Killer Grandma (2018) Per amore di Megan

Ciclo sui parenti assassini in TV: tu m’hai provocato… e io me te magno!

Il brutto dei parenti è che sono tanti, quindi non sapete mai da dove arriverà il colpo mortale: oggi arriva… dalla nonna!

Chi segue i thrillerini televisivi conosce bene il nome di Danny J. Boyle – che ha una sola J. in più rispetto al celebre Danny Boyle! – il quale dopo una carriera nelle serie TV dal 2016 è una macchina da guerra del thrillerino: in sei anni (2016-2022) ha sfornato più di venti titoli, qualcuno romantichello ma principalmente thrillerini. Se bazzicate il canale TV8, sicuramente avrete già visto almeno un film diretto da Boyle.

Molto più raro è invece il suo impegno nella sceneggiatura, quindi siamo fortunati ad avere la sua doppia firma, come regista e sceneggiatore di questo assolutamente imperdibile Killer Grandma, distribuito nei paesi britannici come Killer In-Law, prodotto dalla Reel One Entertainment.

IMDb dice che il film è stato addirittura proiettato in sala nei cinema canadesi dal dicembre 2018, comunque va in onda su Lifetime, il canale americano dedicato ai thrillerini, il 12 maggio 2019.

Il primo passaggio noto del film in Italia è su TV8 mercoledì 22 aprile 2020, con il titolo Per amore di Megan.

La grafica delle grandi occasioni…

La newyorkese Nana Visitor sicuramente sarà stufa dei fan adoranti che la importuneranno ogni giorno, ma è indiscutibile che il suo maggiore Kira in “Star Trek: Deep Space 9” (1993-1999) sia uno dei migliori personaggi dell’universo Trek, sia per sceneggiature che per arco narrativo che per situazioni.

Cosa c’è di meglio al mattino, se non il maggiore Kira e un raktajino?

L’attrice ha lavorato molto ma temo non abbia mai lasciato il segno come ha fatto nel cuore di tutti noi Trekkie: neanche il suo ruolo di mamma Voorhees in Venerdì 13 (2009) mi sembra abbia lasciato tracce: per questo mi fa piacere vederla nell’irresistibile ruolo di nonnina assassina.

Quanto è emozionata Nina di poter fare la nonnina assassina

Qui interpreta nonna Yvonne (con la voce di Mirta Pepe), una donna con qualche problemino per cui ha passato tredici anni in manicomio: una bazzecola. Per dimostrare di essere guarita, ulteriori due anni li ha passati rimanendo volontariamente nell’istituto ma come supporto emotivo per altre pazienti, in modo che sia chiaro a tutti che non solo è guarita da ogni problema ma è disposta a vivere una vita positiva e propositiva.
Ora che tutti hanno creduto a queste baggianate e Yvonne viene rimessa in libertà, è il momento di iniziare a fare le cose seriamente: nonna è arrivata in città… con del tempo da ammazzare!

Tanta gente da ammazzare e così poco tempo…

Finalmente nonna Yvonne può riabbracciare suo figlio Tom, che nel frattempo si è fatto una famiglia ed è andato avanti con la sua vita. I due hanno della ruggine nel loro passato, visto che Yvonne incolpa il figlio di aver provocato l’incidente in cui è morta la sorellina Megan, mentre Tom fa notare che era solo un bambino e che la colpa è della madre distratta, che non si curava dei figli.
Insomma, una situazione familiare non certo rosea, ma dopo tanti anni Tom sarebbe anche disposto a credere che la mamma non sia più la pazzerella di un tempo, tanto che il padre stufo se ne andò di casa. (Anche se forse “andarsene” non è il verbo esatto: diciamo che “è stato ammazzato da Yvonne” è più corretto.)

Caro, ti ricordi della tua mamma pazza omicida? Eccomi!

Yvonne piomba a casa Farraday come un uragano e con la dolcezza tipica di una nonna e un sorriso a 64 denti si assicura di affondare gli artigli sempre più a fondo nella sua famiglia.
Guarda a volte la coincidenza, l’amorevole babysitter della piccola Haley non dà più sue notizie: che problema c’è? Ecco nonna Yvonne pronta a occuparsi della nipotina… dopo che si è già occupata della babysitter.

Entrare in scena ammazzando una babysitter… senza prezzo!

Yvonne in fondo è una madre a cui è morta la figlia, evento tragico da cui non si è mai ripresa, quindi non stupisce che si affezioni subito alla piccola Haley, anche se però non vede in lei una nipotina… bensì quella defunta Megan che cercava da tanti anni.

Vedi? Col filo li strozzi, con l’uncinetto li accoltelli

Tutto procede come deve procedere, la storia è tipica del genere e come sempre la protagonista pazza si conquista la fiducia della famiglia riuscendo a nascondere omicidi, inganni e piani diabolici.
A rendere tutto più speciale è una Nana Visitor cattivissima e assetata di sangue, ma sempre con il sorriso sul volto.

Sei simpatica, divertente…

… per questo ti ammazzerò per ultima (cit.)

