Venerdì 13 [13] (2010) Official Porno Parody

Faccio una pausa dal ciclo su Sharon Stone perché questo venerdì 13 agosto meritava un festeggiamento particolare: mentre Cassidy continua il suo viaggio nelle imprese di Jason, al mio ciclo già completo decido di aggiungere un tassello che oserei definire fondamentale… La parodia porno!

Per un caldo venerdì 13 agosto, un “caldo” Venerdì 13!

Non poteva che essere la tredicesima puntata del ciclo.

Il regista Gary Orona, specializzato in porno-parodie, ci porta in un luogo geniale: il “Campo Nudisti Crystal Lake”. Se c’era un modo spettacolare con cui iniziare il film, sicuramente è questo.

Di tutti i Crystal Lake, questo è il più diverte!

Il campo nudisti è un’eredità capitata sulle spalle di Kyle (Kris Slater), che non sembra molto contento di ritrovarsi sperduto nel nulla fra i boschi, ma di sicuro il pensiero di avere donne nude intorno a sé non è un’idea disprezzabile. Malgrado la trovata, malgrado sia un film porno e abbia sicuramente attrici all’altezza, non c’è alcuna scena di nudo in esterno, e sì che il luogo delle riprese sembra abbastanza isolato per poter violare la legge sugli atti osceni in pubblico.
Perciò dopo qualche minuto dall’inizio è chiaro che l’idea del campo nudisti verrà prontamente abbandonata, dopo aver dato il via alla storia attirando a Crystal Lake la bionda ragazzotta Susie (Sara Sloane): se sia una nudista o un nuovo membro dello staff non ci è dato saperlo.

Un’attrice che sembra nata per un Venerdì 13

A Susie viene raccontata una leggenda locale, che come tutte le leggende filmiche è ovviamente vera. Specifico che ho visto il film in inglese senza sottotitoli, quindi non garantisco di aver capito bene la leggenda, ma si parla di un uomo con una curiosa malformazione genetica: un apparato genitale sproporzionato che produce acido corrosivo. L’infelice muore proprio a colpa di questa malformazione, perché cade nelle acque del Crystal Lake e l’eccessivo peso del suo membro gli impedisce di risalire in superficie.
Ma qualcuno dice di averlo visto aggirarsi per i boschi, con in mano un lungo machete. Siamo sicuri che sia un machete?

Saluti da Jason nella sua casetta nel bosco, arredata con gusto

All’inizio Jason (Cheyne Collins) ci viene mostrato con il suo aspetto classico, con la consueta maschera da hockey sul volto e il machete in pugno, ma a forza di aggirarsi nell’ombra qualche effetto di luce sembra giocare strani scherzi… e a un certo punto quel machete sembra un po’ troppo rosa…

Mai dare le spalle ad un Jason un po’ diverso dal solito…

La produttrice (e guardarobiera) Tabitha Stevens, che si ritaglia il piccolo ruolo iniziale di barista, e il regista Gary Orona (che è anche direttore della fotografia e mansioni varie) non sembrano interessati davvero a fare una parodia di Venerdì 13, infatti trattandosi di un film pornografico a tutti gli effetti quella dell’omaggio-parodia è solo una facciata. Però è anche vero che la durata di cento minuti avrebbe permesso un po’ di spazio da dedicare ad una “trama”, con mille virgolette, invece a parte vaghi accenni e qualche secondo dedicato a Jason che cammina (non si sa perché, non si sa dove) non abbiamo altro.
Questo però rende strani i primi minuti di film, dedicati sul serio a costruire una storia: perché perdere tempo a far parlare dei personaggi di un argomento che poi verrà totalmente cancellato dalla vicenda? Che c’entra il campo nudisti, la gestione controvoglia e tutto il resto se poi tutto scompare nel nulla?

Povero Jason, tanta attenzione ai particolari del tutto sprecata

Capisco che un film pornografico ha una sola funzione da assolvere, però essendoci una produzione più che sterminata è chiaro che un film così particolare attiri l’attenzione: perché dunque non sfruttare questa particolarità invece di farne una semplice truffa? In questa “parodia ufficiale” non c’è alcuna parodia o altro, c’è un tizio con una maschera da hockey che viene mostrato per alcuni secondi aggirarsi nel buio, poi via ad ammucchiarsi.

Per Jason sarebbe stata l’occasione perfetta per tracimare in un altro genere: dopo la fantascienza di Jason X (2001), sarebbe arrivato il porno con… Jason XXX! Peccato invece sia solo una maschera usata qui solo in alcuni secondi di riempitivo tra una scena “calda” e l’altra.

L.

P.S.
Non metto video per non offendere la sensibilità di qualche lettore, ma potete trovare tranquillamente il film intero cercando su Google.

