Soundman (1998) Voci di morte

Guardate questa locandina, e immaginate di trovare questo DVD in un negozietto dell’usato, immerso in una pila “tutto a 2 euro”: riuscireste a resistere con quei nomi in copertina? Io non ci sono riuscito, e – come ormai avviene sempre – me ne sono pentito.
Anticipo che, mentre sto scrivendo, questo disco giace nel bidone della spazzatura.

La MHE (Mondo Home Entertainment) dopo aver portato in DVD i grandi maestri ha capito che i soldi si fanno con il letame, e nel suo viaggio nel trovare i prodotti peggiori nell’universo ha un grande cruccio: perché solo la Minerva Pictures ha l’onore di distribuire in Italia le porcate dell’Asylum?
Ravanando nei secchioni della spazzatura della distribuzione americana scova un vecchio film, Soundman, opera prima (ed unica) scritta e diretta dall’attore/stuntman Steven Ho. Presentato il 30 agosto 1998 al canadese Montréal Film Festival, il film ha girato poco (e te credo!) ma quel che conta è che è stato distribuitto da un’etichetta che attira come l’oro: The Asylum.
Non è il tipo di film Asylum a cui siamo abituati, ma non è il caso di fare i pignoli: con malcelato orgoglio la MHE il 26 aprile 2004 porta in DVD italiano questa roba inguardabile, ribattezzandola Voci di morte.

Il titolo del vuoto…

Impossibile vedere il film per intero, visto che è un prodotto palesemente inadatto alla vita umana. Comunque per larghe somme Igby (Wayne Pére) è un tecnico del suono frustrato che lavora per una produzione di film western cialtroni diretti da Wes Studi: può sembrare intrigante l’idea che un discendente dei Cherokee diriga filmacci western, ma vi assicuro che dopo due o tre fotogrammi di questo film niente risulta più intrigante.
Come se non bastasse la star western Tommy (Nick Stahl) che fa i capricci e lo fa impazzire, il nostro tecnico del suono cerca di lanciare la sua vicina di casa violinista francese ammollando nastri registrati ad un produttore vistosamente non interessato come Frank Rosenfeld, il cui problema principale è avere la facciona di William Forsythe. E già coi suoi baffi il film potrebbe finire.

Forsythe è la garanzia di Z di ogni film!

I baffi di Forsythe sono così assurdi che persino Danny Trejo si leva i suoi, nei cinque fotogrammi in cui appare.

Inutile cameo di cinque fotogrammi di Danny Trejo

Il tecnico del suono Igby va fuori di melone e prende in ostaggio il produttore, armato di pistolone gigante. Poi succedono cose stupide e noiose ma fondamentalmente il film finisce qui.

Tipico tecnico del suono

La mortale bruttezza che permea ogni singolo fotogramma dev’essere per forza voluta, perché dubito fortemente che anche riprendendo immagini a caso si possa raggiungere lo stesso livello di spazzatura. Soundman è un tipico film da festival, che cioè spera che la propria cialtroneria sia scambiata per “visione artistica”, e che il suo abisso di nulla venga scambiato per “ricerca interiore”.
In attesa di capire meglio il messaggio del film, ho riposto la locandina nel bidone della carta, la custodia in quello della plastica e il disco nell’indifferenziata: ora sì che il film ha trovato il suo posto nel mondo.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in The Asylum e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Soundman (1998) Voci di morte

  1. Zio Portillo ha detto:

    Anche oggi la Z scorre potente in questo blog! Certo che anche tu Lucius… Come puoi pretendere qualcosa di buono da un film che come biglietto da visita presenta Trejo e Forsythe? Suvvia!

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Volevano per caso fare un “Blow out” di De Palma il salsa western? Va bene avere delle facce da cinema come Trejo e Forsythe (che si sono evidentemente scambiati i baffi) e con tutto il bene che voglio a Wes Studi, è meglio se resta da questa parte della macchina da presa 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  3. Conte Gracula ha detto:

    Dicci la verità, non avresti preferito prendere un bel gelato? ^^
    E comunque, Trejo senza baffi è surreale °_°

    Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Ho percorso il tuo medesimo iter mentale, letto titolo ed attori mi sono ringalluzzito, mano a mano che andavo avanti con la rece mi sgonfiavo e alfine sono assolutamente d’accordo con la destinazione che hai riservato al tutto! 🙂

    "Mi piace"

  5. Giuseppe ha detto:

    L’ultima immagine è emblematica, come se lo stesso protagonista stesse decidendo se proseguire nel tormento o sparare direttamente al regista… 😉
    Tra l’altro questa roba ha avuto pure il torto di illudermi, per via del titolo, di avere magari a che fare con tematiche simili a quelle di “Sound”, un nostro ormai dimenticato ma affascinante film tv di Biagio Proietti del 1989 (con Peter Fonda nel ruolo principale… sì, lo so che a dirlo oggi sembra incredibile), e invece niente! Qui siamo solo in presenza di pura merda d’artista (da festival, dove purtroppo ti possono far credere che tu lo sia davvero, un artista)…

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: Shadow of Fear (2004) e le altre Porcate del Brivido | Il Zinefilo

  7. Pingback: The Masque of the Red Death: sinistro

  8. wwayne ha detto:

    Voci di morte è del 1998, e Wes Studi ha vinto l’Oscar alla carriera nel 2019: questo significa che hanno considerato da Oscar anche questo film. 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.