Stormquest (1987) Kimbia, il pirlone bianco

Come raccontato, Il colpo segreto del ninja (1985) vede due protagonisti che vanno in direzione opposte: se Shô Kosugi sta cadendo, Brent Huff sta salendo. Ma davvero vogliamo chiamarlo “salire” ritrovarsi ad interpretare i più cialtroni filmacci in circolazione? E tutti senza mai cambiare una sola volta espressione?

Grazie al nostro amico collezionista Michael Paré – un nickname che è tutto un programma! – ho avuto modo di recuperare Stormquest, un filmaccio argentino che al suo arrivo nelle nostre videoteche per Multivision / Eagle Pictures riceve il titolo La leggenda di Kimbia.

La grande arte della titolazione italiana

Ricordate Kimba, il leone bianco? Anche a Kimbia c’è un bianco, ma non è un leone…

L’unico passaggio televisivo noto con il titolo Stormquest risale al pomeriggio di sabato 21 dicembre 1991 sulla mitica Odeon TV.

dal “Radiocorriere TV” del 21 dicembre 1991

Grazie a Lorenzo, il ninja del Zinefilo, scopro che la stessa Odeon aveva già trasmesso questo film il 21 agosto 1990 con il titolo La leggenda di Ishtan, replicato altre due volte nel 1992: perché trasmettere un film quattro volte… una con un titolo, una con un altro e poi altre due con il primo titolo? Misteri di Odeon TV.

Perché ribattezzare questo film, il 21 agosto 1990?

Comunque, anche Kimbia il pirlone bianco è uno degli Eroi di Odeon.

Anche se all’epoca si nascondeva dietro un generico Alex Sessa, l’argentino Alejandro Sessa (scomparso nel 1998) è uno che ha fortemente amato il genere heroic fantasy e ha voluto sporcarlo il più possibile, sia come produttore che come regista, con titoli come Deathstalker (1983), La regina dei barbari (1985) e Amazons (1986). Quando ci sono eroi muscolosi ed eroine dalle grazie al vento che vivono avventure fantasy di serie Z, da qualche parte troverete Sessa.

Un po’ piccolino, ’sto regno di Kimbia!

In questo film, di cui è regista e autore del soggetto (due sbagli con una persona sola), ci porta a Kambia, una regno dove vige il matriarcato, le donne comandano e gli uomini sono schiavi, divisi in “stalloni” e “fuchi”. Siamo nei maschilisti anni Ottanta, quindi questa utopia non funziona, e la giovane Ara (Kai Baker) vuole sfuggire a un mondo che non riconosce suo.

Il massimo della recitazione offerta dalla protagonista

Diciamolo subito: a me questa Ara sembra una versione Z di Axa, la “guerriera dal seno nudo” (letteralmente) nata sulle strisce a fumetti della rivista britannica “The Sun” nel 1978, portata più volte in Italia quando eravamo meno bacchettoni.

A parte la similitudine del nome, comunque è chiaro che Sessa con le sue eroine fantasy voglia riallacciarsi ad una tradizione che soprattutto in Argentina è di grande spessore: mi basterebbe citare le grintose eroine disegnate dal maestro argentino (in realtà torinese!) Juan Zanotto, da Barbara a Falka. E guarda caso tutte queste discendenti della mitica britannica Modesty Blaise (1969), affrontano tematiche da “rivoluzione sessuale”: il riappropriarsi della propria sessualità rende libere le donne, che non devono più votarla esclusivamente al loro maschio dominante, o qualcosa del genere.

Mi sembra superfluo sottolineare come Sessa non potesse mostrare niente di ciò che invece a fumetti poteva apparire (almeno all’epoca), quindi la sua eroina Ara è solo una vuota nullità su sfondo nero. Credo l’attrice non abbia neanche capito quale film stesse girando.

Ah, un guizzo recitativo! Dev’essere scappato per sbaglio

Ara e altre ribelli sfuggono al potere della perfida Stormqueen (Linda Lutz, scomparsa lo scorso ottobre 2020), regina rotonda e laida, un ritrattino proprio delicato e fine, a simboleggiare una sceneggiatura scritta con lo scalpello.

Un personaggio dosato, appena sussurrato…

La cicciosa regnante, dedita ad ogni vizio e con un serpente che ride come animale di compagnia, sguinzaglia le sue donne-soldato per riacciuffare Ara e gli schiavi ribelli fuggiti con lei, ma non ha tenuto conto che quei bruti di maschi hanno un condottiero fenomenale: Zar, interpretato dalla paresi facciale di Brent Huff.

