Venerdì 13 [3] (1982) Week-end di terrore

Nuovo appuntamento per raccontare i miei venerdì con Jason.

L’horror è appena nato e già entra in crisi. Ci addentriamo negli anni Ottanta e sugli schermi americani sbarcano film di fantascienza così incredibili che nessun assassino psicopatico potrà mai nulla contro di loro.

Su “Starbust Magazine” n. 58 (giugno 1983) ci viene raccontato che film come E.T. (giugno 1982) e Tron (luglio 1982) al botteghino hanno stracciato i film horror del periodo: Poltergeist (giugno 1982) è quello che ha guadagnato di più (76 milioni in totale, negli USA) ma è uno scherzo in confronto agli incredibili 435 milioni di E.T.: su 50 film horror in produzione, ci viene detto, solamente 25 verranno completati. «I produttori non tagliano più le gole dei ragazzi, bensì i propri progetti in lavorazione».

“Fangoria” 28 (luglio 1983)

I fan dell’horror comunque rimangono fedeli, e quando nel luglio 1983 il numero 28 della rivista “Fangoria” presenta i risultati di un sondaggio fra i propri lettori, per le migliori sceneggiature del 1982 abbiamo:

  1. Creepshow
  2. Poltergeist
  3. The Thing / Road Warrior
  4. Halloween 3 / Cat People
  5. Venerdì 13 parte 3

Il nostro film si aggiudica inoltre il 6° posto nella classifica dei peggiori film di quell’anno: il primo (cioè il peggiore) è Amityville II.

Mezzucci per sfruttare la “nuova” tecnologia

Proprio come suoi illustri successori, da Lo squalo 3 (1983) ad Amityville III (1983), anche questo “terzo film” usa il proprio numero per sfruttare la tecnologia “nuova” che torna regolarmente ogni ventennio a spennare gli spettatori: il 3-D.
Friday the 13th Part III in 3-D esce in patria il 15 agosto 1982 ed arriva nelle sale italiane il 1° settembre 1983 con il semplice titolo Week-end di terrore: non so perché all’epoca venisse taciuto il riferimento alla saga, quasi come se questi fossero film singoli.
Esce nella consueta edizione VHS CIC Video ed è nota anche una ristampa Paramount dell’aprile 1992. Nell’ottobre 2004 la Paramount lo porta in DVD nell’infornata di ristampe della serie.

Si capisce che è in 3-D?

Stavolta la sceneggiatura è assente ingiustificata e qualsiasi riferimento a Venerdì 13 è assente. Abbiamo solo un flashback di dieci minuti che riassume i primi due film e a seguire 80 minuti con dei ragazzi che entrano in video per venire uccisi da un tizio deforme. Senza spiegazioni, senza riferimenti a campi estivi o a madri assassine, senza una parola che sia una che non sia di circostanza.

Addirittura due gocce di sangue. questo sì che è splatter!

Almeno le morti sono spettacolari? No, a parte un paio di scene pseudo-truculente – ma senza una sola goccia di sangue – è un film per educande.

Va be’, questo è un omaggio alla morte di Kevin Bacon nel primo film

L’unica trovata intrigante è che un finale aperto potrebbe far pensare che l’intera vicenda potrebbe essere stata frutto della pazzia omicida della final girl, che ha ucciso tutti senza alcun Jason. Ma ovviamente è solo una trovata per chiudere in fretta e in furia una storia che in realtà non è mai iniziata.

Se fai incazzare Jason… lui poi ti accartoccia!

Alla rivista “Jason Goes to Hell: The Official Movie Magazine” (1993) la final girl di turno, Dana Kimmell, rivela di non essere stata per nulla attirata dal copione, per nulla attratta dalla violenza e dal sesso. «Ne parlai con il produttore Frank Mancuso jr. e molti di questi elementi vennero tolti o smussati»: grazie Dana, per aver tolto gli unici elementi di interesse del film! Giustamente un’attrice che di professione faceva la comparsa televisiva aveva voce in capitolo… «C’è da chiedersi che genere di film credeva di star girando», si chiede dubbioso Jim Harper nel suo Legacy of Blood (2004) riguardo questo strano aneddoto: più facile che siano le solite chiacchiere da attori per sembrare più importanti.

