Top Dog (1995) Il cane e il poliziotto

Lascio la parola ad un mio lettore – che ha scelto di firmarsi Willy l’Orbo – che ci parlerà di un film vintage… anzi, Zintage!
L.

Gli adepti dello Zintage sanno che una mia prerogativa, invero invidiata assai, è quella di recensire film “cani” con attori altrettanto “cani”. Dunque, capirete il mio entusiasmo quando ho scoperto l’esistenza di un action intitolato Il cane e il poliziotto. «È una manna, la pace dei sensi, la perfezione, la chiusura del cerchio», mi sono detto, colmo di estasi. D’altronde avevo forse trovato il Santo Graal della Z: il cane elevato a potenza. Per averne la riprova non potevo fare altro che avventurarmi nella visione, ovviamente trepidante: la trepidazione si increspa pericolosamente quando, nei titoli di testa, appare come regista Aaron Norris e come protagonista Chuck Norris, il deleterio ed imbolsito Norris di metà anni ’90. Ahi. Successivamente compare quell’ammasso di pelo del cane poliziotto Reno, chiamato così forse perché incarna la sublime metafora di una pellicola che si tramuterà in un fiume di lacrime.

Ci assomiglia, ma no: non è questo Chuck Norris…

L’eroe a quattro zampe adocchia le ciambelle e fa i dispetti all’agente, suo padrone, che tra l’altro è come minimo ottuagenario. Sono già preda dei morsi della tensione. Giusto per mettere le cose in chiaro, la bestiola salva la vita di un bambino ma, appena uscita dall’edificio in fiamme, lascia cadere il fagotto col pargolo sulla strada, di schianto: lui s’era già stufato del peso e il regista, evidentemente, si era già stufato del lungometraggio tanto da non girare di nuovo la scena. Poco dopo la coppia bislacca scopre un arsenale criminale ma due malfattori li aggrediscono: il poliziotto uomo muore, il poliziotto cane, ahinoi, sopravvive.
Tuttavia l’“ahinoi” è certo più calzante la scena successiva quando fa la sua comparsa un Chuck (che veste i panni dell’agente Jake Wilder) con boxer tempestati di pallini bianchi: anni di Norris facts, di calci rotanti e di barbe poderose sacrificati tirando lo sciacquone.

Ci assomiglia, ma no: non è questo il cane…

Il primo incontro tra l’ex Texas ranger e Reno non contribuisce a far sortire il film dalla latrina, tutt’altro. I due devono indagare sull’omicidio di inizio pellicola, da colleghi, e, quando il protagonista più peloso (ovviamente il villoso nonché barbuto Chuck) mostra le sue perplessità, il protagonista meno peloso gli salta addosso con modalità minacciose, seguono sguardi torvi e… vi rendete conto che stiamo parlando di un superuomo ed un cane? Perché, se non entrate in quest’ottica, la cosa potrebbe sembrare anche normale. Ma non lo è. Niente affatto.

Il cane e il poliziotto: sta a voi giudicare chi sia l’uno e l’altro

Intanto scopriamo che i cattivi sono una setta razzista con tanto di svastica modificata a mo’ di simbolo: purtroppo tale frangente aumenta l’incoerenza del film. Da una parte abbiamo i sostenitori di una presunta razza superiore, dall’altra ecco l’onnipotente Chuck Norris e un cane che, in perdibili sketch, frega il pollo arrosto del padrone e gli porge, in cambio, il suo mangime. Quindi: due esempi concreti di razza superiore. Perché allora, protagonisti ed antagonisti non fanno comunella e conquistano il mondo? Mah. Misteri, di quelli che non ti fanno dormire la notte.

I peli in faccia sono gli stessi, ma la recitazione no…

Nel frattempo, quando i buoni subiscono un agguato, il nostro agente/ranger appioppa addirittura qualche calcio semi-volante ma il suo commovente sforzo viene vanificato da una colonna sonora stile valzer viennese che toglie ogni “burbera” poesia alla scena. Forse tecnici del suono, sceneggiatori, attori, regista si sono dati questo diktat: ognuno svolga il suo compito ma lo svolga MALE. Missione compiuta. Ah, col passare dei minuti compaiono nuovi personaggi, tutti di un certo spessore: l’apprensiva madre di Chuck, il bambino sapientino amico del cane, il venditore di wurstel.

