A Certain Justice (2014) Puncture Wounds

A certain justiceTorna il regista belga (di origini italiane) Giorgio Serafini con un nuovo film pieno dei suoi attori-feticcio: l’11 marzo 2014 esce negli USA direttamente in home video, targato Voltage Pictures, Puncture Wounds, conosciuto anche come A Certain Justice.
Il film arriva in Italia il 27 maggio 2015 grazie a Dynit Minerva.

Il film è disponibile su Prime Video.

Cung Le finalmente alla riscossa

Cung Le finalmente alla riscossa

Mentre l’irritante Gianni Capaldi stavolta per fortuna se ne sta in disparte e Vinnie Jones come al solito fa giusto una particina, il film è girato intorno a Cung Le, granitico ex lottatore vietnamita che si è fatto un nome illustre nell’mma (mixed martial arts). Come tutti gli ex lottatori ha tentato la strada del cinema ma con scarsissimo successo: belle le sue comparsate in Fighting (2009) – in cui pesta un giovane Channing Tatum – e Pandorum (2009) – dove prende a calci gli alieni! – ma aver girato il pessimo Gli occhi del dragone (Dragon Eyes, 2012) con Van Damme è stato fatale. Ora pare che abbia finalmente trovato il modo di mostrare la sua bravura marziale, invece di fare il pupazzone.

L'ex campione vietnamita di mma Cung Le nei panni di John Nguyen

L’ex campione vietnamita di mma Cung Le nei panni di John Nguyen

John Nguyen (Cung Le) è un ex militare che ripercorre fedelmente lo Schema Rambo: torna in patria traumatizzato, non trova uno spazio giusto per sé, non trova il rispetto per aver combattuto e anzi è oggetto di scherno e derisione. Quindi decide di portare la guerra in città. Ammazza che freschezza narrativa!
Tutto nasce dall’essere intervenuto mentre dei criminali stanno maltrattando una prostituta: il pappone Hollis (un Dolph Lundgren con baffi ridicoli ma in splendida forma, 57enne d’acciaio) non la prende bene e si rifà sulla famiglia di John, così questi rispolvera gli “strumenti del mestiere” e dichiara guerra ad Hollis e a tutto il suo esercito di criminali.

Un eccezionale Dolph Lundgren nei panni del pappone Hollis

Un eccezionale Dolph Lundgren nei panni del pappone Hollis

La trama è ovvia, scontata e banale, com’è usanza di questi piccoli film e soprattutto delle bojate di Giorgio Serafini, ma per fortuna Cung Le si dev’essere stancato di fare la parte del buzzurro e tira fuori una bravura marziale che fa piacere al cuore.
A sorpresa, e al contrario della produzione di Serafini, in questo film c’è un alto tasso di marzialità ed è ricco di sequenze di combattimento anche ben girate, dove Le può sia mostrare i suoi cavalli di battaglia (il doppio calcio all’indietro, splendido) che varie nuove tecniche: solo queste sequenze valgono l’intero film.
Per il resto è nulla circondato da niente.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a A Certain Justice (2014) Puncture Wounds

  1. Cassidy ha detto:

    Concordo in pieno con te, Dolph che fa il pappa con il parruccone da Nicolas Cage poi… Ma quanti film hanno fanno Dolph e Vinnie insieme? Non ci avevo mai pensato prima di questa tua ottima panoramica sulle loro filmografie 😉 Cheers!

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      A questo serve il Zinefilo: vi porta là dove nessun buon gusto è giunto prima 😀
      Comunque oggi si chiude questa tripletta di film di Serafini con Dolph e Vinnie, ma visto che i due bazzicano gli stessi ambienti – anche con Randy Couture – non è difficile che tornino ad incontrarsi…

      Piace a 1 persona

      • Giuseppe ha detto:

        Non mi dispiacerebbe vederli insieme in qualche bell’action sci-fi… ovviamente, dovrebbe essere qualcosa di lontano anni luce dagli standard di Serafini il miserando. E magari, considerando anche il buon picchia-mutanti Cung Le, non sarebbe male avere proprio Christian “Pandorum” Alvart a gestire la cosa…

        Piace a 2 people

  2. Pingback: Game of Death (2010) | Il Zinefilo

  3. Pingback: Molto TEKKEN per nulla | Il Zinefilo

  4. Pingback: Maximum Conviction (2012) King Austin vs Godseagal | Il Zinefilo

  5. Pingback: Guida TV in chiaro 12-14 gennaio 2018 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.