Per motivi ignoti, ci viene mostrato Jason per un secondo…

Era appena sbarcato in America da Londra Richard Brooker quando ha risposto ad un annuncio pubblicitario. Cercavano un attore corpulento per un ruolo in un film horror: i suoi 190 centimetri di dimensione artistica finiscono subito sotto i vestiti di Jason. (Anche se il celebre nome del personaggio in questo terzo film non viene mai citato.)

«Interpretare una macchina per uccidere totalmente demente è l’opportunità perfetta per dimostrare che non serve parlare per recitare», racconta l’attore alla citata rivista. «Il regista accettò che Jason fosse interpretato con larga improvvisazione», quando in realtà in altre riviste viene specificato che ogni singolo aspetto del film è stato studiato e nulla è stato lasciato al caso. «L’unica indicazione che ho avuto da lui è di non pormi domande sulle motivazioni del personaggio: Jason non ha motivazioni.»

Com’è cambiata la vita dell’attore dopo questo ruolo? «Una volta mi presentarono ad una ragazza in un bar come il tizio che aveva interpretato Jason, e lei volle sapere se dormissi con un’accetta nel letto.»

La prima apparizione della maschera da hockey

L’unico pregio di questo film è di essere fortemente metacinematografico: anticipando di quindici anni Scream (1996) di Wes Craven, questo terzo Venerdì 13 gioca apertamente con tutti i dettami dell’horror, genere all’epoca appena nato. Mentre nel precedente film Steve Miner doveva dimostrare di saper dirigere, qui può lasciarsi andare: ai ragazzi che affollano i cinema non frega niente della regia, vogliono solo divertirsi. In realtà vorrebbero sangue e sesso, ma sono finiti gli anni Settanta e quel treno non passa più.

La prima apparizione di Jason “mascherato”

Non solo ogni personaggio si comporta come se sapesse benissimo che il pubblico attende la sua morte, ma entra in ballo il personaggio di Shelly (Larry Zerner), il pagliaccio del gruppo che usa quegli stessi effetti speciali truculenti che hanno reso famosa la serie, ma non solo: è il personaggio che porta in scena la maschera da hockey che diventerà simbolo immortale di Venerdì 13.

Qualcuno sa identificare la rivista che tiene in mano Shelly (Larry Zerner)?

E poi, dopo anni di approfondimenti, articoli e lanci pubblicitari sulla rivista specializzata “Fangoria”… vogliamo fargliela una bella marchetta?

La “vittima” legge un numero non meglio identificato di “Fangoria”

Omaggio a Tom Savini, il vero “padre” di Venerdì 13 (da “Fangoria” n. 1, agosto 1979)

E mettiamoci pure Godzilla! (sempre da “Fangoria” n. 1, agosto 1979)

Quando la tipica ragazza da film horror, che sta per essere ammazzata dal “mostro”, legge una rivista specializzata che recensisce film horror come quello che lei sta vivendo, ecco che la realtà entra in loop.

A masked monster is born

Certo, “Fangoria” si occupa approfonditamente di effettacci e questo film ne è quasi totalmente privo, ma purtroppo la censura è ormai l’unico mostro che usa il machete…

L.

P.S.
E ora, tutti nella Bara Volante… prima che vi ci mandi Jason!


