Irresistible Force (1993) Quando Keach incontra Rothrock

Il nostro amico Phil torna a regalarci una super-chicca dalla sua collezione, digitalizzando da VHS Fox Video di data purtroppo ignota uno dei mitici film marziali che hanno attraversato l’Italia negli anni Novanta: Irresistible Force.
Non posso che ringraziare un collezionista così disponibile a nome di tutti gli amanti del genere.

Dopo aver girato per Paesi esteri dal 1993, il film esce nelle videoteche americane il 19 dicembre 1995 (stando ad IMDb), ma come sempre l’Italia è arrivata prima: Rai2 – all’epoca molto action – lo manda in onda nella prima serata di domenica 3 dicembre 1995, con il titolo Irresistible Force, che replica il 5 gennaio 1997: la “La Stampa” del 7 gennaio successivo ci informa che il film al suo secondo passaggio ha totalizzato tre milioni e 826 mila spettatori!
È nota solo una terza replica, del 25 marzo 1999, poi solo il silenzio.
IMDb riporta un fantomatico titolo Forza irresistibile che non si sa da dove esca fuori.

Una forza irresistibboli

Il detective Harris Stone è un duro, lo dice il cognome roccioso, ma l’ultima ferita che si è beccato sul lavoro lo ha fatto riflettere. Ha una famiglia, una moglie e tre figli, e vorrebbe tanto vivere a lungo così da poter vedere i suoi nipotini. Basta, la vita da poliziotto tosto sono finiti… e questo vale anche per l’attore.
Per tutti gli anni Ottanta Stacy Keach è stato la perfetta incarnazione televisiva del Mike Hammer di Spillane, l’investigatore duro con la faccia da schiaffi: dal 1983 al 1989 Keach non ha fatto altro che infilarsi e sfilarsi i panni hardboiled in film e serie televisive, quindi nel 1993 la voglia del suo personaggio di scrollarsi di dosso quello stereotipo è più che comprensibile.

Capo, sono stanco di essere Hammer: voglio fare lo Stone

Il comandante Toole (il mitico Paul Winfield) asseconda controvoglia il desiderio di Stone di andarci piano, ma mal digerisce la sua incredibile richiesta: vuole una donna come nuovo partner. Statisticamente le poliziotte ci pensano molto di più prima di lanciarsi in azioni violente e rischiose, così il nostro Stone è convinto che con una gentil donzella al fianco le giornate passeranno via lisce.
Non sa quale “forza irresistibile” sta per crollargli addosso.

Agente Forza irresistibile a rapporto

Nel 1993 Cynthia Rothrock è già la regina del cinema marziale, anche se la corona se l’è dovuta conquistare ad Hong Kong, visto che il cinema occidentale non voleva donne a menare gli uomini. Una volta esplosa la mania marziale, Cynthia era l’unica quota rosa con già un grande seguito di pubblico e un curriculum di tutto rispetto.
Tolte le produzioni cinesi su suolo statunitense, il primo vero film tutto americano in cui Cynthia risplende è Codice marziale (1990), seguito dal decisamente superiore Codice marziale 2 (1991). Stabilendo il canone della “poliziotta tosta” il pubblico americano può accettare una protagonista femmina che mena i maschi: lo fa con un distintivo, quindi va bene. Segue infatti l’ottimo Cop Girl. Artigli di tigre (1991) in cui dà la caccia al serial killer Bolo Yeung.
Quando si presenta davanti a Stacy Keach, la Rothrock è già la Rothrock, all’apice di una carriera marziale destinata a concludersi molto velocemente, ancora di più in Italia visto che i suoi film smetteranno di essere distribuiti molto presto, e quei pochi comprati da Italia1 saranno persi per sempre.

È durata pochissimo, ma è stata una stella marziale di prima grandezza

La situazione divertente del rude poliziotto che tratta in modo paternalistico la giovane recluta donna dura poco, perché la detective Charlotte Heller si dimostra subito tutt’altro che la donnina timida che Stone cercava. Dopo aver sbaragliato da sola un tentativo di rapina, confessa di essersi addestrata in marina e di non aver superato il corso di polizia… perché troppo violenta!

