Cemetery Beach (2018) Da non perdere!

Pubblicità dell’uscita del 10 ottobre 2019

Il 10 ottobre scorso la saldaPress ha presentato in volume unico da fumetteria/libreria – e su Amazon – un prodotto davvero sorprendente, che mi ha sorpreso nel dicembre 2018 e mi ha portato a incoronarlo miglior fumetto di quell’anno.
Ne ho già parlato all’epoca nel mio blog a fumetti, ma ne approfitto per ripetermi qui, visto che la storia è arrivata in Italia.

Cover di Jason Howard

Ci sono due modi di iniziare una narrazione: quello che ti annoia e quello che ti conquista. Di solito tutti scelgono il primo, perché sono romanzieri che devono riempire 400 pagine a libro e hanno almeno tre volumi di saga davanti, con possibilità di arrivare a sette. Poi ci sono i veri scrittori, quelli che non sono solo romanzieri ma scrivono di tutto, non creano saghe ma fanno qualcosa che i romanzieri odiano: scrivono per intrattenere i lettori, antica arte dimenticata.

Così immaginate che io vi debba raccontare di Michael Blackburn, una spia terrestre inviata su un pianeta lontano dove odiano le spie terrestri, e immaginate che io passi almeno cento pagine a descrivervi chi sia questo Blackburn, cosa pensi, che aspetto abbia, come si vesta, la storia della sua famiglia fino ai nonni e la storia del suo Paese; poi passi a decrivervi casa per casa il pianeta lontano, la sua politica, la sua religione, l’ordinamento giudiziario, il bilancio statale e alla fine Blackburn viene catturato, non dopo un inseguimento di dieci pagine.
Il finale di questa noiosissima narrazione – che corrisponde al 99% della narrativa che trovate in libreria – oltre ad uno sbadiglio è un personaggio totalmente anonimo, di cui sapete tutto ma di cui in realtà non vi importa, almeno che le restanti centinaia e centinaia di pagine non vi intrighino.

Immaginate invece di essere Warren Ellis, ma aspetta che lo dico meglio: immaginate di essere Warren Fottuto Ellis, di aver appena festeggiato i 50 anni con qualche libro nel curriculum ma con secchiate di fumetti e pure qualche sceneggiatura televisiva. Immaginate di aver iniziato la vostra carriera scrivendo per il Giudice (Judge Dredd) e per il Dottore (Doctor Who) e di non avere i personaggi ricorrenti dei romanzieri di grido: ogni vostra storia è nuova, e siete voi i primi a non dovervi annoiare.
Ecco, se foste Warren Fottuto Ellis avreste tante di queste storie sulle spalle che non avete la minima voglia di raccontare in cento pagine quello che si può raccontare in un paio di vignette…

Qui si parte col botto!

Michael Blackburn entra in scena nella prima vignetta, nudo e legato in una lercia stanza degli interrogatori, con la promessa che conoscerà le torture più nefaste se non confessa. E lui confessa, perché non è un eroe e non gliene frega niente di scene “da macho”: comincia a confessare così tanto che il torturatore lo prega di smetterla!

Confessa di essere una spia venuta dalla Terra, il pianeta in cui negli anni Venti del Novecento è stato trovato per caso un varco temporale che ha portato una paccata di umani dall’altra parte dell’universo. Passa il tempo e la Terra dimentica quei pionieri e questi non hanno voglia che il pianeta-madre si impicci, e vanno ognuno per conto proprio. Poi negli anni Venti del Duemila la Terra scopre di nuovo per caso questa dimensione e si chiede: che accidenti avranno fatto quei nostri connazionali negli ultimi cento anni? Andiamo ad indagare, e mandano Michael Blackburn.

Con solo questo incipit Ellis poteva riempire un terzo di bestseller, uno dei quei libroni inutili che infestano le librerie ma sono adorati da chi giudica le storie al chilo. Invece s’è sparato tutto in 5 pagine. Le 5 fottute pagine più divertenti del 2018! Perché Blackburn non è il coglione che dà a vedere, anche se è tutto vero ciò che ha confessato senza un solo secondo di tortura: puoi confessare quello che vuoi… quando sai che potrai far fuori il torturatore di lì a poco!

