[Multi-Recensioni] Ryan Reynolds su Prime Video (1)

Ho scoperto con mia sorpresa che Ryan Reynolds ha lavorato tantissimo prima di diventare famoso, onestamente l’avevo notato molto poco e ho scoperto che anche in film che ricordavo bene… non ricordavo ci fosse lui! Sarà che reputavo anonima la sua faccia, perfetta per i ruoli da babbeo come in Blade: Trinity (2004) e Lanterna Verde (2011), ma sto cominciando ad apprezzare un attore che si è fatto una gavetta molto sostanziosa.

Credevo fosse questo il massimo dell’anonimità di Ryan Reynolds

Visto che Prime Video ha in catalogo diversi film del genere “quando Ryan Reynolds non era famoso”, ne ho approfittato per un viaggio tematico.



A prova di idiota
Uscito in DVD come
Foolproof. Il gioco è finito
(Foolproof, 2003)
In DVD DNC dal 2005.
Disponibile su Prime Video.

Prima di scomparire nel nulla dopo il delizioso Gunless (2010), il canadese William Phillips ha scritto e diretto questo heist movie di stampo classico, permeato da un’atmosfera frizzante che però in realtà non è mai presente. È giusto un “sentore”.

La faccia da schiaffi Kevin (Ryan Reynolds), l’atletica Sam (Kristin Booth) e la “mente” Rob (Joris Jarsky) hanno messo a punto un piano infallibile per rapinare una grande gioielleria, un piano così “a prova di idiota” (foolproof) che bisogna essere idioti per farselo sfilare dalle mani, come succede ai nostri tre diversamente geni: altri mettono a segno il colpo, ma i nuovi ladri non sono degli ingrati.

Il colpo studiato dai nostri tre è stato messo a segno da Leo Gillette (David “Poirot” Suchet), super-ladro mitologico che sa riconoscere il genio criminale dietro il suddetto piano, così obbliga i tre giovani a lavorare per lui e studiare un altro piano a prova di idiota per un colpo molto più ricco. Kevin, Sam e Rob non possono fare altro che sottostare agli ordini di Leo e iniziare ad usare la loro genialità criminale, anche se il nuovo colpo metterà a dura prova la loro amicizia.

Mette i brividi quando il Poirot cattivo ti serve da bere

È davvero difficile recensire questo film, non si capisce se è geniale, stupido o una via di mezzo. Il problema è che sembra una commedia ma non c’è una sola scena che lo faccia pensare; sembra un “film frizzante di rapina” alla Ocean’s Eleven (2001) ma non ne ha i numeri; sembra una storia intricata con colpo di scena finale ma in realtà è tutto lineare e il “sorpresone” si è capito già fin dall’inizio. Mettiamola così, il talento di William Phillips è di aver creato un film mediocre che però mentre lo si vede sembra un buon film.

In mezzo ad attori totalmente schiavi dei loro personaggi stereotipati, sicuramente Reynolds ci fa un figurone: bastava battere le palpebre per sembrare il migliore del cast. Non c’è un solo momento comico o divertente eppure il ruolo di Ryan sembra brillante, il ladro gentiluomo e frizzante: di nuovo, è una sensazione falsa ed immotivata ma è questo il talento dell’autore.

Da notare la presenza in un piccolo ruolo di David Hewlett, altro celebre canadese, che probabilmente il regista ha conosciuto sul set de Il cubo (1997). All’epoca di Foolproof David era già apparso nel ruolo del mitico dottor Rodney McKay della serie “Stargate SG-1”, ma solo l’anno dopo il suo personaggio diventerà immortale con “Stargate Atlantis”. Se in The Cube era un sessuomane e in “Stargate” un informatico, qui in Foolproof… è un informatico sessuomane!



Maestro dell’anno
(School of Life, 2005)
In DVD Eagle Pictures dal dicembre 2010.
Disponibile su Prime Video.

Il canadese William Dear ci ha regalato ben altri prodotti, come il divertente Timerider (1982) e il mitico Bigfoot e i suoi amici (1987), ma le bollette tocca pagarle e i gloriosi anni Ottanta sono lontani, così quando gli propongono «Facciamo la versione pacchiana e sotto steroidi de L’attimo fuggente?» accetta subito, tanto è un prodottino che si gira da solo e può leggere il giornale durante le riprese.

