Epoch (2001)

EpochQui nel Zinefilo si viaggia anche nella “fantascienza classica”, incontrando questo Epoch della famigerata casa UFO (Unified Film Organization), apparso negli USA il 24 novembre 2011.
Dopo essersi conosciuti per Falcon Down (2001), il regista Phillip J. Roth e Jonathan Raymond diventano amici: quando a Roth viene affidata la sceneggiatura di Epoch, chiama anche Raymond a lavorarvi. Alla regia ritroviamo l’inesperto Matt Codd (illustratore cinematografico che ogni tanto si dedica alla regia televisiva) che lo stesso anno firma Shark Hunter (2001).

La Eagle Pictures (sempre interessata alle porcate) porta il film in VHS e DVD italiani il 29 agosto 2001 a noleggio, il 12 marzo 2002 in vendita. Il film viene trasmesso su TV a pagamento (Tele+) il 26 marzo 2002, e viene riproposto a vari orari per tutto l’anno: dopo di che scompare nel nulla.

Una "cosa" puntuta arriva sulla Terra...

Una “cosa” puntuta arriva sulla Terra…

Qualcosa di grosso si smuove in Bbutan, una larga fetta di terra a forma di cuneo si solleva e rimane sospeso in cielo: che siano gli UFI? Il mondo è attonito e subito il Governo americano – noto per non farsi mai gli affari suoi – interviene inviando sul posto il suo uomo migliore: Mason Rand (interpretato da David Keith, attore da tempo ormai votato alla serie B).
Questi è un ingegnere di armi e la domanda è: che cacchio ci va a fare nel Bbutan? Forse quello che convince è la sua grande padronanza delle lingue: agli spagnoli dice che non conosce una parola di spagnolo, ai bbutani dice che non capisce una parola di bbutano, insomma un uomo di mondo: il classico americano in vacanza che si aspetta che tutti parlino la sua lingua.

Malgrado il fenomenale aiuto della dottoressa Czaban (Stephanie Niznik), che non fa nulla per tutto il film, Rand dovrà assicurarsi che la situazione non sfugga di mano e cercherà di impedire che prendano il sopravvento i militari guidati dal rude capitano Tower (il grande caratterista Brian Thompson): se siamo di fronte ad UFI pacifici, sparar loro in faccia non è la mossa giusta.
Il mistero è però fitto: cosa è quel Taurus? (Così i bbutani hanno ribattezzato il cuneo sospeso, perché tutti in Bbutan parlano latino…) Quali sono i misteri che nasconde? E se è frutto di una civiltà dalla tecnologia antica di milioni di anni, perché usa i sassi per comunicare?

Quando sentite odore di Z, David Keith è nei paraggi...

Quando sentite odore di Z, David Keith è nei paraggi…

Al di là del basso budget e di trovate poco ispirate, Epoch rimane un ottimo piccolo film di fantascienza: ma di fantascienza buona, quella golden age in cui ad essere protagonista non è l’alieno (il diverso dall’umano) ma il comportamento degli umani di fronte a qualcosa che non comprendono.
A rischio di sembrare blasfemo mi piacerebbe citare Incontro con Rama (1973) di Arthur C. Clarke per dare un’idea del tenore della storia, anche se ovviamente siamo qualitativamente in universi opposti. Gli screzi fra americani e cinesi sul controllo del Taurus e le beghe umane provocate dal mistero della roccia, sono sì ottimi sistemi per spostare la sceneggiatura su argomenti a basso costo, ma anche gradevoli per lo spettatore. Per capire quanto poteva essere dannatamente orribile questo film, basta vedere il sequel Epoch Evolution (a breve su questi schermi): un abisso di mediocre spazzatura.

Il granitico Brian Thompson sfoggia la sua espressione migliore

Il granitico Brian Thompson sfoggia la sua espressione migliore

Consiglio dunque vivamente di gustare Epoch nel suo gusto dolce di fantascienza d’altri tempi, con tanto di sequenze copiate di peso da Aliens di Cameron, che fa sempre piacere.

L.

– Ultimi post simili:

amazon

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

25 risposte a Epoch (2001)

  1. Pingback: Lake Placid 2 (2007) | Il Zinefilo

  2. Cassidy ha detto:

    Se tanto mi dà tanto, David Keith sentendo il nome Taurus dovrebbe dire che non parla una parola di Latino 😉 Se non altro non hanno sbragato completamente con la trama, adesso aspetto di leggere il disastro del sequel. Cheers!

    Piace a 1 persona

  3. Giuseppe ha detto:

    L’aver circolato così poco mi ha fatto confondere per anni il sequel con l’originale, prima di capire che Epoch Evolution non era una furba rititolazione/riedizione di Epoch ma -appunto- un suo confusionario seguito…

    Piace a 1 persona

  4. gioacchino ha detto:

    Per certi versi mi ricorda lontanamente La meteora infernale, ma qui siamo ad altri livelli.

    Piace a 1 persona

  5. claudionizi ha detto:

    Nei tardi pomeriggi afosi passati a girovagare nelle videoteche quante volte sono stato sul punto di affittarlo…poi è stato sempre la seconda scelta di qualcos’altro! Dovrò ripescarlo

    Piace a 1 persona

  6. Pingback: Epoch Evolution (2003) | Il Zinefilo

  7. Pingback: Ritorno dalle acque maledette (2001) | Il Zinefilo

  8. Pingback: Anteprima – Arrival (2016) | Il Zinefilo

  9. cumbrugliume ha detto:

    Visto l’arrivo di Arrival credo proprio che dovrò recuperarlo 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      E’ il classico filmaccio da cassetta girato in terra bulgara, ma meno peggio di tanti altri: ha un concetto di fantascienza che mi piace molto e tira fuori molto da poco. Poi purtroppo hanno fatto il sequel e lì davvero si scade di brutto…

      "Mi piace"

  10. Pingback: Arrival (2016) Supposte nel cielo | Il Zinefilo

  11. Pingback: Super Eruption (2011) Vulcano nel tempo | Il Zinefilo

  12. Pingback: New Alcatraz (2001) Serpentone antartico | Il Zinefilo

  13. Pingback: Another Life (2019) Citare l’Alien sbagliato! | Il Zinefilo

  14. Pingback: Another Life (2019) Citare l’Alien sbagliato! | 30 anni di ALIENS

  15. Pingback: Total Recall 4. Un canadese su Marte (2) | Il Zinefilo

  16. Pingback: Crystal Inferno (2018) Inferno di cristallo | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.