Deadly Mile High Club (2020) Follia ad alta quota

Quando il nostro amico di Z Willy l’Orbo ti segnala un film, lo devi vedere all’istante! Il titolo che ha avuto l’onore di una menZione del nostro recensore con la Z nel cuore è Deadly Mile High Club (2020), che Rai2 ha trasmesso in prima visione lo scorso 4 settembre 2021 con il titolo Follia ad alta quota.

Il film è disponibile su RaiPlay, anche se non so fino a quando.

La grande grafica di Mamma RAI

Jake (Marc Herrmann) è uno squattrinato che la fidanzata pressa per trovare una strada nella vita, dato che non hanno neanche i soldi per andare in vacanza. Sapete allora Jake cosa ti va ad escogitare, che l’è un gran furbone? Si iscrive ad un costosissimo corso di volo, perché così… con la sua fidanzata potranno andare in vacanza ovunque, nel mondo, che tanto guida lui! Capite che bel risparmio?
Per me il Premio Miglior Avvio Assurdo di Trama è aggiudicato già a cinque minuti dall’inizio!

Così il nostro arguto e scaltro Jake, che c’ha proprio il pallino per gli affari stampato in fronte, si iscrive al corso di volo tenuto da Tanya Jackson (Allison McAtee), che avendo schiantato l’aereo che pilotava è la persona giusta per insegnare agli altri.

Al computer siamo tutti campioni di volo!

Tanya è un’insegnante appassionata ma ha un piccolo difettuccio: sta fuori di testa come un balcone. Ma gli istruttori di volo non devono passare un qualche esame attitudinale o psicologico? Visto che Tanya è a livello “Napoleone crede di essere me”, evidentemente lo standard qualitativo delle scuole di volo americane è un po’ bassino.
Appena vede Jake si autoconvince che sia la reincarnazione del suo amato Jake, morto in un incidente, e sicuramente avere lo stesso nome è un indizio a prova di bomba.

«Oh, she’s sweet, but a psycho / A little bit psycho» (cit.)

La folle genialità della storia e la posticcità delle riprese rendono subito chiaro che alla regia e sceneggiatura c’è Doug Campbell, un macina-film professionista che ne sforna tre-quattro l’anno e le emittenti italiane fanno a botte per comprarseli. È l’autore del nostro dottore pazzo preferito, il dottor Beck interpretato da Eric Roberts in una mitica tetralogia: perché la RAI si è comprata il quarto episodio per NON inserirlo in RaiPlay e quindi farlo perdere per sempre? Misteri di Mamma RAI.
Campbell è uno che non si prende sul serio, è specializzato in thrillerini televisivi molto leggeri ma conditi di trovate da spanciarsi.

Per esempio qui il nostro Jake si appassiona così tanto agli aerei da mollare Tanya per iscriversi al più sbrilluccicoso corso di volo del comandante Rogers (Damon K. Sperber), e la nostra pazzerella non la prende bene: una sistematina alla strumentazione dell’aereo di Rogers durante la sua esibizione davanti agli studenti… e il problema è risolto.

Tranquilli, il comandante Rogers atterra sempre… in un modo o nell’altro

Visto che il giovane non sembra intenzionato a cadere nella trappola amorosa di Tanya, essendo molto legato alla sua fidanzata Annie (Anna Marie Dobbins), l’istruttrice organizza argutissimi piani per minare il loro rapporto: per esempio ingaggiare un’attrice che indossi lo stesso cappello fosforescente di Annie per poi impegnarsi in pose amorose con manzo al seguito.
Imperdibile la scena in cui Annie lo scopre, guardando le riprese delle telecamere al suo computer, perché d’un tratto sembra di essere in una pubblicità dell’Omino Bianco: è la Fiera del Pulito con tutti quei colori pastello sgargianti.

Con tutti questi colori pastello mi fanno male gli occhi!

La storia prosegue per tira-e-molla, con Jake che va da una parte all’altra come una banderuola e la pazza Tanya che non sa più cosa escogitare e chi uccidere pur di far innamorare di sé il giovane: a forza di buttar fuori gente dall’aereo le sta venendo il gomito del pilota.
A questo punto scatta la soluzione finale, così Tanya prende la fidanzata di Jake, la tramortisce e la infila in una enorme scatola di legno… e si fa aiutare da Jake stesso a caricarla sull’aereo, per buttarla in mare! In una scena che oserei definire mitologica per la sua genialità, e che solo al nostro Campbell poteva venire in mente, Tanya e Jake copulano arditamente in volo – con il pilota automatico – mentre Jake non sa che le sue terga posano sulla cassa dov’è sepolta viva la sua fidanzata!

Povera Annie, cornuta e mazziata, sepolta viva e usata come letto da copula!

