Cyborg Terminator 4 (1996) Death Angel

Finalmente sono riuscito a mettere le mani sull’agognato e rarissimo quarto episodio della saga futura di Albert Pyun, capendo finalmente perché abbia avuto una vita distributiva così totalmente diversa dagli altri titoli del regista degli stessi anni: semplicemente perché anche i suoi titoli più cialtroneschi e inguardabili mantengono ugualmente l’aspetto anche superficiale di un film. Questo invece è solo un video pruriginoso girato fra lui e Sue Price, da guardare nell’intimità.

Ecco dunque Nemesis 4: Death Angel. Visto che continua l’abitudine del doppio titolo, abbiamo pure Cry of Angels.
IMDb ci dice che il film è uscito nel 1996 in Germania e solo nell’aprile 1999 è apparso negli USA: visto che stiamo parlando di un prodotto infinitesimale, è dura rintracciarne la distribuzione.
Di sicuro non ho trovato tracce di uscita italiana: se qualcuno ne sa di più mi faccia sapere.

La fine ingloriosa di una delle storiche saghe di fanta-Z

Siamo arrivati al 2080 e finalmente la guerra tra umani e cyborg è finita: era ora! Però un po’ mi manca… Comunque ora l’umanità vive in una pace debole e molti dei soldati, ritrovatisi senza più nulla da fare, vanno a riempire le fila dei signori del crimine nati in giro dopo la guerra. Questa cosa dei “ronin del futuro” mi piace pensare che renda Omega Doom (1995) “canonico” nell’universo narrativo cyborg di Pyun.
Ora a quanto pare la nostra Alex (una biondissima Sue Price molto più diva rispetto ai primi film) lavora come assassina per Bernardo (Andrew Divoff) ed è arrivata al fatidico “ultimo colpo poi mi ritiro”. Un classicone.

Ve la ricordate Alex? L’abbiamo vista neonata e va’ com’è cresciuta!

La sua ultima missione è a Zagrev, in quell’Est Europa che quindi Pyun già bazzicava prima che diventasse la Nuova Hollywood. La slovacca Bratislava sarà poi scelta da grandi produzioni, da Dragonheart (1996) a The Peacemaker (1997), da Dietro le linee nemiche (2001) a Red Sparrow (2018). Di certo però qui Pyun sceglie le zone più tristi.

Bella la Bratislava futura, però non ci vivrei

Mentre in Omega Doom Pyun ha usato una sola piazza per tutta la vicenda, qui fa il giro di due o tre location diverse, tutte tristi e tutte con detriti e distruzione, ricordandoci che siamo in un futuro post-apocalittico. Ma soprattutto che siamo in un filmaccio assurdo.

Saprà Bratislava resistere ai polpacci di Alex?

Quei due o tre personaggi che ogni tanto appaiono non sanno cosa dire e si limitano a bofonchiare, perché l’unica protagonista della vicenda è Sue Price, o meglio parti del suo corpo. Che Pyun abbia un interesse molto acceso per le donne muscolose lo abbiamo capito sin dai tempi di Knights (1993), ma qui scatta qualcosa e la situazione cambia parecchio: gli ammiccamenti dei precedenti film lasciano il posto a riprese ardite e indiscrete, che incedono più del dovuto su nudità gratuite che però sembrano l’unico motivo per l’esistenza di Nemesis 4.
La culturista rinuncia ad ogni pudore e non ha problemi a mostrarsi senza veli in pose che non c’entrano nulla con una ipotetica (ed inesistente) sceneggiatura: sembra stia posando per il Calendario Cyborg 1996…

Calendario Cyborg 1996: non il mese migliore…

Il terzo film si chiudeva con un’anticipazione della lotta finale di Alex nella città dei cyborg, poi dev’essere successo qualcosa (ipotizzo che i finanziatori siano scappati da Pyun il più lontani possibile) e quell’immagine di Alex in armatura con fucile scompare per sempre: qui c’è una culturista con abiti palesemente inadatti che fra una posa nuda e l’altra ammazza della gente.
Immagino che il ritrovarsi con zero budget abbia spinto Pyun magari a girare in contemporanea Nemesis 4 e Omega Doom, visto che condividono la stessa identica ambientazione – e l’attore Norbert Weisser, che dà il massimo in entrambi sebbene sia sprecato – anche se poi però la distribuzione è stata molto più benigna con il film con Rutger Hauer rispetto a questo filmino soft-core con la bionda culturista.

Uno dei tanti coiti letali della vicenda

Scene lunghe oltre ogni sopportazione – così da sfruttare ben bene ogni location – devastate da dialoghi ridicoli mettono a dura prova lo spettatore, mentre gli amplessi in cui Pyun rimaneggia i corpi, li riprende con inquadrature oscene e li scompone solo per ricomporli seguendo i propri sudori, mettono un po’ di imbarazzo: sembra di star guardando il filmino privato girato da Pyun e Price nelle loro intimità.

