[Death Wish] Outlaw Force (1987)


Nel 1972 la narrativa d’intrattenimento dà voce alla rabbia popolare e testimonia il crollo rovinoso delle istituzioni: polizia e politica sono colluse con quei criminali che fingono di combattere, quindi la giustizia vera può arrivare solo… da un Punitore.


Come in un grande gioco del telefono, il messaggio dei graffianti anni Settanta si è ormai trasformato in qualcos’altro, e della denuncia sociale e morale non è rimasto molto: sono rimasti solo i giustizieri fai-da-te a basso budget.

Se il minuscolo Eye of the Tiger (1986) aveva dalla sua una regia non disprezzabile, bravi attori e soprattutto Gary Busey protagonista – che basta da solo a vendere il film – ripetere la stessa identica storia senza nessuno di questi punti di forza significa ambire all’anonimato più totale. Oppure no?

Il nuovo modello di giustiziere anni Ottanta

In quel mondo di giustizieri da due spicci che è la fine degli anni Ottanta un giorno David Heavener si è posto il dilemma che tutti gli anglofoni conoscono, visto che John Milton lo studiano a scuola: meglio regnare all’inferno o essere schiavi in Paradiso?
Heavener porta il Paradiso nel cognome e la Z nel cuore, quindi trova la terza via: regna all’inferno… e porta Dio con sé!

Presentato sul mercato estero nel 1987 – temo con zero risultati – e portato nelle videoteche americane solo nel febbraio 1989, Outlaw Force è l’esordio di David Heavener, eroe della Z che scrive, dirige e interpreta i suoi minuscoli filmetti cialtroni pieni di giustizialismo fai-da-te e pistoleri della domenica.
Le videoteche arrideranno alla sua faccia da Z, e Heavener continuerà a sfornare questo tipo di filmetti, arrivando anche in Italia con Reazione mortale (1989), la sua seconda opera, identica a questa prima ma semplicemente finge di essere ambientata nel futuro post-apocalittico.

L’opera prima del Paradisiaco che regna all’inferno

Prima di darsi alla musica cristiana (come leggo nella sua biografia IMDb), Heavener di sicuro adora il country e visto che sta creando il proprio film, cucendoselo addosso, ci si infila pure come cantante, e pure come pistolero: in queste sue prime opere è chiaro che l’autore del Kentucky adora i film western e si diverte a presentarsi come un eroe classico calato in situazioni moderne, o addirittura future.

La pistola di Heavener è sempre pronta all’azione

Onestamente dubito che Heavener abbia studiato la questione, comunque è impossibile non notare come il genere con cui ha esordito nei suoi primi film sia fortemente derivativo del western: Brian Garfield era uno scrittore prevalentemente di quel genere, prima che il suo nuovo agente letterario lo spingesse a scrivere romanzi “normali”, il primo dei quali è stato Il giustiziere della notte (1972), come abbiamo visto.
Il western e le sue storie di frontiera, dove la istituzioni sono spesso assenti, è un genere che ben si presta alla vendetta personale (e sommaria) e ad eroi che non prendono minimamente in considerazione la legge, se non quella che si fanno con le proprie mani. O con le proprie Colt. Da questa “rivoluzione” (nel senso latino del termine, cioè di revolvere, girarsi per tornare al passato) nascono i giustizieri moderni, che nei modaioli anni Ottanta camminano come fossero nel Far West: è questo il ragionamento di Heavener che l’ha portato a farsi giustiziere nei suoi primi film? Ne dubito, ma chissà…

Comunicazione per Heavener: è così che si fa un primo piano western di eroe con cappello

Billy Ray Dalton (Heavener) si dedica alle messe in scena di sparatorie western e a concerti di musica country, e di sicuro non vede mai film di genere altrimenti noterebbe che le inquadrature alla Sergio Leone non si fanno dal basso, a meno che non si vogliano rendere le narici protagoniste della scena.

Le froge più veloci del West

Seguendo fedelmente Eye of the Tiger (1986), l’eroe sventa un colpo di alcuni teppisti buffoni usando un fucilone che fa sorgere una domanda: ma Dalton va sempre in giro con pistola e fucile? E se lo fa, perché non si compra una fondina, invece di rischiare di spararsi negli zebedei?

Non mi sembra un modo comodo di andare in giro

Come da copione, i teppisti si vendicano e… Vediamo se indovinate. Su, provateci. Bravi! Gli stuprano e ammazzano la moglie, ormai un elemento fisso del filone: la figlioletta si limitano a rapirgliela, questo un elemento abbastanza nuovo, visto che le figlie dei giustizieri di solito fanno una brutta fine.
Per testimoniare l’incapacità delle istituzioni vediamo che la polizia locale mette sul caso i suoi due migliori agenti: Frank Stallone

Se Sly sapesse quante figure barbine colleziona suo fratello…

… e Simone!