E vai, la tecnica di gamba che storicamente è la firma di Cynthia

Cacciati entrambi in malo modo dal loro capo, Stone per consolare la ex nuova partner la invita a cena per presentarle la famiglia, ma prima è meglio prendere un regalo per la signora Stone.
Entrati in un centro commerciale, scoprono che il locale è stato scelto da un politicante del posto per un convegno, che però si trasforma in “situazione con ostaggi” appena sale sul palco il perfido James Barron (Christopher Neame) e blinda tutto.

Quando uno ha la faccia da infame ha una carriera da attore assicurata

Stone è rimasto fuori, ma Charlotte è dentro e nessuno dei terroristi sa che è una super-poliziotta. Come dite? Die Hard (1988) in gonnella? Che maligni che siete, comunque sembra più strizzare l’occhio a Trappola in alto mare (1992), infatti ad un certo punto… arriva pure la torta con la ragazza dentro!

Anche se di spalle, mi sembra un omaggio a Erika Eleniak

Se Project Shadowchaser 2 (1994) e Meltdown (1995) ci ha insegnato qualcosa è che sono anni in cui le trame alla Die Hard vanno fortissimo, e questo Irresistible Force ne sfrutta lo schema anche per un motivo semplice: Keach non ha più il fisico per fare il duro e competere con l’agile e giovane Rothrock, quindi facciamo che Keach sta fuori alla radio e la Rothrock fa il McClane della situazione.

«Yippee ya-yeh, pezzi di merda» (cit.)

Lo sceneggiatore Carleton Eastlake viene dal giallo poliziesco ma dopo questo film si butta sulla fantascienza: si sarà mica stufato del genere? Comunque compie un lavoro onesto: la sceneggiatura non brilla certo per originalità né per complessità – mica l’ho capito perché il perfido Barron ha preso in ostaggio un centro commerciale – ma fa il suo onesto lavoro fino in fondo, senza scossoni né stupidate.

Ma io so’ il detective duro… perché devo rimanere fuori?

La CBS palesemente sfrutta l’esplosione marziale per produrre un film che prenda un genere storico come il poliziesco e ci aggiunga venature marziali, cioè un genere nuovo ma già molto apprezzato. E la situazione è perfettamente rappresentata dai due personaggi: il poliziotto d’esperienza, visto in miliardi di prodotti televisivi, e la giovane poliziotta marziale, qualcosa di mai visto prima in TV prima di Codice marziale. Di poliziotte forti ce ne sono state eccome in TV, in precedenza – dalla mitica agente Pepper (1974) alle altrettanto mitiche Cagney e Lacey (1981) – ma solo la Rothrock usa tecniche marziali.

Quando ci si menava in TV in prima serata

Il fatto che la “trama gialla” in questo caso sia praticamente ridotta a zero indica che i produttori hanno sentito nell’aria che il genere marziale è al momento più importante del poliziesco: sarà un fuoco di paglia e nessuno potrà mai detronizzare il poliziesco in TV, ma per quel ristretto numero di anni nasce l’esigenza di avere più “poliziotti di menare” anche sul piccolo schermo.

A regazzi’, divertiti con quella roba marziale che tanto non dura

Questo però non vuol dire che il regista sia in grado di valorizzare la parte marziale della storia. Malgrado a dirigere Irresistible Force ci sia un professionista come Kevin Hooks – che ha iniziato con “Saranno famosi” (1984) e “Visitors” (1984) e oggi lo trovate in tutte le serie di primo piano, da “The Good Wife” a “The Punisher“, da “The Orville” a “Preacher” – è palese che faccia di tutto per non far risaltare le tecniche marziali: non escluderei che l’emittente televisiva temesse accuse di violenza e censure quindi abbia cercato di non dare troppo risalto ai calci della Rothrock.
Invece i terroristi che volano in aria e cadono in ogni dove sono molto ben studiati, grazie allo stunt coordinator Guy Norris (sarà parente?): addirittura vediamo spesso i cattivi rovinare al rallentatore su oggetti che si rompono. Perché la stessa attenzione non viene dedicata alle tecniche della super-poliziotta?

