Faccia di Bronson 38

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

A cavallo tra il 1975 e il 1976 si svolge la strana distribuzione del film che segna il ritorno di Charles Bronson al genere western: Breakheart Pass.

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

Nate entrambe nel 1968 per il grande successo di Dove osano le aquile, le piccole case Jerry Gershwin Productions ed Elliott Kastner Productions hanno vita cortissima, ma fanno a tempo a produrre questo film alla guida del regista televisivo Tom Gries, che l’anno precedente ha diretto Bronson in 10 secondi per fuggire.

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

Breakheart Pass esce in anteprima la notte di Natale in Finlandia, e nel 1976 inizia a girare i Paesi più disparati: solamente il 10 marzo 1976 viene presentato a Los Angeles, e il 5 maggio successivo a New York.

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

Annunciato già il 5 marzo, il film esce nelle sale italiane il 18 marzo 1976 con lo strano titolo Io non credo a nessuno.

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

Questa strana distribuzione lo rende un film non molto noto, sebbene sia stato ben distribuito in home video dalla MGM: il DVD italiano arriva il 5 luglio 2003.

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

Il film è sceneggiato dal celebre romanziere Alistair MacLean, che l’ha tratto dal proprio romanzo omonimo del 1974, uscito in Italia come Agguato al passo del nibbio (Bompiani 1975).

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975)

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975)

Nel 1873, negli Stati Uniti, un treno sul quale viaggiano il governatore Fairchild (Richard Crenna), lo sceriffo Pearce (Ben Johnson), il reverendo Peabody (Bill McKinney), il dottor Molineaux (David Huddleston) e una settantina di soldati agli ordini dei maggiore Claremont (Ed Lauter), è in marcia verso Fort Humboldt, un centro di smistamento dell’oro e dell’argento estratti da una vicina miniera, la cui guarnigione sarebbe stata decimata da un’epidemia proprio nell’imminenza di un assalto degli indiani di Mano Bianca (Eddie Little Sky). In una stazione intermedia sale sul convoglio, in stato di arresto, un presunto baro, John Deakin (Charles Bronson). Misteriosi incidenti funestano il viaggio e ben presto è chiaro che niente è come sembra, e nessuno è in realtà chi dice di essere.

"Io non credo a nessuno" (Breakheart Pass, 1975) con Jill Ireland

“Io non credo a nessuno” (Breakheart Pass, 1975) con Jill Ireland

Malgrado il grande cast e i rispettabili colpi di scena, rimane lo schema ormai fisso: Bronson da solo contro tutti, con Jill Ireland che gli ruota attorno…
È comunque un film che fa la sua figura a rivederlo ancora oggi, anche grazie ad un forte odore “da Agatha Christie” che lo attraversa.

(continua)

Tutte le foto in bianco e nero sono tratte da
The Films of Charles Bronson” di Jerry Vermilye, Citadel Press 1980.

L.

– Ultimi post simili:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Charles Bronson, Western e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Faccia di Bronson 38

  1. Cassidy ha detto:

    Visto che nessuno voleva distribuirlo, avrebbero dovuto intitolarlo “Nessuno crede in me” 😉 Questo film mi manca, ma quanti film ha fatto con sua moglie Bronson? Ed io che pensavo che Clint Eastwood e Sondra Locke detenessero un record… In realtà erano dei dilettanti 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Credo che Jill Ireland abbia lavorato solo con Bronson fino alla di lei morte: per fare il maligno, potrei dire che è stata un’accurata scelta di carriera! Quella che ha sbagliato Mia Farrow: anche lei aveva una immeritata carriera davanti, ma poi ha fatto il casino e un secondo dopo è stata dimenticata…
      Sapevi che prima di Bronson Jill Ireland era sposata con David McCallum, il biondo della serie “Operazione UNCLE”? Però più di una comparsata non le ha fatto fare… quindi viva Charles! 😀

      Mi piace

  2. Pingback: Io non credo a nessuno (1975) | IPMP – Italian Pulp Movie Posters

  3. Pingback: Guida TV in chiaro 2-4 agosto 2019 | Il Zinefilo

  4. Pingback: Guida TV in chiaro 9-11 agosto 2019 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.