato un’ottima idea… 😛
        (Comunque hai fatto bene, il terzo e il quarto hanno bei momenti ma il secondo è imbattibboli!)

        Piace a 1 persona

      • Zio Portillo ha detto:

        Dopo il pezzo sul combattimento di Bruce Lee che ti avevo chiesto in pvt… 😀

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Per quello dovrei rituffarmi in tutto il materiale dell’epoca e me lo tengo da parte per momenti più “liberi”: sono impegnato in un paio di grandi progetti che vorrei quagliare prima di dedicarmi ad altre ricerche 😉

        "Mi piace"

  6. Giuseppe ha detto:

    Zip, zing, zip, zing, bang, ratatatata, blam (“Non! Merde!”), booom, zip, zing, ziiingg, bthooom, kpow, kpow, zhonng (“Putain!”), sbraaang… però un attimo, no, troppo sofisticato, forse era un altro film 😛
    Certo “Nido di vespe” ebbe grandi elogi all’epoca, il che sicuramente mi spinse a verificare quanto fossero meritati. Peccato che oggi non ne ricordi più nemmeno un singolo fotogramma, a differenza dei “Taxxi” e “Banlieu 13″…

    Piace a 1 persona

  7. Pingback: Nido di vespe (2002) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  8. Pingback: Taxxi 1 (1998) L’inizio del mito | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.