Bet Your Life (2004) Giochi rischiosi

Il 2004 è un anno spartiacque, siamo drasticamente vicini a quel 2005 in cui il cinema è morto e le cialtronate di serie Z diventano la regola invece che l’eccezione, ma siamo ancora legati al cinema anni Novanta, quello dove anche le stupidate sono girate come fossero film “normali”.
Su questa lama affilata corre Bet Your Life, uscito in patria americana il 4 agosto 2004 e portato in DVD Dall’Angelo Pictures dal 2005.

Grandi fondi stanziati per la grafica del titolo…

IMDb riporta il titolo italiano Giochi rischiosi che probabilmente si riferisce a qualche passaggio televisivo non meglio identificato. Di sicuro c’è stato perché la prima volta che ho visto il film (o meglio, una piccola parte di esso) è stato su un piccolo canale locale: purtroppo non ho pensato a prendere nota, quel giorno.
Quando poi ho trovato il DVD a 2 euro su bancarella, ho voluto investire questa cifra in un prodotto che palesemente non la vale…

Tipica faccia di serie Z…

Sonny Briggs (Sean Carrigan) è il solito giocatore in eterna attesa della serata fortunata, e nel frattempo gioca in continuazione e ora deve dei soldi ad un boss che bla bla bla: pensate a qualsiasi cosa già vista milioni di volte, e avete capito chi è il personaggio.
Una sera stranamente fortunata ad un tavolo da gioco di Las Vegas finisce al cospetto di Joseph, un pittoresco riccone interpretato da Billy Zane: com’è noto, quando Billy entra in scena… tutto esplode! (E non necessariamente in senso positivo!)

Tipica posizione da Billy Zane!

Visto che Sean è un ex giocatore di football indebitato e incastrato fino al collo, Joseph vede in lui il protagonista perfetto del suo “gioco”. Il riccone infatti non si accontenta più delle “classiche” emozioni, vuole provare qualcosa di diverso: e la caccia all’uomo è il gioco giusto per lui. Il film, d’un tratto, si trasforma in un economico titolo della serie “Hounds of Zaroff“.

Si è aperta la caccia… all’uomo!

Se Sean riuscirà a sopravvivere per ventiquattr’ore, andando ovunque voglia e facendo tutto ciò che vuole, riceverà in compenso due milioni e 400 mila dollari: cioè centomila dollari per ogni ora di sopravvivenza. Dovrà solamente evitare le pallottole di Joseph: un rischio accettabile, almeno per l’indebitato Sean.

Addirittura abbiamo un Billy marziale! (Ma mi sa che è uno stunt double)

Eccoci dunque in pieno most dangerous game, la “pericolosa partita” che ha dato il via a questo genere narrativo. Siamo però lontani dalle terre esotiche in cui di solito sono ambientate le storie e ci muoviamo nel puro squallore cittadino. Ciò che inizia infatti è un film ambientato interamente su un ponte di Cleveland: passano sotto, passano sopra, passano di fianco, si infilano dentro, salgono sopra, scendono sotto, corrono di lato… Insomma, tutto pur di sfruttare l’unica location che la produzione possa permettersi!
E sì che ci sono esplosioni e pure un elicottero, quindi qualche dollaro in tasca è disponibile, ma non tanto da spostarsi da quel maledetto ponte di Cleveland.

Per risparmiare, si affronta un elicottero con un idrante

Qui Sean deve sfuggire a Joseph che lo rincorre da solo, perché gli altri personaggi del film sono imbarazzanti cartonati che fanno le boccucce e la facciuzze senza alcun motivo. L’unico altro personaggio parlante è l’esattrice del boss che deve acciuffare Sean: Carmen, interpretata dalla piacevolissima canadese Corinne Van Ryck de Groot, che prima di fare l’attrice (va be’, “attrice” è un parolone) è stata a quanto pare nella polizia canadese e lì ha fatto parte della squadra di boxe. Vinto un reality televisivo del 2004 organizzato da Joel Silver per scoprire nuovi talenti, si ritrova nel rutilante mondo dello stunt cinematografico, ruolo che ricopre ancora oggi facendo tra l’altro da stunt double nella serie TV “Westworld“.
La sua recitazione non stona certo in un film del genere, ma la sua presenza di sicuro illumina ogni scena in cui appare.

Tutta la grinta di un’ex pugilessa-poliziotta canadese

Inutile dire che la caccia cialtronesca è solo una scusa per lasciare spazio all’istrionità di Billy Zane, che si diverte un mondo a gigioneggiare in giro, a fare battutine, a suonare l’armonica, a usare armi che non servono a niente e a cercare di riempire un buco di sceneggiatura grande quanto l’intero film con la sua “simpatia”. Va be’, “simpatia” è un parolone…

Sono il vostro amichevole Billy Zane di quartiere

Questo minuscolo film porta la firma, sia come regista che come sceneggiatore, di Louis Morneau, che abbiamo incontrato in Carnosaur 2 (1995) e The Hitcher 2 (2003), entrambi non certo da ricordare.
Eppure entrambi i titoli citati sono decisamente molto più curati di questo Bet Your Life, dalla qualità inadatta anche se fosse un film televisivo. Come dicevo, i 2 euro del prezzo speso per il DVD non li vale minimamente.

Dubito fortemente che il pelato sia davvero Billy Zane…

Chiudo con la scheda del doppiaggio, a sorpresa presente alla fine del film in DVD.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Action e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Bet Your Life (2004) Giochi rischiosi

  1. Evit ha detto:

    Mai nella storia del cinema si è sentita una trama simile, mai!
    Dai nomi sconosciuti al doppiaggio presumo che anche in questo il film non brilli particolarmente

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Per fortuna sei stato così saggio da scommettere su questo film, non la vita, ma solamente 2 euro, anche perché il suo valore è di molto inferiore al budget stanziato per il DVD 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  3. Zio Portillo ha detto:

    Che poi, onestà per onestà, te lo mettono a caratteri cubitali in cima al dvd: dai produttori di Matrix. Nel 2004 i seguiti dell’unico film salvabile (il primo…) erano già belli che usciti. Se lo pagavi più di 2€ era da considerarsi rapino a mano armata!

    Piace a 1 persona

  4. Conte Gracula ha detto:

    Mai visto, ma sento che è come se lo conoscessi da tutta la vita! XD

    Piace a 1 persona

  5. Willy l'Orbo ha detto:

    A proposito di locandine ma ne vogliamo parlare di quanta Z attizza la suddetta del suddetto film??? 🙂

    Piace a 1 persona

  6. Sven ha detto:

    Ciao non riesco a far sparire il disclaimer dei cookies, tocco chiudi e accetta la pagina si ricarica e la maledetta striscia ricompare. Sto usando un Tablet Android. Non so… è un problema solo mio?

    Piace a 1 persona

  7. Giuseppe ha detto:

    Corinne Van Ryck de Groot illumina d’immenso un film assai melenso 😉
    P.S. Su Blogger quella dannatissima barra del disclaimer è MOLTO più gestibile…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.