[Asylum] Alien Convergence (2017)

Dopo aver conosciuto Rob Pallatina per Alien Siege (2018) è obbligatorio fare un passo indietro e apprezzare una sua precedente produzione Z per la famigerata The Asylum, cioè il filmaccio Alien Convergence.
Uscito in patria nel giugno 2017, Blue Swan e Minerva lo portano in DVD dal luglio 2020, e ovviamente va ad arricchire il mio scaffale alieno “Plagi & Scopiazzi” (vedi a fine post), anche se ormai devo aggiungere anche l’etichetta “Film con ALIEN nel titolo che non c’entrano niente con quell’ALIEN”. Un po’ lunghetta, dovrò pensare a una forma più stringata.

Lo trovate su Prime Video ma solo a pagamento.

Quanta grafica “aliena” sprecata

Lo sceneggiatore Marc Gottlieb, fresco di Planet of the Sharks (2016), ha una trovata intrigante: un “aereo mentale”. Figlia di uno scienziato su sedia a rotelle e vittima anche lei di un grave incidente di volo, Emma Harper (Caroline Ivari) ha studiato un sistema di volo a distanza partendo da uno spunto inattaccabile: perché fermare la voglia dei patrioti menomati di immolarsi per gli Stati Uniti in battaglia? Non fa una piega.
Emma quindi ha creato un aereo che si guida con la forza del pensiero, così che non importa la menomazione del pilota – paralisi, arti mancanti, ecc. – basta che si metta in testa un casco con due tubi e può fare la guerra, cioè il grande sogno americano. Vogliamo parlare poi di quanto si risparmi in termini di produzione?

Un casco con due tubi: fine del budget richiesto!

Cascano due sassi dal cielo, ovviamente vengono da Marte, ovviamente nascondono forme di vita aliena e ovviamente cadono in California: come ti sbagli? Ad indagare sul caso ci va il padre paralitico di Emma, che mediante una sofisticatissima strumentazione di alta tecnologia – cioè un bastone – tocca i tassi. Perché non può esistere un film americano di alieni senza lo “scienziato toccone”.

Scusa, “scienziato toccone”, non potevi avvicinarti qualche centimetro in più?

Non ci crederete, ma a toccare la roba aliena poi parte la trama aliena.

L’alieno si accuccia e sforna un nuovo copione per la Asylum

Abbiamo così due mostroni alieni alati che fanno robe, poi vanno a dormire dopo aver deposto le uova. Scopriamo che pure i marziani fanno la pennichella.
Figlia di cotanto padre, Emma si avvicina gatton gattoni… e tocca le uova. Oh, niente, non si può proprio resistere a toccare le robe aliene: peraltro la scena assomiglia terribilmente alla stessa buffonata creata da Pazzo Scott per il coetaneo Alien: Covenant, di cui questo Convergence potrebbe essere la presa in giro… se già Covenant non fosse la triste presa in giro di se stesso e del suo folle autore.

E noi le uova aliene le toccamo! Le toccamo le toccamo!

Com’è noto, le piccole case hanno una ricca produzione di film catastrofici e apocalittici, cioè roba costosa che non hanno i mezzi per affrontare, e risolvono il problema focalizzando la narrazione su due o tre personaggi e basta: il resto del pianeta si arrangiasse. Qui la Asylum spende di più, sono addirittura quattro i personaggi in campo e vari altri di contorno: è proprio un zolossal, cioè un kolossal di serie Z.
Quattro pseudo-attori buttati nel solito deserto californiano e il film si gira da solo, basta aggiungere un paio di cialtroneschi mostriciattoli fatti al PC di casa e il prodotto Asylum è piazzato.

Scene oceaniche di invasione aliena e apocalisse…

H.G. Wells ci ha insegnato che per chiudere sbrigativamente una storia apocalittica di invasione aliena basta inventarsi alla fine un “tallone d’alieno”: se gli invasori di Wells morivano di raffreddore – lanciando una moda usata purtroppo da autori meno ispirati – qui gli alieni muoiono di freddo. Per questo hanno lasciato Marte, ci viene spiegato, perché lì faceva troppo freddo!

