Guida TV in chiaro 18-20 ottobre 2019

Se avete recensito qualcuno di questi film, fatemi avere il link che lo aggiungo alla scheda, così che sarete citati.

Venerdì 18 ottobre 2019

Ore 21.00 – IRIS – Sorvegliato speciale (Lock Up, 1989) di John Flynn, con Sylvester Stallone e Donald Sutherland
Classico prison movie con Frank Leone (Sylvester Stallone) che deve sopravvivere alle angherie del perfido direttore Drumgoole (Donald Sutherland) che vuole distruggerlo. Molto rumore per nulla.

Ore 21.10 – RaiMovie – Attacco al potere (The Siege, 1998) di Edward Zwick, con Denzel Washington e Bruce Willis
Un autobus esplode a Brooklyn: comincia così la campagna del terrore che gli integralisti islamici hanno dichiarato agli americani. A fronteggiare l’escalation di violenza ci sono Anthony “Hub” Hubbard (Denzel Washington), capo della Task Force Antiterrorismo dell’FBI, e il generale William Devereaux (Bruce Willis), un militare cauto e riflessivo che sa come affrontare il nemico. I due possono contare sull’aiuto di Elise Kraft (Annette Bening), agente della CIA infiltrata nella comunità arabo-americana.

Ore 21.15 – 7Gold – Le colt cantarono la morte e fu… tempo di massacro (1966) di Lucio Fulci, con Franco Nero e John M. Douglas (Giuseppe Addobbati)
Il tranquillo Tom Corbett (Franco Nero) si vede costretto a difendersi dal perfido Scott (Giuseppe Addobbati) e suo figlio Junior (Nino Castelnuovo) che hanno messo gli occhi sul suo ranch.

Ore 21.30 – Spike – The Shepherd. Pattuglia di confine (The Shepherd, 2008) di Isaac Florentine, con Jean-Claude Van Damme e Scott Adkins
L’agente Jack Robideaux (Jean-Claude Van Damme) prende servizio nella pattuglia che controlla il confine messicano, dove dei criminali come Karp (Scott Adkins) mettono in atto i loro sporchi traffici: sarà scontro diretto.

Ore 23.30 – 7Gold – Da uomo a uomo (1967) di Giulio Petroni, con Lee Van Cleef e John Philip Law
Cinque banditi assaltano una casa colonica: quattro di questi uccidono e violentano la famiglia, il quinto – Ryan (Lee Van Cleef) – riesce a mettere in salvo il piccolo Bill. Divenuto grande, Bill (John Philip Law) si mette alla ricerca dei colpevoli per vendicarsi, ma dovrà dividere la sua opera proprio con Ryan, anch’esso desideroso di vendicarsi della ferocia degli ex compagni.

Sabato 19 ottobre 2019

Ore 10.35 – IRIS – Prima di mezzanotte (Midnight Run, 1988) di Martin Brest, con Robert De Niro e Charles Grodin
Un cacciatore di taglie deve scortare un contabile della mala fino al luogo dove si svolgerà il processo ad un grande boss. Sembra un incarico facile, ma sarà una corsa lunga e contro il tempo.

Ore 16.40 – Rete4 – Poirot. Memorie di un delitto, o Aiuto, Poirot! (6×03: Murder on the Links, 11 febbraio 1996) di Andrew Grieve, con David Suchet e Hugh Fraser
Dal romanzo “Aiuto, Poirot!” (Murder on the Links, 1923) di Agatha Christie (Mondadori 1934), seconda avventura del personaggio. Poirot (David Suchet) e il capitano Hastings (Hugh Fraser), in vacanza a Deauville, ricevono la visita di un certo Paul Renauld (Damien Thomas) che sostiene di essere stato imbrogliato da qualcuno a lui vicino. Qualche giorno più tardi l’uomo viene rapito e in seguito il suo corpo senza vita vine ritrovano in un campo da golf. L’investigatore francese Giraud (Bill Moody) chiede aiuto a Poirot.