La posizione fissa di Alex per almeno mezzo film

Che fine ha fatto il terribile Nebula interpretato da Tim Thomerson? E gli altri cyborg? E la guerra con cui Pyun ce l’ha menata per anni? Tutto scomparso: anche nella loro minuscola dabbenaggine, erano film evidentemente troppo costosi. Ora che Pyun ha solo i soldi del Monopoli con cui lavorare non può far altro che dar voce alle proprie perversioni nei riguardi di Sue Price, la quale non sembra avere problemi al riguardo: in fondo non è che ci sia la folla di produttori pronti a darle un ruolo in qualsiasi altro film.
Quindi via a scene smanacciose dove Alex uccide i cyborg prima, dopo ma anche durante gli amplessi in auto: avendo un’intera città a disposizione, lo stesso preferisce lo scomodo coito automobilistico. E lì, fuori dal finestrino, c’è Pyun con lo zoom fisso su ogni angolo di pelle. Che fine ingloriosa per la cacciatrice di cyborg…

L’angelo biondo che stermina il mondo (dei cyborg)

Nella vergogna e nell’imbarazzo finisce la prima parte della saga futura di Pyun. Perché venti anni dopo questo delirante e inguardabile filmaccio qualcos’altro è successo… e a Pyun gli si è riaccesa la voglia di cyborg! Dal 2017 il regista, che da tempo si aggirava mesto in produzioni infinitesimali, è tornato al futuro: la domanda è… saprò sopportare la visione dei suoi deliri recenti? Vedremo…

L.

– Ultimi post sui cyborg:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza, Inediti e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Cyborg Terminator 4 (1996) Death Angel

  1. Zio Portillo ha detto:

    Ammetto la mia debolezza. L’ho cercato al volo sul web e l’ho trovato intero in russo in una specie di YouTube… L’ho scorso veloce e… Boh! Si vede la Price che si aggira in mezzo alle macerie, poi inquadrature strettissime sui volti, lei viene minacciata con una pistola, sesso e morte. La Price se ne va, cambia l’abito e ricomincia la stessa scena ma con un partner diverso.

    A parte le zinne (valgono per il Zinnefilo? Chiedo per un amico…) non mi pare ci siano altri motivi per la visione. Anche perché la Price in alcune inquadrature pare il terzo gemello Paul (i Barbarian Brothers, che poi uno è morto durante la quarantena… Lo sapeva qualcuno?) ma con la parrucca bionda!

    Se posso metto il link. Fammi sapere Lucius.

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Pensare che qualcuno gira filmini così per fare scandalo e calamitare notorietà, Sue Price e Albert Pyun con questo quarto capitoli non ci sono riusciti nemmeno giocandosi la carta del filmino quasi spinto 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  3. Conte Gracula ha detto:

    Oddio, ma all’attrice fa sempre mettere quei vestitini ariosi alla Marylin, quando lei non è nuda? Perché non è che le donino granché…

    Piace a 2 people

  4. Austin Dove ha detto:

    ciao, hai ricevuto una nomination nella mia speciale Liebster Award^^
    passa a trovarmi 🙂

    Piace a 1 persona

  5. Willy l'Orbo ha detto:

    Sai quanto adoro la Z e quanto creda nella nudità gratuita come elemento migliorativo di un prodotto Z, ma qui mi pare si vada oltre, tanto che non mi verrebbe nemmeno troppa voglia di vederlo (e tu che conosci le mie debolezze filmiche, potresti stupirti di ciò!).
    I due meriti che riconosco al film suddetto sono quello di aver stimolato la tua solita, esimia, recensione e di aver riportato alla mente i fasti dello zinnefilo…ne sento la mancanza! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Ti ringrazio, e proprio perché Pyun è uno di noi, uno che sa infarcire bene i suoi film, dispiace ancor di più assistere alla sua rovinosa creatura: il Tocco di Pyun non basta più a far digerire il suo solito filmaccio. Il suo celebre stile di regia è scomparso, rimane solo un prodotto amatoriale. Da quel poco che ho visto del Pyun più recente, temo che sia tutto ciò che è rimasto di lui.

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        Tanto che poi, registicamente parlando, nel capitolo del 2017 ha passato la mano a un altro, e difficilmente questa cosa sarebbe successa in quei suoi anni più ispirati ormai lasciati alle spalle nella seconda metà dei ’90, come anche questo insulso “Nemesis 4: Death Angel” sta a dimostrare. Forse però un barlume di speranza ancora c’è, dopotutto: il suo “Interstellar Civil War” del 2017 (contemporaneo a Nemesis 5 e più che probabile motivo dell’affido di quest’ultimo al collega Dustin Ferguson, così Albert poteva avere le mani libere per dirigere personalmente il suo kolossal) ha suscitato entusiasmi inaspettati…
        P.S. Catene di San Tag-Tonio: il genio all’opera 😉

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Del Pyun moderno ho visto solo “Left for Dead” (2008) all’interno della mia maratona di weird western: era delirante ma non mi ha lasciato un ricordo sgradevole. Sono curioso di continuare questo viaggio per capire l’entità della “rinascita” di Pyun nel Duemila.
        P.S.
        Non posso attribuirmi la paternità dell’espressione Tag-Tonio ma ne sposo il concetto ^_^

        "Mi piace"

  6. Pingback: Cyborg Terminator 5 (2017) The New Model | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.