Il professor Warner (David Paymer) ha insegnato a lungo nella scuola dove tutti adorano suo padre, il mitico professor “Stormin'” Warner che ogni anno vinceva il premio di miglior professore: ora che l’ingombrante genitore è passato a miglior vita, il povero Warner può legittimamente ambire a prendere il suo posto nel cuore degli studenti: peccato che sia un noiosissimo e grigio insegnante, di quelli che tutti detestano. Se non bastasse questo già grave problema, arriva a scuola il prof più figo del mondo: Michael D’Angelo, che però tutti da subito chiamano solo Mister D (Ryan Reynolds).

Adottando trovate di sceneggiatura degne di tante manate in faccia, parte l’ovvio confronto tra l’insegnamento barboso e quello figo, fatto di libri strappati, banchi spostati e ci manca solo il carpe diem: basta guardare gli occhi di Reynolds per capire che lui è il primo a odiare ’sta roba, ma le bollette le deve pagare pure lui.

Reynolds nel ruolo di cosplayer di Robin Williams

La banale scontatezza di ogni situazione è bruciante, il “colpo di scena” è così ovvio che si capisce già nel primo minuto di film, e non aiuta un co-protagonista totalmente assente come il nostro Ryan: credo che il suo sguardo vuoto si debba al fatto che si stava preparando a girare Amityville Horror (2005).

Il cuore è giusto, la storia strappalacrime ci sta tutta, ma l’esecuzione è davvero di grana troppo grossa.



Cambio vita
(The Change-Up, 2011)
In DVD Universal dal 2012.
Disponibile su Prime Video.

Dopo 2 cavalieri a Londra (2003) e 2 single a nozze (2005), e prima di tornare a dirigere videoclip, David Dobkin continua a portare su schermo storie di amiconi nei guai, in situazioni sempre più paradossali: stavolta attingendo all’inesaubile bacino del genere “Freaky Friday”, che chiamo in questo modo in omaggio al primo film che ho visto sull’argomento, cioè quello mitico con Jodie Foster del 1976.

Dave (Jason Bateman) è un lavoratore indefesso, marito attento e padre amorevole di tre figli, che stanco della sua vita da Mulino Bianco sogna la libertà dell’amico Mitch (Ryan Reynolds), perdigiorno matricolato e saltuariamente attore di pessime produzioni di dubbio gusto, un uomo dai variegati appetiti sessuali che però sogna l’affetto di una famiglia come quella di Dave. Da anni i due amici sognano segretamente uno la vita dell’altro, finché una sera – mentre fanno pipì in una fontana che non sanno essere magica – esprimono in contemporanea questo loro desiderio ad alta voce… e ovviamente la mattina dopo si svegliano uno nel corpo dell’altro. Può iniziare “quel pazzo venerdì”.

E ricorda: se qualcuno lo chiede… sei tu che hai interpretato Lanterna Verde!

La scelta attoriale è perfetta, Bateman ha scritto “papone” in faccia mentre Reynolds ha scritto “sciupafemmine”, grazie anche a fisici perfettamente aderenti ai personaggi. Le situazioni umoristiche sono tutte ovvie ma il genere non è noto per la creatività quanto per l’efficacia delle situazioni e degli attori: qui tutto funziona, ci si diverte, scappa pure qualche risata, e in generale è una visione molto divertente, quindi ogni possibile difetto è perdonato.

Il momento più divertente è ovviamente quello più triviale, quando cioè Dave nel corpo di Mitch scopre che l’amico aveva sempre esagerato quando si definiva “attore”, visto che i suoi ingaggi sono più spesso in filmini soft-core al fianco di attempate (e mal-rifatte) attrici straniere, così come Dave scoprirà che i gusti sessuali dell’amico sono molto più atipici di quanto pensasse. Non mancheranno situazioni “basse” che però sono innegabilmente divertenti, quindi – come sempre – finché funziona va tutto bene.

Il film esce solo due mesi dopo Lanterna Verde, quindi Ryan ha un fisico allenatissimo che non manca di mostrare, ottimizzando così l’allenamento compiuto per il pessimo film superomistico.



Safe House – Nessuno è al sicuro
(2012)
In DVD e Blu-ray Universal dal giugno 2012.
Disponibile su Prime Video.