Ore 18.25 – IRIS – Quel treno per Yuma (3:10 to Yuma, 2007) di James Mangold, con Russell Crowe e Christian Bale
Remake del film omonimo del 1957, tratto a sua volta dal racconto del 1953 di Elmore Leonard. Il contadino Evans (Christian Bale) accetta, per 200 dollari, di fare da scorta per portare il pericolosissimo Wade (Russell Crowe) alla prigione di Yuma. Nel viaggio i due cominciano con l’odiarsi ma pian piano il rapporto fra di loro cambia.

Ore 21.00 – IRIS – Hostage (id., 2005) di Florent-Emilio Siri, con Bruce Willis e Kevin Pollak
Pallido adattamento dell’eccellente romanzo omonimo del 2001 di Robert Crais (Mondadori 2002). Jeff Talley (Bruce Willis), negoziatore in casi di rapimento per il Los Angeles Police Department, lascia l’incarico dopo il fallimento di un’operazione da lui condotta. Ma nel paese dove decide di fermarsi deve riprendere in mano una spinosa situazione di rapimento che coinvolge anche la sua famiglia. (Trama del DVD Medusa Video 2005.)

Ore 21.05 – 20 Mediaset – Ferite mortali (Exit Wounds, 2001) di Andrzej Bartkowiak, con Steven Seagal e DMX
Un poliziotto d’acciaio trova un alleato insospettabile nella sua lotta contro la criminalità e la polizia corrotta.

Ore 21.10 – Rai4 – Blindato (Armored, 2009) di Nimród Antal con Matt Dillon e Laurence Fishburne
Assalire un blindato per rapinarlo è facile, soprattutto se a farlo sono gli uomini che dovrebbero proteggerlo: in realtà i problemi sono solo all’inizio. Film “action da camera” che punta tutto sulla bravura degli attori. Per un approfondimento sul film, si rimanda al blog Il Zinefilo.

Ore 21.30 – Spike – I guerrieri della notte (The Warriors, 1979) di Walter Hill, con Michael Beck e James Remar
Durante un incontro indetto per mettere pace tra le bande di New York, viene ucciso Cyrus, l’organizzatore. Dell’omicidio vengono accusati i Warriors, e per loro il ritorno a casa sarà sanguinoso e pieno di agguati. All’alba, raggiunta la spiaggia di Coney Island, i Warriors dovranno sostenere la sfida finale. Per un approfondimento sul film, si rimanda al blog La Bara Volante.

Ore 21.30 – TV8 – The Guardian. Salvataggio in mare (The Guardian, 2006) di Andrew Davis, con Kevin Costner e Ashton Kutcher
Un campione di nuoto con un passato problematico si arruola nella miglior squadra di guardiamarina americani, dove il leggendario Ben Randall insegna con polso d’acciaio.

Ore 22.55 – IRIS – Awake. Anestesia cosciente (Awake, 2007) di Joby Harold, con Hayden Christensen e Jessica Alba
Il giovane ricco Clay Beresford (Hayden Christensen) è fidanzato di nascosto con la bella Sam Lockwood (Jessica Alba) perché mamma Beresford (Lena Olin) vuole avere il controllo su tutta la sua vita. Clay è malato di cuore ed è in attesa di trapianto, così accoglie con gioia la notizia dell’amico chirurgo Jack Harper (Terrence Howard) che è pronto un cuore per lui. Quando è sul lettino e si accorge che l’operazione sta per iniziare senza che l’anestesia abbia fatto effetto… cominciano i problemi.

Ore 23.05 – Italia1 – Lo squalo 4. La vendetta (Jaws: The Revenge, 1987) di Joseph Sargent, con Lorraine Gary e Lance Guest
Ellen (Lorraine Gary), vedova dello sceriffo Brody, ha buoni motivi per convincersi che il grande squalo bianco ha preso di mira la sua famiglia: uccide, infatti, il figlio Sean (Mitchell Anderson) che ha preso il posto del padre.

