Riot (2015) Imprigionato per uccidere

riot-engGrazie al Professionista scopro l’uscita di un ghiotto filmetto d’azione che scalda il cuore marziale.

riot_aIl montatore, regista e sceneggiatore John Lyde è uno che ci mette cuore, nella serie Z, così cuce addosso all’attore e produttore Matthew Reese – figlio di una maestra di tae kwon do! – un film carcerario minuscolo ma onesto: Riot, presentato in paria il 5 ottobre 2015.
La Koch Media lo porta in DVD e Blu-ray italiani dal 9 agosto 2016 con l’aggiunta del sottotitolo Imprigionato per uccidere: l’IMDb riporta un misterioso titolo In rivolta che non si sa da dove esca. (Credo sia l’inserimento errato di qualche solerte titolatore nostrano!)

Matthew Reese, un onesto piccolo attore marziale

Matthew Reese, un onesto piccolo attore marziale

L’ex poliziotto dal nome super fico – Jack Stone (Matthew Reese) – non ha ormai più nulla da perdere. Ha visto sua moglie morire lentamente, agonizzando, mentre era paralizzato davanti a lei: entrambi vittime di un attentato dinamitardo su commissione del boss Balam (interpretato dall’mma fighter Chuck Liddell dai baffoni spioventi), che gestisce la propria organizzazione dal carcere dov’è rinchiuso.

Chuck Liddell e i suoi baffi assassini

Chuck Liddell e i suoi baffi assassini

Stone così commette un crimine e finisce nel carcere del boss, pronto a tutto pur di vendicare sua moglie: chiunque si metterà sulla sua strada farà una brutta fine.

L'"innocuo" inserviente Dolph...

L'”innocuo” inserviente Dolph…

Intanto fa amicizia con un vecchio detenuto sciancato che lava i pavimenti, il taciturno William (un Dolph Lundgren più mitico che mai!), che lo aiuta in modo discreto e quasi invisibile e che incanalerà Stone sulla retta via: c’è qualcosa di grosso che sta per succedere in carcere, ed è meglio che il vendicatore collabori se non vuol essere schiacciato.

Altro che arancione: è il rosso sangue il nuovo nero!

Altro che arancione: è il rosso sangue il nuovo nero!

Al “qualcosa di grosso” partecipa anche la bella e grintosa e cazzuta Alena (una splendida 23enne Danielle Chuchran): non lasciatevi ingannare dalla giovane età della biondina, è una furia scatenata che sarà protagonista delle più sorprendenti scene di combattimento femminili viste in questi anni!
Niente rossetto né tirate di capelli, solo catfight duro a base di coltelli e pugni tosti!

Vuoi vedere come faccio le treccine?

Vuoi vedere come faccio le treccine?

Una trama semplice e lineare, personaggi di grana grossa interpretati da attori non proprio da Oscar, ma si perdona tutto di fronte ad ottime scene d’azione e a combattimenti che coinvolgono eserciti di stuntman.
Intendiamoci, dal punto di vista marziale siamo un po’ bassini, Reese sa anche muoversi ma non ha molto senso del ritmo: è un po’ lento a buttar giù l’avversario mentre i nemici aspettano diligentemente di essere pestati.

Uno alla volta... o tutti insieme? (cit.)

Uno alla volta… o tutti insieme? (cit.)

Diciamo che più sulla qualità qui si punta sulla quantità: la rivolta che dà il titolo al film coinvolge l’intero carcere e quindi abbiamo un mare di gente – maschi e femmine – che si mena come fabbri, mentre Dolph e la bionda cercano di arginare l’onda.

Tranquilli: è solo il lava-pavimenti...

Tranquilli: è solo il lava-pavimenti…

Un film piccolo ma onesto, che si lascia guardare con piacere, che diverte e lascia un buon ricordo: tutti pregi rari che pochissimi film “di serie A” possono vantare!
Mi sento quindi di consigliarlo, foss’anche solo per vedere la tostissima Chuchran che, con il suo stile rozzo e non molto marziale, spacca culi come se non ci fosse un domani!

L.

amazon

– Ultimi film carcerari:

– Ultimi film marziali:

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali, Prison Movie e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Riot (2015) Imprigionato per uccidere

  1. Cassidy ha detto:

    Concordo in pieno, visto solo per la presenza di Dolph, che di solito basta a convincermi a vedere un film, e mi ha divertito, non è impeccabile ma godibilissimo, Danielle Chuchran è la sorpresa, mi aspettavo pure io la classica biondina fuori posto in un film così, invece funziona. Dolph non è innocuo nemmeno se fa solo il lava pavimenti 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    I prisom movie in genere funzionano sempre ,per La Bara Volante ieri ho visto un film con due eroi dei tic ,Nicolas Cage e John Cusack:)
    A Liddel c’è l’ho in un vecchio gioco dell’UFC

    Piace a 1 persona

  3. Willy l'Orbo ha detto:

    Confermo in toto la rece di Lucius, film onesto e divertente! Ho adorato la biondina ma se dovessi trovare un motivo principale per vederlo andrei sempre con Dolph lava-pavimenti! Inarrivabile!

    Mi piace

  4. Giuseppe ha detto:

    Dolph/William: “Discreto e invisibile sono il mio secondo e terzo nome… Volete sapere il primo? Chiedetelo al mio lava-pavimenti!” 😉

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: War Pigs (2015) Bastardi di guerra | Il Zinefilo

  6. Pingback: 4Got10 (2015) Il buono, il brutto e il morto | Il Zinefilo

  7. Pingback: Altitude (2017) Dolph ad alta quota | Il Zinefilo

  8. Pingback: Guida TV in chiaro 25-27 maggio 2018 | Il Zinefilo

  9. Pingback: Guida TV in chiaro 26-28 ottobre 2018 | Il Zinefilo

  10. Pingback: Guida TV in chiaro 18-20 gennaio 2019 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.