Malgrado il cognome, Daniel Espinosa è un talentuoso regista svedese di belle speranze, che ha firmato Child 44 (2015) e LIFE (2017) mentre stiamo aspettando di vedere il suo Morbius (2022), ma prima di tutto si è fatto le ossa con questo Safe House, scritto dall’esordiente David Guggenheim.

Tobin Frost (Denzel Washington più cazzuto che mai) è un mercenario di informazioni che se non bastasse la taglia internazionale sulla testa ora ha per le mani roba scottante da vendere: un bell’elenchino di porcherie commesse da servizi segreti di vari Paesi. Per sfuggire a dei sicari si fa catturare dagli americani, anche perché sa che le squadre speciali a stelle e strisce sono così inette che basta fare loro “Bù” per ucciderle. Invece per sua sfortuna, o fortuna a seconda dei punti di vista, viene portato in una casa sicura della CIA gestita da Matt Weston (Ryan Reynolds).

Matt è un giovane che sogna di fare carriera nella CIA ma per ora è solo il custode di una casa sicura a Città del Capo, e nell’ultimo anno i suoi compiti sono stati lavare per terra e pulire il bagno: ora, nel giro di pochi minuti, si ritrova responsabile di un criminale internazionale con un manipolo di mercenari spietati che sta mitragliando l’intera città per acciuffarlo. Forse era meglio lavare per terra…

Sai quanto ci ho messo a lavare quella casa che mi avete appena distrutto?

La fuga del buono con il cattivo, così da scoprire che poi non è tanto cattivo, è un grande classico che il film gestisce oserei dire alla perfezione: non finge mai di essere un filmone spionistico di quelli cervellotici, svolge la sua trama in modo onesto con tanta azione e due attori in stato di grazia che si caricano l’intera vicenda sulle spalle. L’affiatamento di Denzel e Ryan è perfetto e rende più che credibile le dinamiche dei rispettivi personaggi.

L’ho visto già alla sua uscita italiana e come voto gli ho dato 6 su 10, che è alto per i miei parametri: penso che invece l’alzerò a 7, visto come mi ha fatto piacere rivederlo. Ottima azione sposata con ottimi personaggi, ad avercene di film così!



The Voices
(2014)
In Blu-ray Blue Swan dal giugno 2019.
Disponibile su Prime Video.

Debutto americano per la regista iraniana Marjane Satrapi, che fa un ottimo lavoro ma il problema del film è la sceneggiatura di Michael R. Perry, autore televisivo che in una sola altra occasione ha scritto per il cinema, cioè per Paranormal Activity 2 (2010): il che è tutto dire.

Jerry (Ryan Reynolds) è il vostro amichevole psicopatico schizofrenico di quartiere. Sappiamo che ha avuto un’infanzia terribile, in mano ad un padre violento, e sappiamo che da grande deve aver avuto dei guai con la giustizia, tanto che ora deve vedere regolarmente una psichiatra ed assumere regolarmente delle pillole: Jerry adora parlare con la sua psichiatra, invece detesta prendere le sue pillole. Perché sotto il loro effetto tutto è rosa, come nella celebre canzone del Rocky Horror Picture Show: il rosa tinge il mondo di Jerry, e lo tiene al sicuro da guai e dolori. Certo, se Jerry continuasse a prendere le sue pillole… cosa che non fa!

«Rose tint my world and keeps me safe from my trouble and pain» (cit.)

Grazie alla eccezionale fotografia di Maxime Alexandre man mano cominciamo a capire quando Jerry vive nel proprio mondo e quando nella versione “rosa” del nostro, e sicuramente un valido indizio di come funzioni la testa del giovane ce l’abbiamo quando torna a casa e parla con il suo cane e il suo gatto. Fin qui niente di strano, tutti noi parliamo con cani e gatti… il problema è che a Jerry i due animali rispondono! È curioso che Reynolds affronti un personaggio che sente le voci nella testa come Deadppol due anni prima di portare quel personaggio al cinema… senza le voci nella testa!

Il momento più alto del film è quando Jerry riesce ad invitare la collega di lavoro Fiona (Gemma Arterton) e una serie di sfortunati eventi creeranno una delle migliori scene di umorismo nero mai viste, il che è deleterio per il film visto che tutto il resto della vicenda non è all’altezza di quella scena-capolavoro. Quello che inizia forse vorrebbe essere una commedia nera o un horror comico, ma le parti comiche non sono comiche e la parte horror è troppo seria ed emotiva per essere solo horror. Insomma, c’è un problema di calibrazione dei generi, per cui onestamente non sono riuscito a capire di cosa diavolo parlasse la storia.