Le immagini parlano chiaro, è un’altra porcata Asylum ma almeno l’ingente quantità di trovate demenziali rende la visione divertente e le risate di pancia compensano la totale assenza di “citazioni aliene”, che è l’unico motivo per cui ho comprato il DVD. Per fortuna la grafica italiana è deliziosa e lo scaffale “scopiazzi alieni” sta venendo su bene, come potete vedere.

Collezione Aliena Etrusca, sezione “Plagi & Scopiazzi & Alien nel titolo”

Spero che fra una stupidata e l’altra la Blue Swan si ricordi anche degli scopiazzi alieni e porti in Italia qualche prodotto molto più citazionista, anche se in fondo avere ben due scienziati tocconi in una sola storia è una irresistibile presa in giro di Covenant e i suoi indegni fratelli.

Chiudo con la scheda del doppiaggio, regalataci dall’edizione DVD:

Personaggio Attore Doppiatore
Emma Harper Caroline Ivari Elisa Giorgio
Benjamin Robbins Steve Brown Donato Sbodio
Bruce Mishone Feigin Mattia Bressan
comandante ? Roberto Accornero
Freddie Michael Marcel Fabrizio Odetto
Sandrine Ana Zimhart Chiara Francese
Ishiro Tsubaraya Cedric Jonathan Andrea Beltramo

Doppiaggio: Videodelta.
Direzione del doppiaggio: Elena Canone.
Dialoghi italiani: Rita Pasci.

L.

amazon

– Ultimi filmacci Asylum:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza, The Asylum e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

16 risposte a [Asylum] Alien Convergence (2017)

  1. Sam Simon ha detto:

    Ma.. Sbaglio o ho colto una citazione dei Latte e i Suoi Derivati con noi a Gino lo menamo? Si si si, lo menamo! X–D

    Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Potrei aggiungere e noi a pazzo Scott lo menamo 😉 Ormai non si capisce dove finisce il film, inizia la parodia e dove arriva la Asylum, il prossimo passo sarà un film Asylum diretto da Ridley lo Scott sbagliato, oddio forse quello esiste e si chiama Covenant 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Mi piace pensare che se Pazzo Scott avesse proposto alla Asylum “Covenant”, gli avrebbero riso in faccia: loro certe cose non le fanno! 😀
      Mi sto rovinando a inseguire questi folli film che però escono in Italia con splendide edizioni DVD che fanno la loro porca figura in collezione aliena: spero non continuino a mettere “ALIEN” a caso nei titoli, se no so’ dolori!

      "Mi piace"

  3. Iuri Vit ha detto:

    Avatar in quello scaffale non è male.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Non l’avrei mai comprato, ma quando l’ho visto spuntare su bancarella a ben 4 euro non ho resistito, visto poi la chiara “eredità aliena” che si porta dietro 😉

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        Beh, “Avatar” l’ho anch’io pur se in un’edizione più primitiva, nel senso che è un DVD e non un Blu-ray 😉
        Quanto ad “Alien Convergence”, direi che è talmente contemporaneo al film(accio) di Scott da essere davvero la sua parodia girata in tempo reale (e sia Lillo che Greg ci sarebbero stai benissimo fra i protagonisti) 😀

        Piace a 1 persona

  4. Austin Dove ha detto:

    tesoro sei proprio brutto

    Piace a 1 persona

  5. Zio Portillo ha detto:

    Lucius: l’uomo dalle mille rubriche e dai mille scaffali zeppi di roba inguardabile. Ci piace!

    Piace a 1 persona

  6. Willy l'Orbo ha detto:

    Dopo gli scienziati tocconi e il neologismo zolossal ero già sazio e rifocillato per la solita, spassosa ed arguta recensione, poi, come colpo di coda, mi piazzi lo scaffale “scopiazzi alieni” e scattano gli occhi a cuoricino! 🙂

    Piace a 1 persona

  7. nicholas ha detto:

    tra i DVD che ho visto secondo me ALIEN ORIGIN è il più brutto

    Piace a 1 persona

  8. Pingback: [Asylum] Flight 666 (2018) | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.