Come ogni altro thrillerino con pazza omicida protagonista, anche questo è tutta una sequenza di piani machiavellici per incastrare la famigliola felice, ingannarla e cercare di ottenere qualcosa da loro, e tutti quelli che iniziano a sentire puzza di bruciato fanno una brutta fine. In questi filmetti l’unica variabile è l’attrice che interpreta la cattiva, e Nana si diverte un mondo a farlo.
La mia ipotesi è che essendo nota per un ruolo di paladina buona, ricoperto per sette lunghi anni, l’attrice adori calarsi in panni completamente diversi.

E ora, bambine, facciamo il gioco del coltello!

Tutto va come deve andare e finisce come finiscono tutti i thrillerini di questo tipo: come sempre, spero di cuore che qualche autore coraggioso un giorno vada a recuperare nei manicomi criminali tutti gli irresistibili pazzi omicidi lì raccolti alla fine di questi thrillerini. Un The Expendables con tutti i matti di TV8 sarebbe il capolavoro del millennio!

Dopo questo delizioso e irresistibile film pieno di “incidenti” (leggi: omicidi, a volte riusciti a volte solo tentati), andate ad abbracciare vostra nonna, se l’avete… ma prima controllate che non abbia un coltellaccio in mano.

L.

– Ultimi parenti uccidenti:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Parenti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

22 risposte a Killer Grandma (2018) Per amore di Megan

  1. Cassidy ha detto:

    Quindi Kira è passata da mamma di Jason a nonna di Jason! La follia scorre in famiglia 😉 Voglio gli Expendables pazzerelli, i Medpendables! Eric Roberts capo squadra senza discussioni. Cheers

    Piace a 2 people

  2. Evit ha detto:

    Nana!!! Nomen Omen visto che ora fa la nonna. Oh quando uno è in pensione deve pure ammazzare… il tempo in qualche modo.

    Piace a 1 persona

  3. Willy l'Orbo ha detto:

    Avendo visto milioni di thrillerini non ne ho un ricordo esatto ma mi pare di rimembrare effettivamente che fosse una visione piacevole…e poi le nonne assassine, in tal senso, sono una garanzia di divertimento, persino quelle con ascendenze trekkie!
    E che dire dell’idea di un Expendables con i matti di TV8? Talmente meravigliosa che, appunto, ci vorrebbe un vero matto per realizzarla! 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Sam Simon ha detto:

    È sempre bello vedere Nana, grandissima attrice, e che è anche riuscita a superare una tragedia personale allucinante che gli capitò mentre girava DS9 nel ruolo che l’ha resa famosa. Ho solo grandissimo rispetto per lei!

    Piace a 1 persona

  5. Zio Portillo ha detto:

    Se la Asylum fosse ancora quella di qualche anno fa e sopratutto leggesse il tuo blog, avremmo già in cantiere una serie di pellicole “soliste” e poi il gran finale con la resa dei conti: nonna, baby-sitter, dottor Beck, la tipa che faceva la pilota d’aerei,… Tutti in una specie di ospedale carcerario, ripresi h24 con pubblico pagante e scommesse (alla “Dead Race” o alla “L’implacabile”) e tonnellate di carne da macello fresca e a disposizione. Gli “ospiti” rinchiusi non sanno chi è il pazzo di turno che potrebbe farli fuori.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Bei tempi, quando la Asylum ci faceva sognare 😛
      Mi immagino invece una trama alla “Sporca dozzina”: c’è una missione suicida che viene proposta ai vari pazzi chiusi in manicomio, che se riusciranno a portarla a termine saranno rilasciati. “LA SPORCA PAZZINA” 😀
      Verreebbe fuori un capolavoro di film…

      "Mi piace"

  6. Austin Dove ha detto:

    beh, non mi sorprende che il V13remake non abbia fatto faville: il film ha floppato e lei si vede a tratti prima dei titoli di testa eh
    cmq ti consiglio la commedia nera La famiglia omicidi; cinema di serie A ma non delude mai come film^^

    Piace a 1 persona

  7. Giuseppe ha detto:

    Nana qui sta chiaramente interpretando il maggiore Kyra Neris del Mirror Universe, arrivata dalle nostre parti per mostrarci quanto e come possano essere affabili e affettuose le nonne dell’Impero Terrestre… 😉

    Piace a 1 persona

  8. Kukuviza ha detto:

    mi piacerebbe sapere come si è abbottonata la camicia con i bottoni sul retro, nella scena dove accoppa la babysitter. forse è un modello fru fru di una camicia di forza.
    comunque, ma che motivo aveva la nonna di fare tutti sti ammazzamenti? solo perché era pazza? no, perchè se già si era conquistata l’affetto e la fiducia della famiglia… forse pretendo troppo da un film del genere.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      La seconda che hai detto! 😀
      Inutile cercare logica nella pazzia, e con pazzia intendo quella degli sceneggiatori ^_^
      Questi film sono fatti con lo stampino, serve un personaggio che ammazzi un numero prestabilito di personaggi, il perché lo faccia non ha davvero importanza.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.