Santa’s Summer House (2012)

santas-summer-house

Continua il viaggio nei filmacci di Natale che solo il Zinefilo vi presenta!

natale2016

Ormai abbiamo imparato a riconoscere il delirante stile di David DeCoteau, sia perché l’abbiamo già incontrato in Badass Showdown (2013) sia perché ce ne ha parlato Malastrana VHS.
Formatosi alla scuola di Roger Corman, DeCoteau gira film non spendendo mai più di 3 dollari, 3 e 50 al massimo. Prende un mucchio di bei ragazzotti e li filma in pose “ammalianti” in realtà imbarazzanti, anticipando lo stile che ha reso unico la web serie The Lady di Lory Del Santo.
In un non meglio precisato periodo del 2012 il regista – nascondendosi dietro lo pseudonimo femminile di Mary Crawford – se ne esce con un altro tipo di fetecchia: un film natalizio con protagonisti… i divi del cinema marziale anni Novanta! Un’operazione nostalgia che ha per titolo Santa’s Summer House.

Grafica delle occasioni buone...

Grafica delle occasioni buone…

Andy (Elijah Adams) porta in una località balneare californiana degli ospiti, e si sa che lì il Natale è in piena estate. Con una telecamera digitale rubata ad una produzione pornografica, vediamo inquadrati i protagonisti che arrivano alla grande villa assolata guidati da Andy.

Gary Daniels e Kathy Long si chiedono dove siano finite

Gary Daniels e Kathy Long si chiedono dove siano finiti

Subito il cuore batte forte, perché dall’auto scende Gary Daniels e Daniel Bernhardt, due grandi miti – miei e di tanti fan marziali anni Novanta – ma soprattutto la dimenticata Kathy Long, lottatrice e stuntwoman che non vedevo dal suo Knights. I cavalieri del futuro (1993), guarda caso proprio al fianco di Daniels.

Daniel Bernhardt in evidente stato confusionale: ma in che film è finito?

Daniel Bernhardt in evidente stato confusionale: ma in che film è finito?

Ad accogliere i visitatori nella villa è Cynthia Rothrock, regina dell’action al femminile d’un tempo nonché evidente nuova musa del regista, che l’anno successivo l’ha resa imbarazzante protagonista di Badass Showdown (2013).

Cynthia Rothrock babba Natale...

Cynthia Rothrock babba Natale…

Con l’arrivo di Babbo Natale interpretato da Christopher Mitchum, figlio del celebre Robert, il quadro è davvero completo.

Chris Mitchum come Babbo Natale: che tristezza...

Chris Mitchum come Babbo Natale: che tristezza…

Si chiacchiera amabilmente posizionandosi nei vari punti della villa, così da risparmiare sulla location, e la noia è subito protagonista assoluta.

Com'è che tornano di moda gli occhiali a specchio... ma il cinema marziale no?

Com’è che tornano di moda gli occhiali a specchio… ma il cinema marziale no?

Aver chiamato dei divi del cinema marziale non ha alcun motivo né giustificazione: visto che è una storia “parlata” che non c’entra nulla con il cinema, avrebbero potuto chiamare anche tre panettieri di Los Angeles.
A parte l’essere dei nomi con un minimo di richiamo, così che questa truffa possa riuscire, e l’essere particolarmente economici perché ormai disoccupati da lungo tempo, i quattro ottimi divi marziali d’un tempo si prendono una vacanza nella bella villa californiana senza fare nulla, e il film finisce nello sbadiglio più profondo.

Se te lo stai chiedendo, dolcezza, io sono stato il Van Damme bis...

Se te lo stai chiedendo, dolcezza, io sono stato il Van Damme bis

Davvero un’occasione mancata, visto il gran cast coinvolto, ma una splendida fetecchia natalizia per questo ciclo di filmacci di Natale.

L.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Inediti, Natale e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Santa’s Summer House (2012)

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    “La noia è subito protagonista assoluta”, con questo cast e quelle premesse è un delitto…altro che regalo di Natale!

    Piace a 1 persona

  2. Denis ha detto:

    Che mestizia solenne:(

    Piace a 1 persona

  3. Cassidy ha detto:

    Hai ben riassunto dicendo che il set sembra preso in prestito da quello di un film porno. Decisamente un pessimo Natale! Cheers

    Piace a 1 persona

  4. Pietro ha detto:

    Questi tipi di film sto cercando di evitarli, ormai ne ho visti così tanti che mi è venuta l’orticaria a furia di vederli 😉

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Il Zinefilo serve proprio a ricordare quale film NON vedere 😛
      Purtroppo la crisi totale del cinema americano ha portato questo tipo di prodotto ad essere molto più presente: per ogni film di serie A ce ne sono almeno 100 di serie Z in agguato…

      "Mi piace"

  5. loscalzo1979 ha detto:

    e direi che mai come ora sia questa la chiusa migliore per commentare questo film:

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: Forced to Fight (2011) Costretto a combattere | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.