Nessuno mi capisce, per fortuna posso parlare con voi

Jerry è un Candido voltairiano che la malattia mentale e un mondo crudele trasforma in cattivo? La psichiatra fino alla fine continua a ripetere che Jerry è un uomo buono, malgrado ciò che fa, quindi la vicenda è per spiegarci che bisogna aiutare i malati e non giudicarli? Non lo so, forse non c’è neanche una “morale” in questo film, è solo la storia della caduta rovinosa e semi-seria di uno psicopatico, che forse voleva essere una commedia nera ma a parte la citata scena con Fiona – che da sola vale l’intero film – tutto il resto ha un problema di registro non calibrato.



Mississippi Grind
(2015)
In DVD e Blu-ray Eagle Pictures dal luglio 2020.
Disponibile su Prime Video.

Non riesco ad instaurare alcun rapporto empatico con i personaggi di giocatori seriali, che in un numero sconfinato di film (ma davvero piace così tanto ’sta roba?) ci raccontano la loro “filosofia”, anche se io userei altre parole per definirla, e tutte irripetibili: la prossima volta sicuramente vinco. Cioè il mantra che ogni perdente ripete a se stesso, mentre rovina la propria vita ma soprattutto quella di chi gli è attorno. Ma in fondo di solito questi vampiri sociali sono così fortunati da essere circondati da beoti che continuano ad aiutarli.

Gerry (Ben Mendelsohn) è il solito decerebrato convinto che possa guadagnare con il gioco d’azzardo: ancora vengono usati questi spunti? Dobbiamo ancora vedere film con questo stupido soggetto che era già vecchio nell’Ottocento? Almeno all’epoca chi perdeva alla roulette si suicidava così si toglieva dai coglioni, invece oggi si fanno film che elogiano queste figure sgradevoli. A Ryan Reynolds il compito di interpretare un ruolo ancora peggiore, cioè l’amico del coglione che lo guarda giocare, che è un’attività intelligente quanto guardare uno che pesca. L’unico motivo narrativo per cui potremmo accettare che Curtis (Reynolds) segue Gerry di scommessa in scommessa, aizzandolo e consolandolo quando regolarmente perde, è perché lo sta fottendo… e invece no: è proprio perché a Curtis piace vedere come Gerry viva il sogno americano, cioè perdere tutto come un coglione sognando di vincere.

In pratica questo montarozzo fumante di sterco, che altri chiamano “film”, è Febbre da cavallo (1976) ma senza umorismo, senza sarcasmo e senza alcuna critica: è come se Mandrake e Pomata fossero considerati due veri eroi americani!

Mandrake e Pomata ma senza niente da ridere

L’unica vicenda raccontata dal film, senza spiegare in alcun punto perché la si sia raccontando, è Gerry che mendica soldi in giro, li ruba a tutti, e li perde perché lui è un dritto e sa che può vincere, anche se non ha mai vinto (perché non si vince mai, altrimenti il gioco d’azzardo sarebbe scomparso secoli fa!): e Ryan Reynolds è lì che dice cose stupide per consolarlo.

Uno dei film più brutti e stupidi del millennio.


L.

– Ultimi film su Prime Video:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

22 risposte a [Multi-Recensioni] Ryan Reynolds su Prime Video (1)

  1. Madame Verdurin ha detto:

    Bella panoramica, complimenti per l’idea nonché per la pazienza di vederti tutti questi film di dubbia qualità… Io non amo Ryan Reynolds, l’ho trovato passabile solo in 6 Underground, mentre l’altra sera vedendolo in quella parte stupidissima di agente CIA in Hobbs&Shaw stavo per mettermi a piangere dal fastidio… Non credo ci fosse sceneggiatura lì, gli hanno solo detto “vai lì e di’ delle cose a caso senza prendere fiato”.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Ero così infastidito dalla demenzialità di “Hobbs & Shaw” che onestamente non avevo proprio fatto caso alla presenza di Ryan: visto che parliamo di una saga che incassa miliardi come bruscolini, immagino che tutti gli attori scalpitino per apparirvi anche solo di sfuggita. Però per non notarlo minimamente mi sa che il ruolo non era fondamentale 😛
      Per tanto tempo anch’io ho detestato Ryan, soprattutto per quell’abominio di “Lanterna Verde”, che io schifavo anche quando tutti l’adoravano, prima che diventasse di moda criticarlo. Poi con “Deadpool” m’ha conquistato perché è riuscito a rispettare in pieno lo spirito di un personaggio che sembrava impossibile portare su schermo, quindi da quel film in poi sono meno critico sul suo suo lavoro.
      Mi sono visto un po’ di interviste e dal vivo sembra un tipo simpaticissimo, i film non gli rendono giustizia :-p

