Nunchaku a fumetti: The Long Con (2018)

Cover di Ea Denich

Non sarà un’iniziativa natalizia, ma questo dicembre ne approfitto per tornare a parlare di nunchaku, ma stavolta… a fumetti!

Alla Oni Press voglio bene per quel capolavoro di Whiteout (1998) del grande Greg Rucka, eppure è una casa che non seguo mai. Non per scelta, è che seguendo decine di testate ogni mese – principalmente Dark Horse e Dynamite – non ce la faccio a spulciare pure le case più piccole. E così rischiavo di perdermi questo gioiellino!
Nel luglio 2018 inizia la saga The Long-Con, scritto da Dylan Meconis e Ben Coleman e disegnato da Ea Denich. Lo trovate in digitale su Amazon.

Los Spinoza, 2023. La zona è stata vittima di un misterioso evento da fine del mondo, forse qualcosa di nucleare perché il Governo ha recintato la zona: nulla di ciò che vi esce può essere buono e va passato per le armi.
All’interno della zona nel 2018, quando cioè è accaduto “qualcosa”, si stava svolgendo il gigantesco Long-Con, una convention piena di fan da ogni parte del mondo vestiti come i loro eroi: immaginate un esercito di “nerdoni” di ogni età, senza vergogna né pudore, vestiti nei modi più assurdi e in omaggio ai personaggi più astrusi. Aggiungete vecchie glorie venute a firmare autografi… e poi “qualcosa” fa credere a tutti che il mondo sia finito e l’unico angolo di universo ancora vivibile è il comprensorio del Long-Con. Capite che è un’idea geniale dalle mille possibilità: orde di fan che girano in cerca di poster autografati e carte magiche!

Il protagonista è un giornalista appannato in cerca di scoop, e sembra averlo trovato: il problema è che è un uomo che “viene da fuori” (outsider) e quindi a Los Spinoza lo considerano un pericoloso zombie da uccidere. Lo aiuta una sua amica, fan dei ninja, ma quando lo porta a casa… il malcapitato riceve una nunchakata in faccia! La compagna di stanza dell’amica lo credeva appunto uno zombie…

Nunchakata a sorpresa!

Sono lontani gli anni Settanta, il nunchaku non è più la nobile arma del Kobudô ma solo un gadget per nerd: e il Long-Con è la patria universale dei nerd. Così non stupisce che la co-protagonista, al momento del bisogno, abbia trovato quest’arma tranquillamente disponibile nei negozi dello stabile: dopo un paio di comparsate, il nunchaku scompare ma ci lascia una deliziosa citazione.

Più che un grido di battaglia sembra un miagolio…

Un fumetto geniale che gioca con la totale follia dei fan, dei cosplayer e degli esagitati in generale, che approfittano subito del fantomatico olocausto nucleare per instaurare nel Long-Con una società dittatoriale, dove seguire il franchise sbagliato può essere fatale!

L.

– Ultimi post sui nunchaku:

– Ultimi post sui fumetti:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fumetti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Nunchaku a fumetti: The Long Con (2018)

  1. Cassidy ha detto:

    L’idea di sfruttare la gioiosa follia di una fiera di fumetti, e dei suoi caratteristici abitanti è davvero geniale, ricorda un po’ “La notte del Drive-in” di Champion Joe in versione più nerd, i Nunchakata poi rendono tutto più figo 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    È da un po’ che non leggo i fumetti ma, con la recensione suddetta, mi hai quasi prendere lo stuzzichio di riprendere il discorso 😁

    Piace a 1 persona

  3. Conte Gracula ha detto:

    Potrebbe essere simpatico… di certo, il disegno è carino 🙂

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.