Avalanche Sharks (2014) Snow Sharks

Ma io dico, ci voleva tanto a fare un filmaccio fetente per farsi due risate? Gli Ice Sharks (2016) della Asylum hanno fallito, quindi diamo il benvenuto alla Odyssey Media che, distribuita dalla MarVista, presenta questo Avalanche Sharks, noto anche come Snow Sharks.
Risulta inedito in Italia: magari è passato su qualche canale ma non posso stabilirlo con certezza.

Ammazza che grafica, roba da professionisti!

Dopo aver lavorato come documentarista, Keith Shaw ha capito che gli spettatori vogliono prodotti di genere da due soldi, così ha cominciato a produrli e a scriverli, nascondendosi dietro vari pseudonimi.
Come Lindsay James ha scritto quel capolavoro di inettitudine che è Sea Ghost (2004), come Keith Shaw ha aiutato il declino di Wesley Snipes con L’arte della guerra 2 (2008) e ci ha portati in un buco nel terreno con Sink Hole (2013): nascondendosi dietro il nome di Taj Nagaoka è pronto a conquistarci con questi squaloni della neve!
Alla regia c’è Scott Wheeler, di mestiere tecnico degli effetti speciali che ogni tanto gioca a fare altro.

Sbaglio, o quella è una pinna?

Sì, è una pinna

La trama. Mmmm… la trama… Sì, dunque, la trama… C’è un gruppo di ragazzi che va sulla neve per lo Spring Break… serve altro?

Di cosa parlerà mai questo film?

Ok, altra trama. C’è uno squalone che nuota nella neve e si mangia gli sciatori isolati… serve altro?

Mi sento strana, mi sa che mi sono ferita…

Ok, altra trama. I cannoni spara-neve hanno rovinato un totem che teneva lontano il demone-squalo, e solo rimettendo a posto il totem lo squalone scomparirà. Mmmm… era meglio la tipa in bikini.

Tipico Totem scaccia-squali della neve

Girato con mezzi di fortuna e con attori che potete chiamare in tanti modi, ma non “attori”, privo di un qualsiasi valore tecnico, privo di tutto, rimane esattamente quello che è: una cazzatona con uno squalone che nuota nella neve e mangia la gente. Non serve molto per divertire un zinefilo, eppure c’è riuscita questa produzione improvvisata e non case più blasonate.

Un’antica storia, quella fra ragazze urlanti e squali

Cialtronesco in ogni suo pur minuscolo aspetto, Avalanche Sharks riesce dove altre case crollano: nell’intrattenimento. Alla fine chi guarda un film del genere cerca solo un po’ di divertimento caciarone, e in questo caso lo ottiene: con la Warner e le altre case di serie Z si ottiene solo noia e fastidio.
È una gara a ribasso, ormai…

Ovviamente non vi posso consigliare il recupero di una roba del genere, ma di certo se volete passare una serata a ridere in faccia a vittime di squali, è l’unico titolo che mi viene in mente della produzione contemporanea.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Squali e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

26 risposte a Avalanche Sharks (2014) Snow Sharks

  1. Cassidy ha detto:

    La locandina non è male, quindi come tu mi insegni, vuol dire che il film fa schifo. La tipa in bikini è ottima e mi pare anche la parte migliore di tutta la pellicola e vedo che i paraorecchie vanno forte in questo film, ma forse sarebbe più indicato il paraocchi per guardarlo 😉 Cheers

    Piace a 2 people

  2. benez256 ha detto:

    Maaaaa il nome della gnoccolona in bikini sulla neve? Anche perchè penso sia la roba più di classe del film…

    Piace a 1 persona

  3. nik96 ha detto:

    veramente è ancora inedito in Italia

    "Mi piace"

  4. Il Moro ha detto:

    Io ho già riso parecchio anche solo con il trailer!

    Piace a 1 persona

  5. Conte Gracula ha detto:

    Ma quindi sono squali maGGici?
    Temo che il prossimo passo siano gli squali zombie, se già non ci hanno pensato…

    Piace a 1 persona

  6. nik96 ha detto:

    molto probabilmente visto che al canale Cielo piace la Marvista di sicuro lo mandera in onda.

    "Mi piace"

  7. Zio Portillo ha detto:

    Oh! Finalmente un titolo che ci faccia divertire. Bravo Lucius! Se in futuro lo beccherò in tv non cambierò canale. Tanto prima o poi CineSony ce lo propinerà…

    Piace a 1 persona

  8. Cerchidifumo ha detto:

    devo vederlo assolutamente

    Piace a 1 persona

  9. Giuseppe ha detto:

    Ma scopro che è coinvolta pure la stessa Kate Nauta che si è scontrata con Jason Statham in Transporter: Extreme… a ciascuno il suo squalo: da neve per lei, megalodonte per lui 😛

    Piace a 1 persona

  10. The Butcher ha detto:

    Penso che lo vedrò giusto per divertirmi e rilassarmi.

    Piace a 1 persona

  11. Pingback: Sand Sharks (2012) Ho scritto squalo sulla sabbia | Il Zinefilo

  12. Pietro Sabatelli ha detto:

    Le idee più strampalate sono sempre le loro, comunque sopratutto interessante è la ragazza, nome? 😉

    Piace a 1 persona

  13. Pingback: [Pseudobiblia] Presunto omicidio (2006) | nonquelmarlowe

  14. Pingback: Terrordactyl (2016) L’ignoranza al potere | Il Zinefilo

  15. Pingback: Transporter 2 (2005) La seconda è la migliore | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.