La barba violenta della legge!

Per i giovani all’ascolto, Paul L. Smith nei primi anni Settanta è stato il Bud Spencer di serie Z, usato come clone esattamente come facevano ad Hong Kong per Bruce Lee: la coppia Simone e Matteo dichiaratamente seguiva le orme di Spencer e Hill ma senza ottenere alcuna fama (o stima) successiva, rimanendo sepolti in quel periodo. (Anche se lo potete ancora trovare nella programmazione notturna di qualche canale Mediaset.)
Temo che nel 2012, alla sua scomparsa, nessun italiano si sia ricordato del contributo che Smith ha dato alla nostra cinematografia di genere dell’epoca.

Bella, Simone, dove hai lasciato Matteo?

Dopo il western di Garfield ora Heavener sembra mettersi a seguire le orme del “giustiziere mancato”, quello uscito lo stesso anno ma con meno coraggio, così quasi seguendo il romanzo Una lunga striscia d’asfalto (1972) si allena con la pistola sparando alle lattine, dopo aver capito che dalla polizia non arriverà alcun tipo di aiuto.
Inizia la sua opera di pulizia delle strade, alla ricerca dei teppisti che gli hanno ucciso la moglie e che tengono in ostaggio la figlia. Davanti a teppisti cialtroneschi e variopinti, Dalton non è da meno: le faccette da duro che fa più che a un pistolero lo fanno assomigliare… a un pistola!

Il pistola della notte!

Il tutto va com’è facile immaginare, in una sorta di western moderno che all’apparenza sembra citare tutti i classici del filone ma in realtà il sospetto è che sia solo una coincidenza.

Come possono prodotti di qualità così infima e disumana non vergognarsi a morte? Siamo nel pieno dell’esplosione delle videoteche e sono proprio prodotti come questo a dominare la scena: costati due mele o poco più, basta che uno solo li noleggi per andare in attivo!

Come Gary Busey… ma molto peggio

Che la visione di Heavener fosse giusta lo dimostra il fatto che una nostra vecchia conoscenza, l’exterminator Robert Ginty, torna in scena e con un paio di baffoni interpreta Il giustiziere (1989), che teoricamente verte su un cacciatore di taglie ma chiaramente si rifà ai giustizieri un po’ western che in quel momento sta spopolando.
Giustamente Ginty era titolare prima che quei ragazzini panchinari cominciassero a giocare, e ora è tornato a rivendicare il suo posto in squadra.

Guarda che l’attore incapace che fa il giustiziere l’ho inventato io!

Ormai la “narrativa dei punitori” abbraccia tutti i generi, fonde tutti gli spunti e si adatta a seconda del momento e dei gusti. E quindi, come il fuscello che si piega al vento senza spezzarsi mai, è eterna.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Action, Inediti e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

11 risposte a [Death Wish] Outlaw Force (1987)

  1. Cassidy ha detto:

    Il pistola della notte mi ha fatto rotolare dal ridere, siamo veramente alle aste, nemmeno i primi piani fatti come si deve, certo che Simone non me lo sarei mai aspettato qui 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  2. Willy l'Orbo ha detto:

    Ahahahah! La parte in cui compaiono Frank Stallone e Simone (di cui conosco la “Bud Spencer-carriera”) mi ha regalato gioie indescrivibili!
    E anche se il film ha chiare ascendenze western, in ossequio al marchio Z impresso da David, non si può che volergli bene! Molto bene! 🙂

    Piace a 1 persona

  3. Lorenzo ha detto:

    All’inizio mi sembrava Walker 😀

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      L’iconografia a cui si rifà è proprio quella: l’eroe giusto di un tempo calato nella corrotta civiltà moderna.

      "Mi piace"

      • Lorenzo ha detto:

        Sì, chiaro, intendevo proprio visivamente: nella copertina della VHS assomiglia moltissimo a Walker nella sigla, cappello, barba, colori, fucile, posa… pure la fibbia della cintura è uguale!

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Onestamente penso che sia il contrario: è Walker di Chuck Norris che si rifà ad un’iconografia preesistente. Il pistolero con cappello e spolverino è una grande icona della narrativa western, a cui Norris si rifà dichiaratamente. Semplicemente le due locandine si rifanno allo stesso personaggio canonico.
        Oppure chi lo sa, magari Norris è un grande fan di questo filmaccio di Heavener 😀

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.