Chuck Norris 23. Hellbound (1994)

Verrà la fine della Cannon e avrà gli occhi di Chuck Norris: è il momento di andare tutti all’inferno!

Seguite questo ciclo a vostro rischio e pericolo!

Mentre la già disastrata saga di Hellraiser raggiunge il suo apice e il terzo delirante film conquista tutti quei fan che oggi stranamente ancora lo stimano – soprattutto quelli che non hanno visto tutti gli altri film – la morente Cannon si sente vicina all’inferno e ruba il titolo del secondo Hellraiser: Hellbound.
Vi ricordo che Willy l’Orbo ha già recensito il film.

Le biografie di Chuck Norris non parlano più di cinema superata la metà degli anni Ottanta, e da questo film le già rarissime fonti che ogni tanto si occupavano dei titoli di Norris si fermano: è ormai un attore così rarefatto, impegnato in progetti così invisibili all’occhio umano che non vale la pena neanche citarlo.
Quindi le informazioni relative alla pellicola sono davvero poche. Sappiamo che è uscito in patria il 21 gennaio 1994 e il 7 giugno successivo riceve il visto della censura italiana, con il titolo Hellbound. All’inferno e ritorno.

Un brutto film lo si vede anche dal brutto titolo

Nelle sale italiane ci arriva il 17 luglio 1994 e la gente non fa in tempo ad esprimere il profondo disprezzo per l’abominevole prodotto che è già scomparso. Esce in VHS Cannon nel dicembre successivo e il primo passaggio TV noto è quello in seconda serata di Italia1 del sabato 29 aprile 2000: dopo una replica del 27 aprile 2002, il film giustamente finisce nell’inferno che merita.
Come i peggiori film ha ben due edizioni DVD, che ovviamente posseggo (essendo io un collezionista folle) ma che giuro non ho cercato! Mi sono capitate per le mani: una Quadrifoglio 2001 e una Hobby&Workd 2010, presa in edicola con la collana “Chuck Norris. Il mito”. Malgrado la brutta fama della Quadrifoglio, la Hobby&Work fa prodotti decisamente peggiori.

Sempre lo stesso inutile ruolo di poliziotto

Norris è un tipo che ama sperimentare, così per la milionesima volta fa il poliziotto dalla mano pesante, cioè lo stesso identico ruolo che fa dagli anni Ottanta a… per sempre.
Stavolta si chiama Frank Shatter e credo sia un nome scelto per come suona in italiano: Franco Sciatto, come sciatto è lui, chi l’ha scritto, chi l’ha diretto e chi l’ha recitato. Va infatti sottolineato che questo non è un film: è il supplizio destinato all’inferno nel girone dei cinefili.
Comunque il consueto fratellone Aaron Norris ha girato il mondo alla ricerca della più stupidamente ridicola spalla comica possibile, ma il problema è che gli attori neri sono tutti gagliardi e simpatici, è davvero impossibile concepire un black buddy vergognosamente diarroico. Poi il regista passa per l’Italia e scopre un fumetto in edicola, si chiama “Nick Raider” ed è un onesto fumetto giallo devastato dalla più cialtronesca spalla nera che la razza umana abbia potuto concepire, e ha l’illuminazione: a Chuck in questo film bisogna affiancare un abominio umano proprio come Nick Raider è affiancato da Marvin Brown.

Malgrado l’umanità abbia scelto di dimenticare, questo è successo realmente

Mi rifiuto di cercare il nome di quella forma di vita quasi umana che si nasconde sotto un taglio di capelli che forse nel Medioevo su Plutone andava di moda, che per fortuna si riesce a guardare poco perché distratti dalla giacca di Chuck Norris, intessuta da autentica Vergogna mista Orrore: è l’unica giacca visibile dallo spazio.
Comunque questa roba, che chiameremo “film” per brevità, perché a ripetere “sterco del demonio” mi stanco, verte su una strana coppia di sbirri: un buffone e un demente. Scegliete liberamente a chi affibbiare queste qualità.

Finalmente Chuck è riuscito a lavorare insieme a Whoopi Goldberg

I soliti sceneggiatori compagni di merende di Chuck sono affiancati ad altri sceneggiatori che trovano il sistema di girare in Israele così risparmiamo: non mi stupirebbe scoprire che quello che vediamo è in realtà casa Golan, che ha evitato di buttar via ulteriori soldi in location.
La trama parla di un demone del Medioevo che ride da solo come uno scemo poi rimane incastrato per mille anni ma si è svegliato troppo presto, così deve aspettare cinquant’anni perché si avveri la profezia: un beota con la barba verrà a dire cose stupide. Oh, la profezia ci ha azzeccato.

Sono un diavolaccio… però mi piaccio.

