[Italian Credits] The Day After Tomorrow (2004)

Lo scorso 6 marzo 2021 Italia1 ci ha regalato in prima serata i cartelli italiani di The Day After Tomorrow – L’alba del giorno dopo (2004), film della 20th Century Fox che curiosamente sulla piattaforma Disney+ viene presentato da versione americana, come qualsiasi altro prodotto lì presente. Ormai è chiaro che solamente la TV in chiaro offre le edizioni italiane dei film stranieri.

Quando il film uscì fu un’esplosione mediatica, era il filmone del momento perché era tornato di moda il genere “Meteo Apocalypse“, che in realtà torna sempre di moda, ogni certo numero di anni, sin da… sempre!

Roland Emmerich era considerato un registone ma nessuno citava il suo Universal Soldier (1992), e questa riverginazione snobbando le origini nel cinema di genere l’ho sempre trovata odiosa, quindi di solito stimo poco il regista. Infatti non credo d’aver mai visto per intero questo film catastrofico, anche perché non mi piace il genere.

Non avevo voglia di fare un filmatino dei titoli, con il rischio poi che fosse bloccato da YouTube, quindi ecco le semplici immagini.


Titoli di testa


Titoli di coda


L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

15 risposte a [Italian Credits] The Day After Tomorrow (2004)

  1. wwayne ha detto:

    Non so dirti se è vera o meno la tua affermazione per cui ogni tanto il pubblico torna ad appassionarsi al genere catastrofico: non essendo un appassionato del genere, non ho mai fatto caso a quanto incassassero i film di questo tipo. Sicuramente però con il suo ultimo film (uscito il mese scorso) Emmerich non ha saputo azzeccare i tempi, perché Moonfall è costato 150 milioni e a oggi ne ha incassati 39 in tutto il mondo.
    La colpa non è sua, ma di chi gli ha dato 150 milioni di budget: è risaputo che oggi incassano soltanto i film di supereroi, quindi tutti gli altri film devono avere un budget di 10 milioni al massimo, altrimenti non rientreranno delle spese. Perfino Spielberg non è riuscito a ripagare un investimento di 100 milioni, dato che il suo West Side Story ne ha incassati 73,8.
    Che io ricordi, negli ultimi anni l’unico film non cinecomic che ha fatto registrare un guadagno nonostante avesse un alto budget è stato questo: https://wwayne.wordpress.com/2021/12/16/inseguire-i-propri-sogni-2/

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Neanche a me piace il genere catastrofico, ma seguendo il cinema da tutta la vita è impossibile non notare il continuo ripresentarsi di filoni che sembravano passati di moda, poi tornano come se fosse la prima volta e tutti impazziscono.
      Non so quanti altri soldi debbano perdere le grandi major per capire che da parecchio tempo si è chiusa l’èra delle grandi major, il meteorite ha travolto i grandi dinosauri e l’evoluzione ha premiato le piccole piattaforme 😛

      Piace a 1 persona

      • wwayne ha detto:

        Sono state proprio le piccole piattaforme a determinare il monopolio dei cinecomics nelle sale. Oggi se ho voglia di guardare una commedia o un film drammatico vado su Netflix, non al cinema; i cinecomics invece la gente preferisce vederli al cinema, perché i film “fracassoni” come quelli sono più elettrizzanti se li guardi con l’audio potenziato e il grande schermo di una sala cinematografica.
        In teoria pure i catastrofici sono film fracassoni, ma evidentemente oggi qualsiasi regista (Spielberg compreso) è destinato a non vedere un euro se non infila nel film un eroe in calzamaglia.
        P.S.: Ho visto Cacciatore di taglie dopo aver letto il tuo post di qualche giorno fa, e ne sono rimasto estasiato. Non solo perché (da vecchio fan di Ken il guerriero) adoro il genere post – apocalittico, ma anche perché il film è a mio giudizio ben congegnato in ogni sua parte. Anche i personaggi più minimali, come la bionda che aiuta Mary Death a salvare Drifter, sono così intriganti e ben definiti che potrebbero essere protagonisti di un film tutto loro.
        E poi Cacciatore di taglie non è Z che mette tristezza come la maggior parte dei film di questo tipo, ma Z goduriosa, perché spinge al massimo sul pedale della tamarraggine e delizia lo spettatore con mille trovate una più divertente dell’altra. Ci sono cose talmente tamarre e truzze che fanno un giro da 360° e diventano meraviglie: questo è proprio il caso di Cacciatore di taglie! 🙂

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Contento di averti fatto conoscere un film che hai apprezzato 😉

        "Mi piace"

      • wwayne ha detto:

        Anche quest’altro film riesce ad essere tamarro in maniera davvero deliziosa: https://wwayne.wordpress.com/2021/06/01/confessioni-di-un-tamarro-2/. Grazie mille per la chiacchierata e per avermi fatto scoprire quella perla! 🙂

        Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Rolando Emmerigo è rimasto segnato a vita da “Indipendente Day” il più bel bruto film della storia del cinema, quindi quasi tutti si sono dimenticati dei suoi soldati, infatti ormai sforna solo film catastrofici fotocopia come questo o quello che ha di prossima uscita, un enorme peccato. Cheers

    Piace a 2 people

  3. Vasquez ha detto:

    Niente fa asciugare di più la vena creativa di un regista come quando ha troppi soldi a disposizione.
    ID4 se capita me lo rivedo, questo…boh…la prima volta mi piacque abbastanza, poi sarà che ho vissuto sulla mia pelle freddo e gelo e bufere di neve da non riuscire a vedere ad un palmo di naso, di quelle che quando smettono anche se apri la porta di casa non puoi uscire comunque perché è tutto sepolto sotto metri di coltre bianca, che non mi attira più rivedere “Il giorno dopo domani” 😛
    Che ha in programma come nuova catastrofe Emmerigo?

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Il suo prossimo film sarà “Fog the Padan Valley” 😀
      Scherzi a parte in effetti certe tematiche sono abbastanza delicate, e onestamente non mi diverte affatto vedere catastrofi naturali in un film, non trovandolo un argomento da “intrattenimento”.

      Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Il genere non mi dispiacerebbe in realtà tuttavia questo film, a fronte di quanto fu “strombazzato” in lungo e in largo, non è che mi lasciò un gran che. Ma gradisco sempre i credits italiani di qualsivoglia lungometraggio, anche perché spesso i suddetti credits sono una storia a sé rispetto alla bellezza o meno di ciò che seguirà o di ciò che li precede! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Infatti curiosamente mi entusiasmano molto di più i cartelli italiani di film che invece non mi piacciono, sembra quasi una regola: meno mi interessa il film più, mi mi appassionano i relativi cartelli italiani 😛

      "Mi piace"

  5. Giuseppe ha detto:

    “1997 – Il principio dell’arca di Noè”, “Moon 44 – Attacco alla fortezza”, “I nuovi eroi”, “Stargate”, “Independence Day”: tutto questo per me è l’Emmerich da salvare (di ID4 si può dire quello che si vuole, ma rispetto alla maggior parte di quanto venuto dopo -“The Day after Tomorrow” incluso- è quasi oro), quindi rimango fermo agli esordi della sua fase miliardaria… 😉

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Per me si può salvare tutto, quello che non mi piace è che un onesto regista di genere venga mascherato da “registone di serie A” e vengano messi sotto il tappeto i suoi titoli “impresentabili”, perché appartenenti generi di intrattenimento e quindi inadatti alla élite. Erano però altri tempi, oggi la serie A è talmente imbarazzante che aver diretto piccoli film di genere è anzi un vanto 😛

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.