Children of the Corn 3 (1995) Urban Harvest

Bella la campagna, coi campi di grano e i bambini assassini, ma ora è il momento di tornare in città: voglio vedere chi vince tra i figli del grano e le gang di Chicago.

La Trans Atlantic Entertainment continua a vivacchiare con quei fetenti marchi che ha salvato dalla morte della casa che fu di Roger Corman, e non sapendo che altro fare mette in piedi un nuovo film di Children of the Corn, dando la possibilità di esordire come regista al londinese James D.R. Hickox, fratello del ben più noto Anthony di Hellraiser 3 (1992): facile che proprio avendo prodotto quest’ultimo film il “fratello famoso” abbia presentato l’altro.
James ha lavorato un sacco nel cinema ma in tante mansioni che non prevedono la regia: i film che ha diretto non si lasciano ricordare, anche se merita di essere citato il suo Krocodylus (2000).

A distribuire Children of the Corn III: Urban Harvest è di nuovo la famigerata Dimension Films, che affianca questo franchise a quello già in putrefazione di Hellraiser. Ne abbiamo già parlato, di come la casa dei fratelloni Weinstein venisse utilizzata per filmacci di serie Z di sicuro insuccesso probabilmente per equilibrare le entrate delle produzioni più di lusso della Miramax, ma a parte queste speculazioni dalle interviste a Doug “Pinhead” Bradley è chiaro che la casa non è interessata alla mythology quanto allo sfruttamento di marchi economici da rinnovare ogni dieci anni circa:

«La chiave di tutto sta nel fatto che la Dimension è entrata nel franchise di Hellraiser nell’esatto momento in cui sono entrati anche in quello di Children of the Corn. Quando ho girato Hellraiser 3 in North Carolina nel 1991, Children of the Corn 3 era girato in contemporanea, e la Dimension ha acquistato entrambi i franchise. Stesso discorso per Judgment, girato proprio mentre stavano facendo un altro Children of the Corn: stavano rischiando di perdere i diritti di ben due franchise

Questa dichiarazione di Bradley del 2017 ci apre uno spiraglio sul cinema di genere: roba brutta, che non odora di pulito…

Il film esce in patria americana il 12 settembre 1995 con il titolo Children of the Corn III: Urban Harvest. Da sempre inedito in Italia, la Quadrifoglio lo porta in DVD in data ignota con il titolo Grano rosso sangue 3 Urban Harvest. Perché tradurre solo metà del titolo?

Il lato oscuro del franchise cinematografico

Vi ricordate i bambini che hanno massacrato i genitori negli anni Sessanta, raccontati dal racconto originale di Stephen King? Sono passati anni ma uno di loro non è invecchiato di un solo giorno: il piccolo Eli (Dano Cerny), che si pronuncia Elài.
Insieme al suo fratellastro Joshua (Ron Melendez) viene adottato da una famiglia di Chicago, e indovinate che mestiere fa il papà adottivo? Il piazzista di grano su larga scala. È stato Colui che Cammina tra i Filari a far sì che un venditore di grano adottasse proprio il Figlio del Grano? Oppure è già un chiaro motivo per cui il sedicente sceneggiatore Dode B. Levenson sia velocemente scomparso dal mondo del cinema?

I campagnoli arrivano nella grande città

Papà William (Jim Metzler) non ama i propri vicini e quindi ha alzato un titanico muro di mattoni, che gli deturpa la visuale: guarda caso, i vicini sono neri… A papà William il presidente Trump gli fa un baffo!
In realtà è un’altra imbarazzante buffonata di sceneggiatura: quel muro sta lì solo per la scena finale: dovendo utilizzare raffinatissimi effetti speciali, è importante che non si veda la strada. La location dev’essere chiusa, che il grande finale non deve preoccuparsi di inquadrare per sbaglio la strada.

È bello essere il Messia del Grano

Elài e Joshua vanno a scuola ma mentre il piccolo rimane il predicatore invasato e demoniaco che è sempre stato, Joshua scopre le ragazze e comincia a pensare che va bene le pannocchie… ma la patacca è meglio. Può sembrare che io stia scherzando, ma non oserei mai mancare di rispetto a Colui che Cammina tra le Sceneggiature: innamoratosi della vicina di casa – che tanto non sembra tanto nera! – vorrebbe smetterla con la storia del grano invece Elài continua a costruirsi il suo esercito personale. L’esercito del grano!

