Project Viper (2002) Il mutante

È tempo di tornare ad attingere al bacino di DVD comprati a un euro sulle bancarelle: ve le ricordate le bancarelle? Bei tempi lontani…

A sorpresa scopro di possedere un’opera firmata da Jim Wynorski, il Re assoluto della serie Z (che qui si firma con uno dei suoi tanti pseudonimi, Jay Andrews), e addirittura la storia si rifà palesemente al genere BBS: Bonazze Bionde dallo Spazio. Cosa chiedere di più a Zio, il dio della Z?

Accettiamo dunque il dono del film Project Viper, uscito in patria il 20 aprile 2002 e immediatamente Eagle Pictures lo porta in VHS e DVD italiani dall’aprile successivo, con il titolo Il mutante e in vendita dal luglio successivo.
Il primo passaggio televisivo sicuro che ho trovato risale al venerdì 3 febbraio 2006, quando Sky Cinema 3 lo manda (a pagamento) in prima serata con lo stesso titolo. Dopo una replica del mese dopo scompare ogni sua traccia.

La versione Z di una saga già Z di suo

Mi immagino la faccia di Wynorski mentre guardava Species II (1998) e si dava manate sulla chepa tipo Lino Banfi: ma questa roba è geniale, con trenta dollari posso rifarla uguale!
Non so se il Re abbia riconosciuto tutte le opere precedenti che quel film scopiazzava senza vergogna, ma dall’alto della sua regale Z il nostro Wynorski vuole continuare quella catena di scopiazzamenti.

Anche se è castana, questa è una bonazza bionda dallo spazio!

Ferma due tizi per strada e fa scrivere loro una sceneggiatura al volo, che inizi con una missione spaziale finita male e poi ci troviamo tutti sulla Terra con una donna-clone: facciamola castana, che a farla bionda poi è troppo palese la scopiazzata.
C’è qualcosa che dallo spazio è venuto a fare robe sul nostro pianeta, quindi bisogna chiamare l’uomo giusto per il lavoro giusto: non il primo babbeo che passa, no… il secondo! Cioè Mike Connors (Patrick Muldoon).

Mike Connors, agente con licenza di capello sempre perfetto

Connors risolve problemi per il Governo fra una seduta e l’altra dal parrucchiere, e sebbene di solito lavori solo stavolta è costretto a collaborare con la squadra della dottoressa Burnham (Theresa Russell), anche se li sospetta tutti di essere dei cospirazionisti.

Ebbene sì, anche Theresa Russell ha le bollette da pagare

Per non far vedere che è la versione Z di Species II cambiamo un po’ le carte in tavola: invece che una forma di vita aliena giunta da noi dallo spazio, facciamo che sia nata prima da noi, poi sia andata nello spazio, e ora sia tornata. Mi sembra molto più efficace, no?

Facciamo dunque che la dottoressa Burnham e la sua squadra abbiano creato in laboratorio una forma di vita – metà biologica e metà cibernetica – studiata per essere spedita su Marte e lì colonizzare il pianeta, non si sa perché: che ci facciamo poi con un pianeta pieno di mostri che mangiano carne umana?
Comunque il Progetto Viper per motivi non chiari è sfuggito al controllo e ora la forma di vita mutante si ritrova nella solita provincia americana, madre di ogni orrore. Riuscirà l’alieno a superare in cazzutaggine lo sceriffo locale, interpretato dal mitico Tim Thomerson?

Nessun mostro di provincia può battere lo sceriffo Tim Thomerson!

Stanco di essere una donna, il mutante si trasforma in creatura tentacolare e comincia a mangiare la gente, infilandosi negli spazi più bui senza alcun motivo. Per fortuna quei babbei professionisti che lavorano con la Burnham sono tipici cartonati da horror: mentre sono a caccia di un mostro pericoloso, uno alla volta si vanno ad infilare in posti oscuri così da essere uccisi come gli idioti che sono.

Un mostro con il senso dello spettacolo

Come siamo passati da un essere biomeccanico studiato per lo spazio al solito mostriciattolo da provincia americana che si annida nelle cantine? Con Re Jim va così, non sai mai cosa aspettarti. Per fortuna a tenerci compagnia in una sceneggiatura latitante c’è Tim e i suoi baffoni da gentiluomo del sud.

Fermi, o i miei baffi sparano!

Per il tentacolare mostro mutaforma non si è badato a spese, visto che si crea per aggregazione liquida come il T-1000 di Terminator 2, ha l’aspetto della Regina Aliena di Aliens con tanto di verso xenomorfo e spolpa la gente con il meglio della grafica computerizzata che i primi Duemila possano offrire: cosa volete di più?

Gli effetti speciali delle grandi occasioni

Tolto il divertimento di avere uno dei mille filmacci di Jim Wynorski e di scoprire come addirittura Species II fosse un piccolo gioiello in confronto ai suoi cloni inferiori, alla fine rimane ben poco. Nella noia totale di una storia assente si può passare il tempo a gustare la faccia disperata della povera Theresa Russell, che proprio non aveva voglia di fare ’sto film ma le bollette vanno pagate, oppure si può sghignazzare in faccia a Muldoon che ci crede sul serio d’essere un eroe d’azione, malgrado tutto dimostri il contrario.