Ore 23.50 – Rete4 – A rischio della vita (Sudden Death, 1995) di Peter Hyams, con Jean-Claude Van Damme e Powers Boothe
Durante un incendio il pompiere Darren McCord (Jean-Claude Van Damme) non riesce a salvare un bambino. L’occasione per redimersi si presenta quando durante la gara finale del campionato di hockey il vicepresidente degli Stati Uniti (Raymond J. Barry) viene preso in ostaggio dal terrorista Joshua Foss (Powers Boothe).

Ore 0.00 – TV8 – Shoot’Em Up. Spara o muori (Shoot’Em Up, 2007) di Michael Davis, con Clive Owen e Monica Bellucci
Il solitario Smith (Clive Owen) salva un neonato, mentre la madre del piccolo viene uccisa dai sicari dello spietato Karl Hertz (Paul Giamatti): entra così nel mirino di una misteriosa organizzazione criminale.

Domenica 20 ottobre 2019

Ore 12.30 – Rete4 – Colombo: Incidente premeditato

Ore 13.20 – IRIS – Flags of Our Fathers (id., 2006) di Clint Eastwood, con Ryan Phillippe e Barry Pepper
Dal saggio omonimo del 2000 di James Bradley e Ron Powers (RCS 2004). La tragica e sanguinosa battaglia che ha visto coinvolte le truppe giapponesi e quelle statunitensi sull’isola di Iwo Jima, focalizzandosi sui cinque soldati resi immortali dalla celebre foto di Joe Rosenthal. Eastwood ha trattato la stessa battaglia, ma dal punto di vista giapponese, nel film Lettere da Iwo Jima, sempre del 2006.

Ore 21.00 – IRIS – Prova a prendermi (Catch Me If You Can, 2002) di Steven Spielberg, con Leonardo DiCaprio e Tom Hanks
Dal saggio “Prendimi… se puoi” (1980) di Frank W. Abagnale e Stan Redding (Piemme 2003). Frank Abagnale jr. (Leonardo DiCaprio) è il tipico ragazzo americano di buona famiglia degli anni Sessanta. Ma l’improvviso dissesto finanziario del padre e il divorzio dei genitori lo costringono ad andarsene di casa. Per sbarcare il lunario diventa un truffatore così bravo che l’agente dell’FBI Carl Hanratty (Tom Hanks) farà di tutto per acciuffarlo.

Ore 21.10 – Rai4 – I segreti del settimo piano (Séptimo, 2013) di Patxi Amezcua, con Ricardo Darín e Belén Rueda
Buenos Aires. Uscendo dall’appartamento dell’ex moglie, un padre perde di vista i suoi figli, che scompaiono nell’edificio senza lasciare traccia. L’uomo, disperato, cercherà con ogni mezzo di ritrovarli.

Ore 21.25 – Rete4 – Nella valle della violenza (In a Valley of Violence, 2016) di Ti West, con Ethan Hawke e John Travolta
Paul (Ethan Hawke) arriva a Danton, cittadina nota per la dissolutezza dei suoi bitanti, situata in quella che è conosciuta come la Valle della Violenza. Gli abitanti guidati da Gilly (James Ransone), figlio dello sceriffo (John Travolta), riserveranno un’accoglienza amara al forestiero e commetteranno un crimine imperdonabile, costringendo Paul a cercare vendetta in un’escalation di sanguinosa violenza. Per un approfondimento sul film, si rimanda al blog La Bara Volante.

Ore 22.30 – Rai4 – La vera storia di Jack lo Squartatore (From Hell, 2001) di Albert ed Allen Hughes, con Johnny Depp ed Heather Graham
Dal fumetto omonimo di Alan Moore (Magic Press 2001). Londra, 1888. Nelle strade del quartiere di Whitechapel, Jack lo Squartatore si aggira di notte uccidendo e sventrando le prostitute. Sulle sue tracce, oltre all’intera polizia londinese, c’è l’ispettore Abberline (Johnny Depp), l’unico che capisce subito che i delitti sono preceduti da una meticolosa e scrupolosa messa in scena. Il poliziotto, intuitivo e visionario, cerca di ricostruire il profilo di Jack anche grazie all’aiuto della prostituta Mary Kelly (Heather Graham).

