Ice Quake (2010) Un Natale di ghiaccio

Con il caldo afoso, il sempre attento Cielo inizia uno dei suoi mille cicli filmici – composti da uno o forse due titoli a botta – e stavolta è dedicato all’inverno: sarà per consolarci dall’afa?
Nella sua missione votata al recupero di vecchi filmacci inediti (spesso targati CineTelFilms), stavolta il canale ci regala una grande prima visione (espressione che intendo per “la solita stupidata inguardabile”): Ice Quake.

Trasmesso dalla solita Syfy l’11 dicembre 2010, lo scorso 12 giugno 2019 Cielo ha trasmesso il film con il titolo Un Natale di ghiaccio, come sempre inedito in qualsiasi altra forma di distribuzione italiana.

Anche la fatica di tradurre il titolo…

Stiamo vivendo una nuova Guerra fredda, che per fortuna non usa le armi bensì le fake news: a voi stabilire se sia meglio o peggio. Quindi abbiamo i russi che fanno rivendicazioni territoriali e questo provoca valanghe. Boh, ho smesso di cercare risposte nella Logica dei Filmacci.
Strani terremoti e valanghe cominciano a mietere vittime, e c’è bisogno che entri in azione un militare super addestrato… che rimanga fermo per tutto il tempo a guardare un monitor. L’uomo giusto è il colonnello Bill Hughes (Victor Garber).

Possibile non esistano altri ruoli disponibili? No, eh?

Come ogni altro film catastrofico, tutta la storia verterà su una famiglia e i suoi problemi, le sue paure per il futuro, i suoi progetti, il rapporto di coppia e tutte cose che con il film non c’entrino una mazza. Abbiamo anche la famiglia.

Moglie, figlia, figlio e cane: la tipica famiglia americana (da film)

Per finire, serve il professore pazzo ma simpatico che ovviamente ha capito tutto però nessuno gli dà retta, e potete giurarci che alla fine aveva ragione lui. Abbiamo anche quello, nella persona di Bruce Worthington (Rob LaBelle).

Il professore che ha capito tutto: sono i filmacci a creare i terremoti!

Il resto lo sapete già, l’avete visto identico in TUTTI gli altri filmacci inutili del genere “Meteo Apocalypse“, non c’è neanche un fotogramma differente e non vale la pena buttar via altre parole.

Scene particolarmente confuse

Non mi sarei aspettato di meno dallo sceneggiatore David Ray, quello di Super Storm (2011), Le ultime ore della Terra (2011) e Tentacoli sulla città (2012), mentre mi spiace per Paul Ziller, storico regista action anni Novanta che tante emozioni ci ha regalato ma che con il Duemila è caduto parecchio in basso, specializzandosi unicamente in filmacci televisivi. Con o senza mostri. Evidentemente paga.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Meteo Apocalypse e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

24 risposte a Ice Quake (2010) Un Natale di ghiaccio

  1. Cassidy ha detto:

    I personaggi sono sempre gli stessi, le dinamiche anche, cambia il tipologia di minaccia e il budget, se è scarso è un film di Cielo, se invece è stratosferico è un film di Roland Emmerich 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Kuku ha detto:

    Ma cos’è nell’ultimo fotogramma? Un geyser nelle nevi?
    Victor Garber è finito a fare filmacci adesso?

    Piace a 1 persona

  3. nik96 ha detto:

    in verita questo film passa molto spesso su RAI 2 nel periodo Natalizio il 23 24 25 dicembre o a volte anche il 26 quindi Cielo non è l’unico ad averlo trasmesso in Prima TV

    Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Fake news che provocano cataclismi 😂😂
    Tra l’altro, in effetti, come te, la prima cosa che ho pensato è che l’unica funzione del film è consolare dal caldo regalando brividi…di freddo e di disgusto! 🤣

    Piace a 1 persona

  5. Austin Dove ha detto:

    Che cosa significa vibrazioni nel ghiaccio??? 🤣

    Piace a 1 persona

  6. Zio Portillo ha detto:

    Sari curioso di leggere i dati d’ascolto di questi film. E magari pure un campione pescato a caso degli spettatori. Un conto è farlo “per noi” e “per la scienza”, quindi solo applausi per te e per Willy che vi sacrificate. Un altro è mettere volontariamente su Cielo o su SyFy e decidere liberamente di passare la serata in compagnia della Z.

    Perché? Chi sei tu che guardi questi film? Sei laurato? Voti? Lavori? Sei sposato? Ti piacciono veramente o avevi le batterie scariche del telecomando e non potevi cambiare canale? Hai perso un scommessa e sei stato costretto a guardarlo? Quante persone hanno guardato ‘sta ciofeca?

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Eh, sarebbe bello saperlo. Se ne fanno a secchiate, tutti identici, evidentemente nessuno si lamenta. Anche perché, come detto più volte, i palinsesti vanno riempiti e i film “normali” costano.

      Mi piace

      • Zio Portillo ha detto:

        O più semplicemente… nessuno li guarda! Per questo nessuno si lamenta. Semplici tappabuchi che non costano e ti riempiono 3-4 sere a settimana (senza contare le repliche a notte fonda o alle 10 del mattino).

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Nessuno guarda i grandi film, figuriamoci i filmacci! 😀

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Dopo un inizio esplosivo, CineSony ha in pratica smesso di comprare film, limitandosi a replicare sempre gli stessi. Ogni giorno manda due film tedeschi romantici di 10-15 anni fa, roba assurda che mi chiedo se davvero qualcuno abbia mai visto. Tanto l’importante è che un Seagal al giorno vengra trasmesso, il resto non conta 😛

        Mi piace

      • Zio Portillo ha detto:

        Mio papà guardava i film tedeschi/nordici romantici con bambini, animali,… Che di norma venivano trasmessi il primo pomeriggio sulle reti Mediaset. Magari si appisolava un po’, però doveva per forza vedere la fine. Quindi quelle pellicole almeno uno spettatore lo avevano. Però in prima serata no, mai visto manco mezzo.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Sicuramente avranno molti più spettatori di quanto si pensi, e di quanto gli spettatori stessi ammettano 😀

        Mi piace

  7. Conte Gracula ha detto:

    Servirebbe un meteoapocalypse più psicologico: lo sconcerto della gente per l’instabilità politica ed economica mondiale, e i filmacci, provocano perturbazioni nell’inconscio collettivo che si riflettono sulla realtà perché sì e giù di slavine, tsunami, cavallette, meteore, buondì…
    Soprattutto, il dramma di una famiglia che ha fatto troppe finanziarie e non si può permettere più la benzina per la macchina: ora dovranno fuggire in bici, in una città senza piste ciclabili!

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      ahhaa vedi come basti poco a scrivere qualcosa di migliore di questi film? 😛

      Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        E non ti ho ancora detto dello psicologo junghiano che è anche geologo: scopre per risolvere la crisi, bisogna bombardare l’inconscio collettivo – che è convenientemente situato in qualche paese mediorientale produttore di petrolio e nemico dell’America.
        Alla fine, si scoprirà che era tutto un trucco del governo per portare la democrazia in casa d’altri.

        Piace a 1 persona

  8. nik96 ha detto:

    adesso mi aspetto nuovi Cicli dal canale Cielo Shark Attack o Monster Night sperando che trasmettano film nuovi tipo Sharktopus Dinoshark.

    Piace a 1 persona

  9. Pingback: [Italian Credits] Il meglio del 2019 (6) Giugno | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.