Benvenuto in questo schifo di nuovo mondo!

Raccolta in una cella la grintosa Grace Moody, ribelle locale destinata alle stesse torture indicibili di cui sopra, iniziano sette albi senza una sola vignetta sprecata, una corsa nel Pessimo Nuovo Mondo dove Blackburn, fra una sparatoria e una “frase maschia”, viene reso edotto sulla situazione politica, con rapide parole che in mano ad un romanziere avrebbero sfornato almeno tre romanzi pieni.

Una ribelle assassina di cui fidarsi

Gli esplosivi e dinamici disegni di Jason Howard non ti permettono mai di rilassarti, e sei lì che corri con i due protagonisti e schivi le pallottole dei biechi poliziotti di questo mondo lercio e schifoso, di mutazioni genetiche e di sangue marcio. Blackburn, da bravo americano, promette a Grace di portarla sulla Terra, se potrà, ma è qui che Ellis dimostra di essere britannico… perché il padre di Michael è morto di AIDS, la madre è stata squarciata dalla bomba di un terrorista, sua sorella è stata colpita da un ragazzino che è entrato in scuola carico di armi e la moglie ha inghiottito troppi antidolorifici. Il commento di Grace è spettacolare:

«È così che si vive sulla Terra? Mi sa che resto qui…»

Per definizione i nuovi mondi creati dai romanzieri sono peggiori di quello del lettore, ma Ellis non è un romanziere: è uno scrittore, e questo fa dannatamente differenza.

Sette numeri senza un attimo di tregua

Sette numeri di pura dinamite narrativa come è rarissimo trovarne, un intero nuovo mondo descritto con poche parole e tutte pronunciate mentre il piombo vola e il cielo si infiamma. Assolutamente consigliato!

Come si scende da questo cazzo di pianeta?

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fumetti. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Cemetery Beach (2018) Da non perdere!

  1. The Butcher ha detto:

    Però! I disegni e lo stile mi piace molto e anche la trama sembra interessante.

    Piace a 2 people

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    Wow! Incipit a dir poco accattivante e fumetto nel complesso interessantissimo, mi pare! Se ieri Halloween era stata una gioia per gli orecchi, questo pare poterlo essere per gli occhi e la mente! 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    Mi avevi già venduto il fumetto con il nome di Ellis. Lo scozzese quando parte non guarda più in faccia nessuno, per me resta il più sottovalutato tra i grandi scrittori di fumetti, non so quante altre grandi storie dovrà sfornare ancora prima di venire annoverato tra i grandissimi. Cheers!

    Piace a 1 persona

  4. Giuseppe ha detto:

    E’ uscito già da un mese e io non me n’ero ancora accorto? Ah, non so come farei se non ci fossero i tuoi post… 😉

    Piace a 1 persona

  5. Il Moro ha detto:

    me lo avevi già venduto la prima volta che ne hai parlato… 😀

    Piace a 1 persona

  6. Kuku ha detto:

    Questo post mi è piaciuto tantissimo. E’ una verissima verità quella di sti romanzieri che riempiono pagine e pagine di puttanate a cui non frega niente a nessuno e poi osano pure dire che ti hanno costruito su un mondo con tutte le regole ecc. ecc PEccato che lo abbiano fatto nel modo più noioso e inutile.
    PS ma la tipa ha i piercing sui capelli??

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Sui piercing non saprei dire, ma sulla capacità di Ellis di raccontare una storia coi controfiocchi posso mettere la mano sul fuoco!
      Purtroppo tanti lettori giudicano un romanzo “a peso”, quindi se la stessa identica storia viene raccontata con 400 pagine in meno – cioè senza inutili lungaggini, ripetizioni e annacquature – non comprano il prodotto, quindi creando un’evoluzione a rialzo sul numero di pagine e a ribasso sulla qualità del testo. Per fortuna i fumetti devono essere invece molto più stringati e quindi si possono ancora permettere queste ghiottonerie 😉

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.