      "Mi piace"

      • Conte Gracula ha detto:

        Oddio, Lucius, mi sa che Lanterna verde è piaciuto solo a me, l’ho sentito criticare sin dal primo istante in cui qualcuno è uscito dal cinema dopo averlo visto XD
        Un giorno dovrei rivederlo per capire se mi piaccia ancora – ne apprezzavo l’aderenza alla versione più recente delle origini del personaggio, ma certo potevano buttarci dentro una grafica migliore e caratterizzare meglio il futuro nemico principale (se il film avesse avuto un seguito) 😛
        Comunque, film non facile da fare, i viaggi che si fa il fumetto sulla “fisica delle emozioni” sono impossibili da rendere al cinema senza far addormentare il pubblico e se non spieghi le cose, hai solo gente con anelli che fanno robe perché sì.

        Riguardo a Reynolds, boh, direi che è il belloccio standard che ti giochi nei film meno ambiziosi o in quelli ambiziosi senza motivo (con personaggi scritti così così e storia non pervenuta, ma ricchi di sottotesti ovvi).
        Comunque un attore migliore di Tom Cruise, per quanto mi riguarda XD

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Non è un complimento, basta poco ad essere un attore migliore di Tom 😀
        Scherzi a parte, Ryan è un ragazzone simpatico che si è fatto una gavetta più che onesta, ha sputato sangue con tanti film in cui onestamente era difficile fare bella figura, quindi ho cambiato opinione su di lui: credevo fosse un belloccio che poi aveva aveva avuto fortuna invece è un serio professionista che non le ha azzeccate tutte ma si è sempre rialzato.

        L’Affaire Lanterna Verde per me è come sentir criticare “Suicide Squad” (il primo): in cosa sarebbe sbagliato rispetto a film come “Batman vs Superman”? Temo che i miei parametri di giudizio siano diversi, perché per me sono tutti inguardabili i film DC, quindi non capisco quando fanno delle distinzioni 😀
        Per farti un esempio, non è che io giudichi divertente “Suicide Squad” perché voglio fare il bastian contrario, ma solo perché al netto di una sceneggiatura imbarazzante, una fogna di luoghi comuni a cielo aperto, almeno ha lo sforzo di disegnare un paio di personaggi azzeccati e di condire il tutto con grafica e musica ottime, a coprire le enormi magagne di un copione fetente. Invece Lanterna Verde o il film DC medio non fanno alcuno sforzo in questo senso, anzi puntano tutto esclusivamente sui personaggi protagonisti, che fanno schifo e sembrano scritti dalla scimmia di Krusty, quindi non c’è proprio alcun appiglio a cui uno si possa aggrappare per salvarli.

        Comunque posso ribadire con fierezza che sono stato onesto e coerente con i miei sentimenti verso Lanterna Verde, visto che riversavo insulti al film già mentre lo vedevo, così come verso i film DC, a cui riverso insulti già mentre vedo il trailer 😀
        Hai presente quella scena di “Deadpool” in cui sparano in testa a Ryan Reynolds quando accetta il copione di Lanterna Verde? Ecco, ero io! 😀

        Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        Alla DC/Warner non sono capaci di fare i film uniti in un multiverso coerente, sembra quasi che cambino il responsabile del progetto ogni due giorni XD invece sono piuttosto belli i film animati sui supereroi DC.