– Ultimi Venerdì 13:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

16 risposte a Venerdì 13 [13] (2010) Official Porno Parody

  1. Madame Verdurin ha detto:

    Le porno-parodie sono un genere affascinante, a volte ho trovato cose divertentissime. Peccato che questo film se la sia giocata male… Ora avremo anche Freddy vs. Jason XXX?

    Piace a 1 persona

  2. wwayne ha detto:

    Il film segue lo schema tipico dei film porno, siano essi parodie o meno: una breve intro “vestita” e pretestuosa e poi una serie di scene in cui gli attori fanno quel che devono fare. Ma come hai detto tu, in questo caso gli sceneggiatori avrebbero potuto impegnarsi un po’ di più, perché era ovvio che il film avrebbe attratto degli spettatori interessati più alla rielaborazione di Venerdì 13 che all’attività sessuale.
    Riguardo al fatto che alcuni elementi della trama in un primo momento sembrano importanti e poi si rivelano futili, in realtà questo succede spesso anche nei film normali. Succede quando una sceneggiatura viene riscritta troppe volte (magari anche da persone diverse), e così un dettaglio che nella prima stesura serviva a qualcosa nella versione definitiva è diventato totalmente inutile. Il guaio è che nessuno se n’è accorto, e quindi è rimasto lì anziché venire tagliato.

    Piace a 1 persona

  3. Willy l'Orbo ha detto:

    Ahahahah! Idea superlativa, mescolare la Z con l’XXX, per una combinazione di lettere, micidiale!
    Questo post, inoltre suona come omaggio anche allo zinnefilo, che se non ricordo male “andava in onda” proprio venerdì 🙂
    Oh, comunque l’inizio della storia non è mica male, ero davvero stupito nel leggerlo, poi immagino come prosegua 🙂
    In ogni caso, pensarti mentre guardi un porno con l’intento di carpire dialoghi e trama ti rende unico, inimitabile ed eroico! 🙂

    Piace a 2 people

  4. Cassidy ha detto:

    Che poi ammettiamolo, la saga originale con le sue signorine poco vestite si prestava già molto alla porno parodia, sarebbe bastato sostituire gli ammazza e ti, ma niente sono riusciti a sbagliare anche la parodia porno! Questa saga è proprio affetta da sfiga cronica, anche perché con un titolo iellato così! In ogni caso gran modo per festeggiare portando avanti la tradizione della rubrica 😉 Cheers

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Sarebbe bastato che nei film originali ci si spogliasse di più e che in questo ci si spogliasse di meno per raggiungere un perfetto equilibrio e sfruttare un’idea di base che funziona da sola. Ma niente, in un modo o nell’altro questa saga tocca rovinarla 😀

      Piace a 1 persona

  5. Lorenzo ha detto:

    Due cose mi hanno incuriosito.
    La prima, c’è scritto “official parody”: vuol dire che veramente hanno chiesto il permesso di utilizzare il marchio?
    La seconda: nel 2010 c’era ancora gente che si guardava i film invece di andare su internet? Li producevano ancora? 😛

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      La prima questione ha lasciato stupito anche me, in effetti il “costume” di Jason è proprio lui, usarlo senza permesso è rischioso, ma vorrei proprio vedere il dirigente che ha ricevuto la mail di un tizio che voleva fare una “porno parody” da Venerdì 13 😀
      Riguardo al seconda questione, vorrei ricordare che oggi si vendono ancora gli LP in vinile e anzi sono molto apprezzati: bisogna abbattere il razzismo nei media, più supporti ci sono in giro più ogni esigenza sarà soddisfatta.
      Inoltre vedere certi film sul PC di casa o sul cellulare lascia tracce, e non tutti hanno una situazione familiare tale da correre rischi: un DVD è senza strascichi 😛
      All’epoca bazzicavo ancora le bancarelle della Stazione Termini di Roma, dove di DVD porno ce n’erano a scatafascio e ti assicuro che c’era sempre qualcuno che se li sfogliava. Non tutti hanno una buona connessione, capacità di trovare il “sito giusto” e tranquillità familiare sulla questione, perciò ogni medium è utile alla bisogna 😛

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        E come darti torto, dico io 😛
        Tornando a noi, è un gran peccato che da questa saga non si sia nemmeno riusciti a tirar fuori una parodia come si deve (cioè, Jason qui tirerebbe anche fuori qualcosa, ma è un po’ poco per essere divertente)…

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Se avessero sfruttato meglio la loro stessa idea, poteva essere davvero un prodotto degno di nota.

        "Mi piace"

  6. Sam Simon ha detto:

    Eppure ho imparato da Elio e le storie tese che la parte migliore di un film porno è la trama! Com’è che qui se la sono dimenticata? :–/

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.