Ore 23.35 – Rete4 – Ocean’s Twelve (id., 2004) di Steven Soderbergh, con George Clooney e Brad Pitt
Sono passati tre anni da quando Danny Ocean (George Clooney) e i suoi soci hanno messo a segno la rapina più audace e remunerativa della storia ai danni del proprietario di casinò Terry Benedict (Andy Garcia). Dopo essersi divisi il bottino i membri della banda hanno cercato di vivere onestamente, ma la cosa non è stata facile. Quando qualcuno infrange i patti e li denuncia a Bendict, non ci sono alternative: devono restituire il maltolto al legittimo proprietario. Ma come scopriranno ben presto Terry Benedict non è l’unico ad essere sulle loro tracce.

L.

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

17 risposte a Guida TV in chiaro 18-20 ottobre 2019

  1. wwayne ha detto:

    Nella valle della violenza è uno dei migliori film che John Travolta abbia mai fatto. E anche I guerrieri della notte è un film straordinario.
    Mi ha fatto molto piacere leggere il nome di Martin Brest, che ci ha regalato uno dei film più belli nella storia del cinema (Scent of a Woman – Profumo di donna). In seguito purtroppo incappò in un indifendibile superflop (Amore estremo), e da allora è totalmente scomparso dalla circolazione. Il mondo del cinema l’ha totalmente ripudiato, non gli ha più permesso di fare niente neanche in vesti diverse da quelle di regista. Una punizione a mio giudizio troppo severa e che possiamo considerare definitiva, dato che ormai sono passati ben 16 anni dall’uscita di Amore estremo.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      E’ incredibile come le dinamiche magari non sempre note facciano sì che registi discutibili siano ancora lì a sfornare film non memorabili e magari bravi autori finiscano nel dimenticatoio.
      Di film sbagliati ne hanno fatti in tanti, forse Brest c’è qualcosa in più che non conosciamo, per giustificare una simile “condanna”.

      "Mi piace"

      • wwayne ha detto:

        Va detto che Amore estremo è stato uno dei più grandi flop nella storia del cinema, quindi forse non è necessario scomodare teorie complottistiche per spiegare come mai Martin Brest sia diventato un appestato a Hollywood. Dico solo che questa punizione, per quanto non del tutto immeritata, è stata certamente eccessiva. Grazie per la risposta! 🙂

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Di flop storici ce ne sono stati, ma raramente il regista o lo sceneggiatore hanno subìto una pena così netta. Non vorrei che fosse proprio Brest ad essersi allontanato. Una volta che una grande casa ti chiude fuori, tocca andare a bussare a piccoli produttori e sudarsi ogni dollaro, e magari a lui non andava di entrare in questo sistema che ha accolto altri grandi autori che stavano male nel sistema hollywoodiano.

        "Mi piace"

      • wwayne ha detto:

        Io spero che quantomeno non sia finito sotto i ponti in questi 16 anni. Ad esempio, Al Pacino deve a lui il suo unico Oscar, quindi mi auguro che gli paghi almeno l’affitto di un monolocale.
        Tra l’altro ho provato a cercare notizie su dove sia finito, e ho scoperto che nel 2018 un giornalista (Matt Branham) aveva già provato a rintracciarlo prima di me, senza risultati (fonte: https://www.mandatory.com/culture/1373825-incredible-career-followed-abrupt-tragic-end-director-martin-brest). Sarà ancora vivo?

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Ah, un vero mistero hollywoodiano!!!

        Piace a 1 persona

  2. Celia ha detto:

    Ti lascio qui sotto – perché non è una vera e propria recensione… – le due righe che avevo scritto nel riepilogo di luglio su Nella valle della violenza (che per altro avevo scoperto attraverso wwayne):
    Non è di livello eccezionale, è però molto divertente e ben costruito sfruttando pochi personaggi ed elementi.
    L’originalità non sta nella trama, che si regge soltanto sull’utilizzo di abbondanti topòi western, ma nella lettura ironica – mai comica – ed affezionata che ne fa.
    Pathos discreto e collaudato, buono per attraversare un pomeriggio afoso e polveroso.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.