[Videogiochi] Eswat City Under Siege (1990)

Uno dei visitatori più assidui dei miei blog, Denis, è un grande “videogiocatore” e vuole condividere con i lettori del Zinefilo alcuni titoli: gli cedo subito la parola, ringraziandolo per la disponibilità.

Titolo: Eswat City Under Siege

Genere: Platform, action

Anno: 1990

Versione: Megadrive

Casa: Sega

In un futuro non troppo distante il poliziotto Duke Oda deve spazzare le ondate criminali, tramite l’utilizzo di una armatura robotica deve distruggere l’organizzazione criminale E.Y.E.

Come Robocop

Il gioco si presenta come un platform d’azione a scorrimento molto simile a Shinobi dove sparate e saltate tra le varie piattaforme e avete una barra energetica. Nei primi due livelli iniziate con una misera pistola, con cui dovete spazzare i nemici divisi tra criminali, robot vari e altre pattume criminale, ognuno con proprio pattern di movimento e attacco. Superati i due livelli attenete l’armatura robotica, che dispone di cinque armi diverse intercambiabili.

Le armi sono colpo normale, colpo caricato, lanciamisssili, sparo più potente con tre colpi e infine lanciafiamme, che è più una smart bomb, visto che il vostro omino gira su se stesso e non si trova in tutti i livelli.

L’armatura ha anche un barra chiamata burner che serve tenendo schiacciato il tasto del salto attiva il jetpack tipo Iron Man.

Come al solito negli items trovabili in giro ci sono quelli per ripristinare la barra energetica, i vari tipi di sparo e le vite.

La difficoltà è alta per l’alto volume di fuoco e perché se morite perdete uno sparo, e dovete ricominciare o dall’inizio o metà livello: dipende da dove perite.

Il gioco ha otto livelli, con relativi boss finali come Robo Copter, Cyber Destroyer, Unknown, Scientifist e Slime launcer, Sewer Snake, e il boss finale che è una copia di voi stessi dorata.

La grafica e il sonoro sono curati, ma il tallone d’Achille del gioco e la difficoltà alta: penso che nel 1990 tanti avranno scagliato via la cartuccia dalla finestra. L’ho finito barando perché ce l’ho nel videogioco Sega Megadrive Collection e lì si può salvare in ogni momento: per superare un boss in cui avevo solo una barra energetica, dopo ogni colpo facevo un salvataggio! Chi c’è riuscito nel 1990 avendo solo a disposizione tre vite e solo tre “continua” merita un encomio.

Divertivi in questo mischione di elementi presi spunto da Robocop per l’armatura e agli anime Patlabor e Appleseed per gli sfondi e i nemici.

Di questo titolo esistono tre versioni ognuna diversa dall’altra: Megadrive, Master Sistem e Arcade da sala.

Masamune Shirow e Mamorru Oshii Approved

Denis

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Videogiochi. Contrassegna il permalink.

3 risposte a [Videogiochi] Eswat City Under Siege (1990)

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    Che “rammentoni”! Leggere di videogiochi con i quali ti sei disimpegnato secondo me mette ancor più nostalgia che la visione di film datati! Forse perchè ti ricordi le tante blasfemie sparate 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Giuseppe ha detto:

    Beh, se lo approvano i grandi Masamune Shirow e Mamoru Oshii come potrei non farlo anch’io 😉

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.