Bibliografia

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Horror e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

34 risposte a Venerdì 13 [3] (1982) Week-end di terrore

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    Svegliarsi di prima mattina con gente accartocciata e maschere da hockey 😍😍😍

    Piace a 1 persona

  2. Evit ha detto:

    Questa serie non la conosco. Nel senso che non l’ho mai guardata salvo un episodio, che guarda caso è proprio questo quindi ti immagini come me la sia bruciata sul nascere. Il primo film mi sembra già più interessante, so tutto di quel film anche se non l’ho mai visto.
    Quando sono venuto a contatto con questa serie era già diventata una barzelletta, quindi spero di avere una scusa morale, il mio rifiuto è giustificato, no?

    Piace a 1 persona

  3. redbavon ha detto:

    Come sai, non amo questo genere di film, ma mi stai facendo appassionare alla storia dei film di Venerdì 13, i “dietro le quinte”, le aspettative del pubblico, il contesto in cui vennero pubblicati.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Infatti è principalmente la cosa che mi interessa. Io infatti adoro gli splatter mentre già dal secondo episodio non si vedono più effettacci. Ci sono solo personaggi inutili che spariscono man mano, quindi davvero un film inutile. Però è un gran piacere andare a scaltabellare le fonti dell’epoca 😛

      "Mi piace"

  4. Zio Portillo ha detto:

    Concordo con @redbavon qua sopra. I film li ho visti (quasi…) tutti anche se non mi hanno mai appassionato e neanche me li ricordo molto.
    Però il dietro le quinte e i vari retroscena che pubblichi mi fanno appassionare a queste saghe. Grande Lucius!

    Piace a 1 persona

  5. Cassidy ha detto:

    La rivista con la signorina purtroppo non la riconosco, non si legge il titolo, e non perché sono distratto dalla suddetta 😉 Si vedono bene invece “Shang chi master of kung fu” della Marvel
    e “Ghosts” rivista antologia horror della Distinta Concorrenza.

    Questo film non inventa molto, si gioca la “novità” del 3D, più che altro è importante perché introduce uno dei simboli di Jason, la maschera da Hockey, la sua passeggiata sul pontile resta iconica, il film invece è poca cosa, anche gli omicidi, l’unico memorabile è il tipo “accartocciato”, che ancora viene ricordato come uno degli ammazzamenti di Giasone più caratteristici 😉 Per il resto, solito enrome lavoro di ricerca, trovo spesso più affascinante il tuo modo di incrociare le informazioni che le trame dei film! Cheers

    Piace a 2 people

  6. Conte Gracula ha detto:

    A volte penso che il cinema horror si basi un po’ troppo sulle icone che crea e troppo poco sulle trame 😛
    Questo nemmeno ricordo se io l’abbia visto!

    Piace a 1 persona

  7. Giuseppe ha detto:

    La metanarratività di questo terzo capitolo è forse l’unica cosa (oltre all’introduzione della famosa maschera) capace di suscitare qualche interesse, vero… ma il resto, come per gli altri due titoli primi ’80 da te ricordati, è praticamente tutto in funzione del 3D con l’unico scopo di “farti arrivare Jason addosso”, potrei dire. Nient’altro sembra avere importanza: caratteristica che, non a caso, ha pesantemente in comune sia con Lo squalo 3 che con Amityville III (trame e personaggi che definire risibili e monodimensionali è far loro un complimento)… di certo, il Giasone migliore NON si trova in questo film. E a dire il vero, avendoli io visti tutti, nemmeno il peggiore. Ma questo, con il tuo impeccabile lavoro di ricerca, avrai il piacere di scoprirlo strada facendo… 😉

    Piace a 1 persona

  8. Pingback: Venerdì 13 [4] (1984) Capitolo finale | Il Zinefilo

  9. Pingback: Venerdì 13 [12] (2009) Ri-fammi male | Il Zinefilo

  10. Pingback: Halloween 7 (1998) H20 venti anni dopo | Il Zinefilo

  11. Pingback: [Books in Movies] Jason vive (1986) | nonquelmarlowe

  12. Pingback: Notte Horror: dieci anni di film estivi | Il Zinefilo

  13. Pingback: Visiting Hours (1982) Delitto al Central Hospital | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.