Noi siamo i giovani: l’esercito del grano!

Il colpone di genio arriva quando Elài usa suo padre piazzista per assicurare che le pannocchie di Gatlin, ripiene di Demone del Grano, si propaghino per tutto il mondo: ma quant’è pigro ’sto demone, che si fa scarrozzare in giro dentro una pannocchia?

«Non male, per un figlio del grano» (semi-cit)

Alla fine vince la pigrizia e si mostra lui stesso, in tutta la sua demonosità, in un finale così beota da far marcire il grano nei filari. Abbiamo il citato giardino di casa recintato manco fosse Guantanamo, strapieno di grano e con un pupazzone ridicolo che uccide il proprio esercito di giovani invasati nei modi più cialtroni possibile.

E c’è gente che critica Roger Corman…

La scena migliore è quando un suo tentacolo afferra quello che palesemente è un pupazzetto, inquadrato in prospettiva per far sembrare sia un ragazzo che fugge di spalle.
Se Hickcox avesse 15 anni sarebbe un bravo regista, purtroppo ne ha qualcuno di più…

Ma… quell’adepta del grano a sinistra… mi ricorda qualcuno

Una curiosità. Fra le giovani adepte di Elài c’è la men che ventenne Charlize Theron al suo debutto cinematografico, anche se il suo nome non è accreditato. Solo un paio di anni prima il mondo scopriva il suo Lato B nello spot della Martini ed ecco pronto il cinema!

Dopo il Martini, i figli del grano…

La parte curiosa sta nel fatto che per anni varie fonti hanno attribuito all’attrice parti sbagliate nella saga: alcuni siti affermano che ha partecipato al quarto film della serie, mentre l’autorevole “Leonard Maltin’s Movie & Video Guide” riporta la sua presenza addirittura nell’originale del 1984, quando la bimba Charlize viveva ancora in Sud Africa!
Una “indagine” della rivista “Fangoria” n. 216 (settembre 2002) ha chiarito la questione ed ora anche IMDb riporta il credito esatto. A dimostrazione che le guide cartacee di cinema non hanno manco guardato i film che recensiscono…

Una ragazza che potrebbe diventare famosa

Nella metà degli anni Novanta le riviste di settore evidentemente si stancano di rovistare tra i rifiuti e iniziano a non seguire più i “sequel numerali” che ogni anno intasano le videoteche, a meno che non siano proprio franchise storici: non ho trovato alcuna notizia di questo film se non la recensione del Dr. Cyclops di “Fangoria”, risalente al novembre 1995.

«Anche se non foste fan dei primi due film della serie (il che include quasi ogni persona del pianeta), avreste una bella sorpresa questa volta, con il regista James D.R. Hickox che rivitalizza la triste saga, guidandola fuori dai campi di grano e portandola nella grande città.»

A sorpresa il severo recensore dimostra di essere stato conquistato da Colui che Cammina tra i Filari e al netto delle ingenuità della trama ha trovato il film uno spettacolo dignitoso.

«L’unico grande scivolone è nel finale, con l’atteso Demone del Grano, che si scopre essere uno dei mostri più ridicoli sin dai tempi de Il mostro dei cieli [The Giant Claw, 1957].»

Non riesco proprio a trovare nulla di anche solo vagamente positivo nella pellicola, la cui esecuzione sembra risalire agli anni Ottanta per tamarrate inguardabili e scelte stilistiche da mani fra i capelli, per non parlare di effetti speciali totalmente assenti: quei due o tre secondi di effettacci è roba buttata via che denota la totale mancanza di cura del prodotto.

L’unico effetto che faccia effetto

Ormai però i Figli del Grano si sono uniti ad Hellraiser in un connubio infernale che assicurerà loro vita eterna. Se questa me la chiamate vita…

L.


Bibliografia

  • The Video Eye of Dr. Cyclops, Children of the Corn III, da “Fangoria” n. 148 (novembre 1995)

amazon– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Horror e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

30 risposte a Children of the Corn 3 (1995) Urban Harvest

  1. Evit ha detto:

    Se incontro questa serie per la strada, accelero per metterla sotto.