Quello che segue nessun essere vivente dovrebbe vederlo, è solo la triste prova che tutti quelli che oggi – e solo oggi – esaltano la Cannon perché ha dominato gli anni Ottanta non hanno capito bene il fenomeno: parliamo di una casa che è stata fortunata da azzeccare qualcosa nel mare di immondizia che ha riversato nel cinema. Stupisce che sia arrivata fino al 1994 prima di fallire, visto la robaccia che produceva.

Salve, sono Sheree J. Wilson: passiamo i prossimi dieci anni insieme in TV?

Non c’è un solo fotogramma in cui Norris dia prova di essere vivo, circondato da attorini improvvisati come neanche gli italiani all’estero hanno mai avuto il coraggio di proporre: e sì che questo film usa gli stessi strumenti che renderanno grandi case come la Millennium Films e registi come Isaac Florentine. Cosa c’è di diverso? Vogliamo parlare di talento?
Non servono soldi per fare un buon film: servono elementi che la Cannon non aveva più da anni, semmai li aveva avuti.
Mentre il demone tira cuori umani in giro e Chuck è assente ingiustificato, tanto da far temere per la sua salute (una persona sana non può fare quelle facce!), il film procede liscio come lo scarico di un water: l’importante è stare a distanza giusta per evitare gli schizzi.

Poi uno si chiede perché la Cannon sia fallita…

A dare due ulteriore botte alla tomba del film ci pensa il doppiaggio italiano, così il demone infuriato al massimo della sua ira grida… «Maledetto pasticcione!»
Per me il film finisce qui…

Tutti sanno che i cadaveri emettono peti: Hellbound è la prova che la Cannon era già morta prima del fallimento. Morta come la carriera cinematografica di Chuck Norris, deceduta semplicemente perché lui non ha più fatto nulla dal 1987, lasciandola deperire. Perché un attore che è cresciuto sognando il cinema, che dal 1969 ha provato ad entrarci, che ha lavorato sodo per costruirsi una carriera… d’un tratto smette di muoversi e lascia che il proprio sogni muoia d’inedia? Si è stufato? Ha avuto un ictus che gli impedisce di muovere la faccia? Non si sa, nessuno gliel’ha mai chiesto.
Probabilmente dopo vent’anni di carriera si è reso conto che non amava così tanto il cinema come pensava. Vedremo la deriva che ha preso la sua carriera.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Chuck Norris 23. Hellbound (1994)

  1. Cassidy ha detto:

    Beh, direi che è un film che merita la visione, si è beccato non una, ma due stroncature nette e senza appello dalle pagine del Zinefilo, che comunque sono due recensioni in più di quello che meriterebbe vista la qualità. Ti stavo leggendo sul bus, scorrendo ho visto la foto velocemente pensavo davvero fosse Whoopi Goldberg! Poi l’azzurro impossibile della giacca di Chuck mi ha risvegliato nel modo peggiore possibile. Quindi la bionda del famigerato telefilm per cui tutti ricordano Norris, arriva dal suo film peggiore, fa pensare. Perché questo è il suo film peggiore vero? Mi auguro che più in basso dell’inferno non si possa arrivare, ma già temo che Chuck ci porterà giù lungo tutti i gironi! Cheers

    Piace a 1 persona

  2. wwayne ha detto:

    Tu ci scherzi, ma c’è un regista che ha davvero utilizzato casa sua per risparmiare sulle location del film che stava girando, e ha avuto anche un ottimo successo: infatti il film in questione è Crash – Contatto fisico, e ha vinto l’Oscar come miglior film nel 2006. Più precisamente, la casa del regista è quella in cui fingono di abitare Brendan Fraser e Sandra Bullock.
    Riguardo a Hellbound, mi stupisce l’assoluta incapacità da parte dei produttori di capire quanto siano trash certi dettagli. Era chiaro come il sole che la locandina era oscena, che Chuck Norris dovesse cambiare quella giacca turchese e che la sua spalla aveva un assoluto bisogno di passare dal parrucchiere: com’è possibile che dei professionisti del cinema (per quanto di infimo livello) non si siano accorti di dettagli come questi, immediatamente comprensibili anche per il più sprovveduto degli spettatori?
    Probabilmente la spiegazione l’hai indicata tu stesso nel tuo divertentissimo post: la sciatteria. Quando un film viene girato senza il minimo impegno da parte di nessuno, a quel punto anche i difetti più macroscopici passano inosservati, e se anche qualcuno se ne accorge fa spallucce e tira a dritto senza fregarsene più di tanto. Il che è un bene: se anche i più ignobili mestieranti del cinema cominciassero a metterci un po’ di impegno, non avremmo più film trash in cui rotolarci come porci nel fango! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Tendo sempre a specificare che questo non è cinema trash, perché questa espressione troppo generica indica un modo divertito di fare volutamente male un film, oppure da persone che credono di fare “arte” e invece fanno stupidate: questi sono film fatti male perché fatti da cialtroni che buttano via le grandi potenzialità che hanno perché non sanno di averle.
      Visto che parliamo del 1994, ci sta la moda assurda, perché posso testimoniare che all’epoca c’era davvero di peggio in giro e quei colori assurdi erano considerati fighi: prendi i film più famosi girati nello stesso periodo e troverai queste offese al buon gusto in pari misura. Ma si perdona tutto ad un film che però sappia emozionare: quando invece il film è spazzatura, allora ogni difetto vale doppio 😛
      P.S.
      Il regista di “Coherence” (2013) ha girato tutto in casa propria all’incirca in una settimana, con la moglie incinta chiusa in camera da letto, ed è venuto fuori un piccolo gioiello: “come” si gira alla fin fine non è un problema, se però il risultato appassiona.