Non un film che mi sento di consigliare, ma di sicuro è una nuova perla della mia collezione.

L.

amazon– Ultimi titoli di Jim Wynorski:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

20 risposte a Project Viper (2002) Il mutante

  1. Cassidy ha detto:

    Chissà se Theresa Russell stava pensando che dopo essere stata diretta do Roeg, Altman, Raimi, Argento e il suo omonimo, ora poteva aggiungere un altro tipo di maestro alla sua lista, uno della Z 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Mi sa che pensava solo alle bollette da pagare: non vedo altro motivo per partecipare a questo film, mostrandosi peraltro svogliata in ogni scena 😛

      "Mi piace"

      • Conte Gracula ha detto:

        Potrebbe aver perso una scommessa. Secondo me, molte selezioni di attori si risolvono così: eh, mi devi la tua villa in California, ma te la puoi tenere se reciti nel mio nuovo lavoro…
        E ingenuamente, tutti accettano, per non sacrificare la loro vista spettacolare sugli incendi estivi.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Se gli attori volessero mantenere un minimo di dignità dovrebbero trovarsi altri lavori, così da rifiutare tutti i copioni di serie Z che rovinano la reputazione, e accettare solo quando beccano una buona occasione. Fare un film ogni tre anni sarebbe così brutto invece di fare una minchiata inguardabile ogni sei mesi? Matthew Macgouhgenghhe (non ricordo mai come si scrive) dice di aver fatto così: per tre anni ha rifiutato le solite commediole romantiche che ormai gli proponevano a getto continuo e ha aspettato un copione più importante.
        Se Theresa Russell si fosse trovato un lavoro d’ufficio, avrebbe potuto rifiutare questo filmaccio 😀

        Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        Magari a salire coi compensi si riducono i lavori e poi tocca prendere quel che capita 😛

        Piace a 1 persona

  2. DonMax ha detto:

    “È tempo di tornare ad attingere al bacino di DVD comprati a un euro sulle bancarelle.” Io già mi sono sciolto, miglior intro di sempre.
    Il film non so se lo vedrò, ma da come ne parli posso dirti che ho visto film pagati 3 euro che valgono di meno di questo. Bei tempi quelli delle bancarelle, bei tempi.

    ________________________________

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Pensare che questa infornata di DVD risale ad inizio 2020: è passato solo un anno ma sembra una vita fa!
      Se già le bancarelle andavano morendo, ora mi sa che il virus se l’è portate definitivamente via: parlo di bancarelle interessanti, quelle con libri e film, perché la cianfrusaglia c’è sempre, impermeabile ad ogni pandemia!
      Quando beccavo le bancarelle “tutto a 3 euro” riflettevo accuratamente e soppesavo ogni acquisto, perché la cifra è importante. Quelle rare volte in cui ho beccato “tutto a 1 euro” mi sono lasciato andare completamente, tornando a casa con bustone piene 😀

      Piace a 1 persona

  3. Sam Simon ha detto:

    Questo sembra brutto forte…

    Anche se appartiene al genere BBS, la copertina grida The X-Files a pieni polmoni! Pure lui col distintivo in mano! :–D

    Piace a 2 people

  4. Conte Gracula ha detto:

    La trama mi ricorda un filmaccio, una roba tipo Spider, anonimissimo: un tipo dichiarava di essere un alieno e che il governo gli aveva prelevato tessuti per farci esperimenti. Quindi, l’uomo esce di scena.
    La sua storia era vera: su una stazione spaziale, i soliti scienziati con molto tempo libero creano roba a caso con un ragno e il dna alieno, ma la stazione precipita perché boh (l’avrò visto vent’anni fa) e il ragnetto si libera, ma ogni volta che mangia fa la muta e diventa più grande, fino a diventare un autobus a otto zampe.
    Momento clou: fotomodello del discount locale, spacciato per soldato provetto, spara con un lanciamissili al ragno enorme e lo manca di qualche metro XD

    Piace a 1 persona

  5. Willy l'Orbo ha detto:

    Bancarelle & Wynorski…e Willy va in visibilio!
    In questo post sento proprio battere forte il cuore dello zinefilo e all’unisono batte pure il mio 🙂
    Tra l’altro il film l’ho visto ed effettivamente non è da consigliare ma, per un amante della Z, è una perla trash imperdibile! Leggere la tua recensione me l’ha fatto rivivere, per molti equivarrebbe ad un supplizio, per me è una goduria! 🙂

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: Backflash (2001) Doppio gioco | Il Zinefilo

  7. loscalzo1979 ha detto:

    Sto rivalutando gli effetti speciali di Cyborg Terminator.
    Ho detto tutto.

    Piace a 1 persona

  8. Pingback: They Crawl (2001) The Insects – Invasion X | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.