Non sono riuscito a catturare schermate marziali migliori

Malgrado il coreografo sia l’australiano Antony Szeto, che dal 1986 fa capolino nelle produzioni marziali e oggi è stunt coordinator di grandi produzioni americane, le scene di combattimento non sono memorabili, sia perché non sono loro il punto focale della narrazione sia perché non ci sono avversari degni della Rothrock: per quanto sia un onesto scontro finale, quello con Neame, siamo ben lontani dai prodotti tipici dell’epoca.
Però, di nuovo, va ricordato che è un prodotto televisivo CBS che cerca di presentare al pubblico amante del poliziesco un po’ della nuova “marzialità giovane” che sta conquistando le videoteche.

Due generi che per qualche anno si sono divisi il piccolo schermo

Ringrazio ancora di cuore Phil per avermi passato una copia digitale della sua VHS e spero continuerà sempre ad essere grande amico di tutti gli amanti dell’action anni Novanta.

L.

– Ultimi film con Cynthia Rothrock:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Irresistible Force (1993) Quando Keach incontra Rothrock

  1. Evit ha detto:

    Questo non lo avevo davvero mai sentito nominare! Grazie Phil!

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    I baffi di Stacy Keach contro i calci di Cynthia Rothrock, questa è davvero una super-chicca, un film di “Strambi sbirri” arrivato da un’epoca purtroppo scomparsa. Grazie per le citazioni e grazie a Phil per la sorpresa 😉 Cheers!

    "Mi piace"

  3. Willy l'Orbo ha detto:

    Grande Phil! Nuovo nume tutelare dell’action anni ’90!
    E, nel suo piccolo, lode anche a questo film, non memorabile ma onesto, piacevole, scorre liscio che è una bellezza e ti regala un’oretta (perché dura poco di più) spensierata e, alla fin fine, moderatamente appagante, il che non è poco vista la natura televisiva! 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Zio Portillo ha detto:

    Mi limito ad un caloroso: grazie Phil! Di cuore.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Phil in the Sky with Diamonds 😛

      "Mi piace"

      • Zio Portillo ha detto:

        Con me coi Beatles sfondi una porta, ma che dico una porta, un cancello aperto!
        Ieri mi sono rivisto per l’ennesima volta “The Beatles: Eight Days a Week”, il documentario di Ron Howard. Oh, ogni volta mi esce la pelle d’oca quando li rivedo che suonano sul tetto della Apple a Londra.

        Racconto personale di cui non frega nulla a nessuno: quando frequentavo Londra anni fa (ci andavo due-tre volte l’anno) per Savile Raw ci passavo spesso. Proprio a fianco c’è il famoso negozio di Abercrombie dove si facevano file chilometriche per entrare e dove le ragazze facevano le foto con i modelli con gli addominali di fuori. Tutti fotografavano il negozio, io fotografavo il palazzo storico dove i Fab Four hanno chiuso col botto.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Quindi immagino avrai visto il recente “Yesterday” (2019) di Danny Boyle: in caso contrario, fra una replica di “Oceania” e l’altra te lo consiglio 😛

        "Mi piace"

      • Zio Portillo ha detto:

        Visto, visto. Però ho preferito Troisi che cantava YESTERDAY alla Sandrelli! 😀

        Piace a 1 persona

  5. Phil ha detto:

    Hei, grazie a tutti per i complimenti! E che la Z sia sempre con voi!! 😀

    Piace a 1 persona

  6. Anonimo ha detto:

    Ciaom ma qualcuno sa dove si può trovare il film?

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.