      "Mi piace"

      • wwayne ha detto:

        Non ci avevo pensato, ma hai ragione: gli anni 90 sono stati il decennio dei colori accesi, quindi ci sta che a quei tempi la giacca di Chuck Norris fosse considerata perfino trendy.
        Ricordo che nei videoclip musicali dell’epoca questa tendenza venne portata all’estremo, perché i loro registi li giravano con delle lenti particolari, grazie alle quali i colori diventavano addirittura ipersaturi.
        Purtroppo qualche anno dopo questa moda prese piede anche al cinema, e infatti nei primi anni 2000 Hollywood ha sfornato dei film interamente girati in questo modo, da La vendetta di Carter a Domino. Per fortuna la cosa durò poco, perché i produttori si resero conto che i film girati così erano brutti esteticamente e sforzavano moltissimo gli occhi.
        Tra l’altro considero La vendetta di Carter l’unico film veramente brutto di Stallone. E infatti quella è stata l’unica volta in cui, pur essendo un suo grandissimo fan, non sono riuscito ad arrivare in fondo.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Ti invidio, sono parecchi i film di Sly che ho visto con grandissima fatica e dolore 😀
        Oggi la moda dei finti anni Ottanta presenta personaggi vestiti bene, ma all’epoca la moda era devastante, se prendi film dei primi anni Novanta ci sono spalline di dieci metri, acconciature faraoniche e vestiti a scafandro. Ricordo “Schegge di paura” con Winona Ryder che era un cubo: la larghezza delle sue spalle era proporzionata alla sua altezza! 😀

        "Mi piace"

      • wwayne ha detto:

        Io ricordo Winona Ryder soprattutto per L’età dell’innocenza: il film è di una lentezza esasperante (e infatti ho mollato anche quello ben prima della fine), ma il suo personaggio è di una dolcezza infinita, la classica ragazza d’oro che fa venire gli occhi a cuoricino sia ai ragazzi che alle loro mamme.
        Ricordo almeno altri 2 personaggi così: quello di Zoey Deutch in Tutti vogliono qualcosa e quello di Addison Timlin ne Il luogo delle ombre.
        Paradossalmente, sebbene i film in questione possano contare su un ottimo personaggio femminile, mi hanno fatto cagare tutti e 3. Il che conferma ciò che ho sempre pensato: la storia è l’elemento più importante del film, anzi è l’unico che veramente conta. Hai voglia a prendere attori belli & bravi, a costruire dei personaggi interessanti e a curare il film dal punto di vista tecnico: se la storia fa acqua, tutti questi orpelli non basteranno a camuffare la sua mediocrità.
        Colgo l’occasione per consigliarti un film che ho appena finito di vedere: Squadra omicidi. Edward G. Robinson è forse il miglior caratterista nella storia del cinema, ma qua dimostra di saper tenere la scena anche in un ruolo da protagonista assoluto. Grazie per la risposta! 🙂

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Grazie del consiglio, Robinson è un grande e ha saputo dare oro ad ogni film che ha interpretato. Credo di aver visto “Squadra omicidi”, ma un ripassino non guasta mai 😛

        Piace a 1 persona

  3. Kuku ha detto:

    No dai ti prego: al demone che dice maledetto pasticcione, sono caduta sotto il tavolo!!
    E che locandina è??? Chuck è sempre il solito per cui vabbè, ma il demone??? Che facce fa? Roba che neanche in un film parodia.
    E ora mi vuoi dire che c’è un’ulteriore deriva nella carriera di Chuck? La deriva della deriva della deriva della deriva….aiut…

    Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Leggo sempre molto volentieri le recensioni bis ossia quelle su film già recensiti da me medesimo! È come vedere un album di fotografie e ripercorrere i momenti in cui sono state scattate.
    Ecco, questo vale sempre…quasi. Con questo sterco mi riacutizzi cicatrici che credevo sanate 😂
    Per fortuna, avevo già intuito questa recensione e un po’ mi ero preparato psicologicamente. Anche se giacca e capelli mi hanno messo a dura prova 😅

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: The Crow 1 (1994) Skyfall | Il Zinefilo

  6. Pingback: [Telemeno] 1993 – Walker, Texas Ranger | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.