    Piace a 2 people

  2. Austin Dove ha detto:

    Charlize 💙
    Il primo mi era piaciuto cmq

    Piace a 1 persona

  3. Conte Gracula ha detto:

    Ancora cinque film e si può fare Coso dei filari vs Pinhead, come Freddy vs Jason. Finale a sorpresa: il campione del mondo di cubo di Rubik, un bambino, scaccia i supplizianti in nome del filarioso (filaroso?).

    Piace a 1 persona

  4. Evit ha detto:

    Charlize Theron con sopracciglia ad ali di gabbiano che in pochi hanno notato perché solo il Zinefilo si sporca le mani e li vede per davvero questi film.

    Piace a 1 persona

  5. Evit ha detto:

    Un mio sogno: Jason che spacca le ossa a tutti quei cazzo di bambini bifolchi che invocano “colui che cammina oltre il crinale dei filari di granturco OGM”.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Occhio a quello che chiedi, perché magari prima o poi arriva davvero quel film 😀

      Piace a 1 persona

      • Evit ha detto:

        Finalmente avrei una scusa per vedermi per la prima volta un Venerdì 13. “Venerdì 13: oltre i filari”.

        Piace a 2 people

      • Zio Portillo ha detto:

        Una specie di “The Expendables” fatto coi mostri horror?

        Ai signori produttori che leggono il blog di Lucius, sappiate che l’idea ce l’abbiamo avuta noi per primi!

        Allora, la trama è questa: una divisone super-segreta della CIA (una specie di BPRD di Hellboy così ci teniamo la porta aperta ad un mega crossover) scopre un varco inter-dimensionale-mambo-jambo-blabla che collega l’inferno, col Diavolo in carne, fumo e zolfo, alla terra. Dove? A New York (come sempre…) anche se in realtà tutto è girato in Bulgaria nel giardino di casa Seagal. C’è bisogno di demoni che non abbiano nulla da perdere e vadano a fare il culo al titolare dell’inferno. Chi lo ucciderà diverrà il nuovo sovrano degli inferi. E quindi si riuniscono Jason, Mike, Pinhead, Freddy,… E giù tutti all’inferno a dargli a Satana! Alè!

        Tanto non muore nessuno…

        Piace a 2 people

      • Lucius Etruscus ha detto:

        ahahah si scrive da solo! 😀

        Piace a 1 persona

  6. Willy l'Orbo ha detto:

    Visto non molto tempo fa…ho ancora gli incubi per il pupazzone 😅🤣
    Non sono clemente come il recensore ma ammetto che lo vidi con simpatia e non troppo odio, il che considerando l’indegnitá del film non è poco! 😉😅

    Piace a 1 persona

  7. Cassidy ha detto:

    I miei complimenti per le didascalie farcite di citazioni musicali 😉 Ricordo di averlo dimenticato questo film, ma leggendoti ho anche ricordato il perché. Charlize si è sempre confermata “una di noi”, si sarà fatta un nome con il Martini e i film impegnati, ma ancora oggi ogni volta che può torna al film di genere, l’unica cosa “bona” uscita da questo filmaccio. Cheers!

    Piace a 1 persona

  8. Giuseppe ha detto:

    Il mostro dei cieli? Non offendano, che quello spelacchiato gallinaccio di antimateria è quasi una roba seria rispetto al disgraziato collega dei filari! 😛
    Qua l’unica idea interessante sarebbe stata mettere in scena l’epico confronto fra Colui che Cammina tra i Filari e Colui che Cammina tra la Patacca…
    Joshua: “Guarda, Elài! Lei -Charlize Theron- mi ha fatto capire per davvero cosa posso fare con la mia pannocchia! Abbandona quel falso dio crudele che ti ha privato dell’ormone della crescita e capiscilo anche tu!
    Elài: “NNOOOO! TRADITORE! E POI A ME NEMMENO PIACE IL MARTINI!” 😉

    Piace a 1 persona

  9. Pingback: Children of the Corn 4 (1996) Inferno a Grand Island | Il Zinefilo

  10. Pingback: Children of the Corn 5 (1998) Gli adoratori del male | Il Zinefilo

  11. Pingback: Total Recall 18. Marte nel 2070 | Il Zinefilo

  12. Pingback: Space Truckers (1996) Camionisti spaziali | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.