Ormai Doug Campbell vola così alto che non lo riprende più nessuno, quindi il confronto finale tra Jake e la pazza Tanya avviene con scene che nel migliore dei casi possiamo dire omaggino Intrigo internazionale (1959) di Hitchcock, ma anche se così non fosse rimangono mitiche.
Da regista, come la rendi in video una scena in cui uno su un aereo colpisce a terra una che sta correndo? Semplice, la butti in caciara: mostri un aereo che vola e una che cade per terra. Al resto ci pensi la fantasia dello spettatore.

La genialità di Doug Campbell al lavoro

Ringrazio di cuore Willy per questa segnalazione ghiottissima, il papà del dottor Beck colpisce ancora e a questo punto c’è da chiedersi se non abbia un debole per protagonisti pazzerelli e omicidi: devo indagare.
Intanto salutiamo la pazza Tanya, che mica s’è capito che fine faccia: non è che, niente niente, Campbell è pronto a girare un seguito con una sua nuova avventura piena di follia e morti in volo? Non posso che augurarmelo.

Chiudo con la scheda del doppiaggio italiano, visto che è una prima visione:

Personaggio Attore Doppiatore
Tanya Allison McAtee Francesca Fiorentini
Jake Marc Herrmann Lorenzo De Angelis
Annie Anna Marie Dobbins Maria Letizia Scifoni
Margaret Diane Robin Barbara Castracane
Comandante Rogers Damon K. Sperber Francesco Prando

Doppiaggio e sonorizzazione: Iyuno Italy.
Dialoghi italiani: Alessia Pitari.
Direzione del doppiaggio: Guido Micheli.

L.

– Ultimi disastri aerei:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Disastri Aerei e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Deadly Mile High Club (2020) Follia ad alta quota

  1. wwayne ha detto:

    La trovata della sosia usata per far ingelosire un fidanzato e quindi far scoppiare la coppia è già stata usata in Vivere quasi vent’anni fa. Non mi piacque già allora, perché la reputai una trovata di basso livello perfino per una soap opera. Figuriamoci per un thriller.

    "Mi piace"

  2. Cassidy ha detto:

    Dopo il dottore pazzo, la “figlia” del dottore per di più volante. No sul serio, ma che problema ha con i colori la costumista? Pazzeschissima trama, la RAI non poteva perderselo un film così per il suo palinsesto 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  3. Zio Portillo ha detto:

    Giuro che se Campbell si inventa un crossover in cui il dottor Beck e la pilota Tanya sono padre&figlia o in qualche modo finiscono per collaborare, la mia nuova missione di vita è quella di trovare il numero di telefono di Campbell e invitarlo a cena.

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Assolutamente d’accordo! Sono ormai già andato fuori di testa per Doug e sto cercando altri suoi film: ne sono arrivati a valanga in Italia, ma se li ha presi la RAI significa che sono persi per sempre, visto che bruciare film è la sua attività principale da sempre.
      Quelli invece comprati da TV8 (SKY) c’è speranza di ribeccarli nelle millemila repliche: da qui a mandare una mail a Campbell per fargli un’intervista zinefila il passo è davvero breve ^_^

      "Mi piace"

    • Willy l'Orbo ha detto:

      Ahahaha! Questo crossover è il mio nuovo sogno! Doug, realizzalo, ti scongiuro! 🙂

      Piace a 1 persona

  4. Austin Dove ha detto:

    maaa
    la cover non spoilera leggermente?

    Piace a 1 persona

  5. Willy l'Orbo ha detto:

    Grazie per le molteplici citazioni, nonostante il film l’abbia visto, consigliato a te medesimo e discusso tramite scambio epistolare sempre con te medesimo…la tua recensione mi ha fatto sbellicare dalle risate come fosse la prima volta! 🙂
    Aggiungo che la suocera del protagonista e soprattutto il comandante Rogers sono personaggi mitici, quest’ultimo, non sapendo che poco dopo si schianterà, travolto dall’entusiasmo tronfio dovuto alla sua bravura, esclama qualcosa tipo “Come è bello essere me!”…
    Che film! Che film! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      E’ pura Z di quella buona, di quella che non si prende sul serio, si rilassa e pensa ad essere mitica, invece che noiosa che di solito.
      La predilezione delle costumiste televisive per abiti e oggetti a tinte unite color pastello andrebbe psicoanalizzata, ma la copula su sepolta viva rimane la scena più mitica della televisione moderna! 😀

      "Mi piace"

  6. Lorenzo ha detto:

    Non mancherò all’appello 😀

    Piace a 1 persona

  7. Sam Simon ha detto:

    Campbell eroe Zinefilo! Gli screenshot rivelano una fotografia che fa male agli occhi, e non solo per i colori pastello… Ci vuole vera devoZione per godersi questi film qui! X–D

    Piace a 1 persona

  8. Giuseppe ha detto:

    Doug Campbell, eh? Quindi si prospetta una cazzatona divertente… 😀

    Piace a 1 persona

  9. Pingback: Fatal Fashion (2018) Scatti di follia | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.