La recitazione è la stessa, ma l’atleticità no…

Oltretutto, gli antagonisti razzisti si prendono tremendamente sul serio mentre i retti & onesti precipitano nel ridicolo; insomma, non so se volontariamente o meno, ma questo lungometraggio trasmette pruriti xenofobi. Anche perché il rapporto Reno-Norris non ispira tanta simpatia: allorché il secondo viene aggredito da un buzzurro e chiede aiuto al primo, questi prima scuote la testa da bestiolina che si ritrova poi sbadiglia con fare provocatorio. Che spasso. E visto che al peggio non c’è mai fine il nostro barbuto amico esibisce anche dei boxer con cuori rossi: Gucci, prendi nota. In una sequenza si vede pure Reno guidare un’auto. Ho provato a scriverlo senza troppi preamboli per vedere se fa meno male ma sento comunque le fitte al cervello.

Due cani contro il crimine!

Come se non bastasse, nella parte finale, il cane si esalta escogitando trabocchetti mirabolanti mentre Chuck fa ripetutamente la figura del fesso facendosi catturare e trovando la soluzione del caso su suggerimento…della mamma. Tuttavia, pur alla luce di queste sfortunate circostanze, ho compreso l’enigma del titolo: il cane è Chuck Norris, il poliziotto è il cane. Perciò: cane al quadrato. Sì, signori miei, ecco il Santo Graal della Z: l’abbiamo scovato.

P.S.
Ringrazio Willy l’Orbo per aver recensito il film.
L.

– Altri post di Willy l’Orbo:

– Ultimi post action:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Top Dog (1995) Il cane e il poliziotto

  1. Cassidy ha detto:

    No sul serio, e poi dicono che non è vero che i cani somigliano ai loro padroni, dai andiamo, qui Chuck e Reno (meravigliosa la spiegazione del nome del cane fornita da Willy!) hanno persino gli stessi follicoli! 😉 Sembra un film pensato per far ricredere tutti quelli che schifano “Turner e il casinaro” 😛 Cheers

    Piace a 1 persona

  2. Conte Gracula ha detto:

    La coincidenza degli opposti, uomo-cane e canuomo, nessuno è il miglior amico di nessuno.
    Mi spiace per il cane, si sarà annoiato a girare questo film -_-

    Piace a 1 persona

  3. Zio Portillo ha detto:

    Mi sanguinano gli occhi dopo aver letto questa recensione. Qualcuno mandi un’ambulanza a casa di Willy per Dio!
    Ho capito che il nostro è abituato alla Z ma questo temo sia troppo persino per lui!

    Piace a 2 people

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Ahahaha! Sapevo che non avresti resistito alla tentazione delle didascalie! Per la gioia mia e non solo! 🙂

    Piace a 1 persona

  5. Giuseppe ha detto:

    Non sospettavo l’esistenza di questo Chuck Norris cinofilo, Willy, ragion per cui sorge una serie di angosciosi interrogativi: mi sentirò come un cane per non averlo mai visto? E se mai lo dovessi vedere, allora potrei correre il rischio di reagire facendo una gran cagnara? O mi limiterei a guardarlo in cagnesco? Chuck, qui, maneggia bene il cane della pistola o la pistola la sa usare meglio il cane di lui? Visto che è pure un cane da guida (dove, probabilmente, al suo posto Chuck avrebbe guidato da cani)? Come cane da riporto gliela fa sempre in barba o la barba Chuck se l’è fatta col riporto del cane? Se cane non mangia cane, vista la recitazione di Chuck allora Reno può stare tranquillo? Chuck è un cane sciolto, d’accordo, ma la sciolta del suo cane poi la lascia sul marciapiede? Come possiamo dire che sia vestito da cani quando Reno è più elegante di lui (e senza vestiti)? Sempre tornando alla recitazione di Chuck, se il cane si morde la coda allora lui quale coda si morderà? E, nel caso, come farà dopo ad andarsene con la coda fra le gambe? Domande, domande… 😀

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.