        Riguardo a “l’affair” Suicide Squad non capisco chi ha gridato allo scandalo: è un film brutto e pensato male come ce ne sono tanti 😛 tra i due preferisco Lanterna verde, ma non è che “oh mio Dio Lanterna è un film stupendo”.
        Invece, in rete, sembra quasi che Reynolds abbia ucciso un bambino picchiandolo con un cucciolo di foca usato come mazza, tutti a strillare… mah, in confronto al secondo Iron Man, Lanterna verde sembra diretto da Truffaut XD

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        ahahahaha “un cucciolo di foca usato come mazza” è da Premio Nobel 😀 😀 😀

        Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        Sono specialista di figure retoriche improbabili 😛

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        ahahah però altamente fuzionanti ^_^

        Piace a 1 persona

  2. Zio Portillo ha detto:

    “Maial College” Lucius, “Maial College”! Le basi! 😀
    Fu lì, con gli amici, che conobbi Ryan Reynolds, in un filmaccio comico-demenziale-studentesco alla “La rivincita dei nerds”. La scena dei cani e degli hot dog ancora la citiamo come massimo del trash.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Anche lì c’era Ryan? Conosco quel film, ma ormai è una regola: Ryan ha una faccia così anonima che per quindici anni prima di Deadpool l’ho visto in film senza notarlo!!!
      Devo vedere se il film è su Prime Video, in vista di una nuova puntata di questo speciale 😉

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        Ryan è apparso in un sacco di posti prima di Deadpool, sì, ma in tanti ce ne siamo accorti per davvero solo dopo il successo del simpatico mercenario cazzone Marvel, un successo che ci ha fatto aguzzare la vista sul passato filmico del suo interprete: pur sapendo della sua gavetta, io ho comunque fatto una certa fatica a notarlo nei film dove appariva 😉
        In questa lista in teoria qualcosa da recuperare ci sarebbe anche per me ma, trattandosi proprio dei titoli peggiori – “A prova di idiota”, “Maestro dell’anno” e “Mississippi Grind”- credo li lascerò stare lì dove sono.
        P.S. A dire il vero, non ricordo più molto a proposito di “The Voices”…

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        C’è qualcosa nel volto di Ryan che lo fa dimenticare subito, per cui scopro continuamente la sua presenza in film che ho visto, che ricordo… ma non ricordo nulla della sua presenza! In vent’anni ha lavorato tantissimo, eppure sembra uno arrivato adesso! 😀

        "Mi piace"

  3. Iuri Vit ha detto:

    Che comunque, per completezza, su Prime c’è anche la puntata di X-Files dove Reynolds faceva i bello del liceo. Giovanissimo ma già dotato di una gran faccia da Ryan.

    Piace a 1 persona

  4. Cassidy ha detto:

    “Safe House” ai tempi mi era piaciuto, forse le persone si aspettavano più caciara, ma resta un titolo abbastanza solido. “Voices” invece è un pasticcio, non si sa dove voglia andare a parare, magari il fumetto da cui è tratto aveva le idee più chiare, ma non l’ho letto e non ti saprei dire. Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Voices aveva anche potenzialità, il primo omicidio m’ha fatto morir dal ridere, sembrava un horror dal forte umorismo nero ma poi non s’è più capito dove stesse andando.
      In “Safe House” non manca la caciara, ma forse non essendoci Tom Cruise o Matt Damon non è piaciuto 😀 Invece proprio perché privo di divismo ha scene d’azione molto buone, efficaci e d’impatto. E non sono poche, oserei dire che metà film se ne va via in trafelata azione senza un attimo di pausa.

      "Mi piace"

  5. Willy l'Orbo ha detto:

    Oltre agli applausi consueti per la carrellata, debbo tributarti anche gli applausi supplementari per l’originale idea di partenza 🙂
    Ho visto due dei film menzionati, Maestro dell’anno (sì, perdibile, ma per deformazione professionale non ho resistito al richiamo) e Safe House, direi che con quest’ultimo mi è andata decisamente bene! E il tuo voto pare confermarlo!
    Tra gli altri quello più intrigante/divertente mi pare Cambio vita 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      “Cambio vita” non ha nulla di nuovo rispetto ai tanti film sull’argomento, ma almeno è simpatico e i due attori sono perfetti per i ruoli: non è la commedia dell’anno ma qualche risata oserei definirla “assicurata” 😀

      "Mi piace"

  6. Pingback: Foolproof – A prova di idiota (2003) | CitaScacchi

  7. Pingback: [Multi-Recensioni] Vera Farmiga su Prime Video (1) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.