Jungle Princess (1942) Arriva Fearless Nadia

I capelli biondi e gli occhi azzurri denunciavano le sue origini europee. Era nata nel 1908 a Perth, in Australia, da padre scozzese che viaggiava il mondo al seguito dell’esercito. Quando la bambina aveva un anno, la famiglia si spostò in India e qui rimase.
La diva più conosciuta del cinema indiano degli anni Trenta aveva dunque i capelli biondi e la pelle chiara. Era nata Mary Ann Evans ma per generazioni e generazioni sarebbe sempre stata Fearless Nadia.

Gli indiani preferiscono le bionde…

Rimasta orfana di padre in tenera età, per colpa della Prima guerra mondiale, Nadia imparò tutto quello che le brave bambine non imparano, e quando entrò nel mondo del circo sapeva cavalcare e sparare. Non impiegò molto a diventare un nome noto per le sue spericolate esecuzioni d’azione.
Dal circo al cinema il passo è davvero breve, e grazie alla particolarità di un’indiana così palesemente non indiana, di una donna così abile negli stunt più pericolosi, Fearless Nadia divenne The Sultana of Stunts, una diva del cinema riscoperta anche in tempi recenti, grazie a documentari e biografie che le sono state dedicate.
I ruoli femminili d’azione non esistevano quindi i produttori dovevano inventarseli, ma qualche personaggio base in realtà c’era: una donna d’azione come Fearless Nadia non poteva sfuggire al richiamo della giungla!

Se qualcuno capisce la lingua indi, mi faccia sapere!

Non è che sia facilissimo trovare informazioni sicure sul cinema indiano degli anni Quaranta, quindi prendiamo per buona l’informazione che tutte le fonti ripetono: il 16 marzo 1942 esce il film Jungle Princess, scritto e interpretato da Fearless Nadia e diretto da quell’Homi Wadia che vent’anni dopo diventerà suo marito.

Posa plastica della principessa della giungla

Siamo a Bollywood, e sapete benissimo questo cosa voglia dire: ogni due minuti parte una canzone! Non siamo ancora nel periodo in cui tutti ballano, ma è certo che ogni attore e comparsa di questo film si fa la sua bella cantata. Compresi gli allegri marinai che magari invece di cantare potevano gestire meglio la nave, così che il film si apre con un naufragio e la bambina bianca dai boccoli biondi si ritrova in mezzo ai leoni e agli elefanti.
Non ci sono altri motivi per cui una occidentale bionda sia protagonista del film, così si riprende il tema dal celebre Tarzan, ma magari era noto anche in india Lorraine of the Lions (1925).
Anni dopo si organizza la spedizione per andare a salvare la bambina, che nel frattempo è diventata trentenne (potevano aspettare un altro po’!), e canta che ti ricanta si va tutti nella giungla a fare le boccacce, con caratteristi comici (almeno comici per l’epoca) e africani da macchietta.

La donna che sussurrava ai leoni…

Jungle Princess si rifà ai serial americani, quindi non abbiamo un corpus unico bensì l’insieme di “quadri” pensati per brevi proiezioni a puntate, e penso che per contratto Fearless Nadia dovesse apparire in ogni quadro ad accarezzare un leone, per dimostrare quanto fosse coraggiosa. Così abbiamo tipo dieci ore di questa bionda indiana che, con espressione catatonica, accarezza ‘sti leoni narcotizzati, che poveracci hanno il pelo distrutto a forza di essere accarezzato per ore da ‘sta tipa!

L’unica attività di Nadia: accarezzare leoni

A parte lanciarsi da un paio di liane, Nadia senza paura non fa una mazza di niente per tutto il film: alla faccia della Sultana of Stunts! Guarda nel vuoto con espressione vacua, in lunghi primi piani che forse servivano ad affascinare la platea: bastava inquadrare la donna bianca per affascinare il pubblico? Non saprei, ma di fatto più che un film è una raccolta di immagini ferme di Nadia!

Classici biechi intriganti indiani

Intrighi, canzoni e barbe assurde la fanno da padroni nella trama, che non so commentare perché ho trovato solo copie in lingua originale del film, ma non credo di essermi perso chissà che capolavoro.
Era però doveroso testimoniare quanto il tema della Jungle Girl negli anni Quaranta interessasse le cinematografie più disparate.

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Inediti, Scimmie e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Jungle Princess (1942) Arriva Fearless Nadia

  1. Cassidy ha detto:

    “Ma perché state cantando! Smettetela ci stiamo per schiantare contro le rocce basta con questa dannata canzone!” niente, i marinaia canterini mi hanno suggerito questo flash 😉 Ci hanno messo quasi trent’anni per partire a recuperarla, perché si saranno rimessi a cantare;-)

    Hai una super esperta di stunt e la metti a fare una mazza bella idea, che facciamo, stiamo qui a pettinare i leoni? Beh un pochino si in effetti. Cheers!

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      ahahh Nadia la pettinatrice di leoni, ecco il vero nome 😀
      «Silone era saputo, e mo’ è moruto. Una freccia l’ha trapassato, Odino se l’è acciappato»
      «Oh, ma che cazzo cantate a fa’?»
      ahaha m’hai fatto venire in mente l’inno funebre di Attila 😀

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        Come marinai esperti a navigar
        questo si dovrebbe ricordar:
        il canta che ti passa è una distrazione
        che la nave tua fracassa,
        pur se serve a naufragar
        la bambina dai biondi boccoloni
        che crescendo pettinerà i leoni.
        Ma ‘sto film è tutta una canzone!
        Cosa c’entra lei, grande cascatrice?
        Il regista, mi sa, se l’è scordato…
        ma il ciak l’ha appena dato,
        e adesso,ormai, chi glielo dice? 😀

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        ahah mi mancavano le tue mitiche canzoni marinaresche 😛

        "Mi piace"

    • Conte Gracula ha detto:

      L’ho pensato anche io: se hai una persona brava in attività avventurose e la metti in un film potenzialmente d’azione, falle fare ciò per cui è famosa!

      Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Film recente di jungle girl ti segnalo questo film con gli indios con i capelli caretteristici a scodella Ceneri Eterne lo trovi facilmente merita un posto nello Zinefilo

    Piace a 1 persona

  3. Cumbrugliume ha detto:

    Propongo la colonna sonora di questo film come nuovo tormentone estivo al posto di Despacito

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.