Non muovere un muscolo! Fai come Brent Huff

Il regista argentino aveva capito subito le potenzialità di Huff infatti gli affibbia un personaggio il cui nome inizia per Z: nomen omen! Ara vorrebbe resistere al fascino maschio della paresi facciale, ma anche in una distopia femminista non si può resistere al richiamo del merlo maschio!

Ah, ma che gli fa la paresi facciale di Huff alle donne?

Avere due attori protagonisti che fissano il vuoto, senza traccia di vita negli occhi, metterebbe a dura prova anche un regista vero: figuriamoci Alex Sessa, che sta lì solo per gioco. Così si vede costretto a puntare tutto sull’unica attrice del film, cioè la Stormqueen, che fa boccacce, subisce battutacce sulla pinguedine, fa la lasciva, gioca con i ragni, prende a sberle il suo serpente che ride (ma che avrà da ridere?) e soprattutto ghermisce il merlo Huff, che a inizio carriera tocca subito il fondo con una scena indecorosa, nell’antro della regina cicciosa.

Tranquillo, Brent, che poi è tutta discesa…

Capisco che Sessa leggendo i fumetti di Axa e Barbara si fomenta e sogna di creare anche lui eroine fantasy che giochino con la sensualità, ma poi ciò che mette in scena è la serie Z della serie Z, girata di notte e con attori come Huff, che non si distinguono dalla propria ombra.

L’apice attoriale raggiunto dal protagonista

Per la prima parte del film si ride di gusto, in faccia agli attori sgangherati e di una regia quanto meno approssimativa, poi passa la voglia di ridere e arriva la tristezza. Infine la consapevolezza che Brent Huff sta per fare un bel salto di qualità, visto che sta per finire nelle mani di Bruno Mattei. Sempre di serie Z si tratta, ma almeno si ride fino alla fine.

L.

– Ultimi film con Brent Huff:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Stormquest (1987) Kimbia, il pirlone bianco

  1. Sam Simon ha detto:

    Ahahah! Che perla! All personaggio dosato con quel fotogramma lì sono scoppiato a ridere senza potermi controllare X–D

    Huff che è una paresi facciale poi… Una delle vette del Zinefilo! :–D

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Una perla del pirla oserei dire, parafrasando il tuo brillante titolo che mi ha provocato una crisi di risa, memore del leoncino (storia vera). Sei riuscito a condire un post sul niente di questo film, grazie alla panoramica fumettistica ben più interessante di questo He-Man/She-Ra per i poverini, gran modo per iniziare la giornata! 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  3. Willy l'Orbo ha detto:

    Ahahaha! Che chicca Z! L’ho visto e, pur condividendo la tua opinione circa la tristezza che a un certo punto subentra, devo ammettere che vale la pena visionarlo anche solo per la mitica nonché cicciosa Stormqueen, un personaggio così spassosamente sopra le righe che bilancia l’essere costantemente “sotto le righe” di Brent nostro 🙂
    Lode a te, a Paré e agli eroi di Odeon per regalarci questi gioiellini Z! 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Lorenzo ha detto:

    Ho consultato le mie note per vedere se l’avevo visto all’epoca, e ho trovato un film intitolato “La leggenda di Ishtan” di A. Sessa con B. Huff e K. Baker. Chiaramente si tratta dello stesso film, che sia stato trasmesso anche con questo titolo? Altrimenti come mai l’ho scritto? In ogni caso gli ho dato ben 3 su 4 😀

    "Mi piace"

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Visto che Ishtan è il regno da cui arriva il personaggio di Brent Huff è chiaro che è lo stesso film, e il Radiocorriere TV conferma, anche con la trama. Perché Odeon ha trasmesso lo stesso film con due titoli diversi nel giro di due o tre anni? Misteri degli Eroi di Odeon 😀
      Comunque grazie per la dritta: ho appena aggiornato il post, ringraziandoti.

      "Mi piace"

  5. SAM ha detto:

    Ma siamo davvero sicuri che “La leggenda di Ishtan” sia Kimbia/Stormqueen ?
    Perché pure l’anno cambia, oltre al titolo , mah .

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      In epoca pre-internet temo non sia mai esistita una fonte che citasse le date giuste 😀
      Comunque sì, è confermato, sia perché nella replica del 1992 il “Radiocorriere TV” mette la trama di Ishtan, che è quella di Kimbia, sia perché – come detto qui sopra – Ishtan è indicata nel film come il regno di appartenenza del personaggio di Brent Huff.

      "Mi piace"

  6. Giuseppe ha detto:

    Sessa le avrà anche lette Axa e Barbara, ma di certo non le ha capite, visto cotanto brillante risultato… che la fronte s’imperla, anzi s’imPIRLA di sudore al solo ripensarci 😛

    Piace a 1 persona

  7. Pingback: The Warrior and the Sorceress (1984) Kain il mercenario | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.