Superstition (1982) La casa di Mary

casa-di-maryQuesta inutile vaccata di film ci permette di viaggiare fino all’alba della “casologia italiana”: quando i cinema ancora non sciabordavano di film scelti a caso e a cui veniva affibbiata una “Casa” nel titolo, spesso senza ragione. In un periodo, dunque, in cui… non c’erano Case in Italia!
La Casa (1981) di Sam Raimi arriverà solamente nell’agosto 1984 e siamo ancora lontani dalle secchiate di film il cui titolo inizia con “La casa a…”, “La casa su…”, “La casa de ‘sto…” e via dicendo.
Prima di tutto, dunque, c’è La casa di Mary. (Essendo questo speciale un work in progress non è escluso che ulteriori ricerche mi portino a correggere in futuro questa affermazione.)
Alcune fonti, anche dell’epoca, dicono che il film sia tratto da un fantomatico romanzo di Michael O. Sajbel di cui non esistono tracce: visto che Sajbel è un normale sceneggiatore, facile che sia solo una leggenda metropolitana.

Uno dei primi titoli a venir "casificato" in Italia

Uno dei primi titoli a venir “casificato” in Italia

Il film originale, Superstition, pare che esca negli USA solamente nel gennaio 1985: essendo questo titolo una fetecchia noiosissima, probabilmente gli americani non lo volevano nei propri cinema. Eppure è un prodotto Carolco… No, non è una casa che si chiama come quella di Terminator 2 (1991), è proprio quella Carolco, anche se per vergogna è passata da Carolco Entertainment a Carolco Pictures.
Così ‘sto filmaccio esce prima nel nostro Paese, il 28 agosto 1982. Gira meno di un paio d’anni nei cinema – una media molto bassa, per l’epoca – e dal 17 maggio 1985 approda nelle TV locali.
La RCA-Columbia Pictures (anche nella mitica versione economica “Winners”) lo presenta in una pregiata VHS dal 1985 (data incerta), mentre è provata l’uscita in VHS dell’agosto 1989: la famigerata Quadrifoglio lo porta in DVD dal 23 maggio 2012.

Non entrate in quel cinema che proietta quella casa...

Non entrate in quel cinema che proietta quella casa…

Tutto è cominciato quando in quella casa è entrata la famiglia Moncler, che poi è stata ritrovata tutta appesa… Capito? Moncler… come i giacchetti… Tutti appesi… Va be’, faceva più ridere nella mia testa.

Ciao, sono una bella bambina in un film horror: fidati di me...

Ciao, sono una bella bambina in un film horror: fidati di me…

Strani avvenimenti ruotano intorno ad una casa al lago, che in realtà è una catapecchia davanti a una pozzanghera maleodorante: possibile che non ci fossero altre location migliori disponibili?
Quando arriva la famiglia Leahy – che non ha il minimo peso nella storia – padre Thompson (James Houghton) prima si studia bene il sedere delle figliole, poi si dedica alle ricerche bibliografiche.

Un antico testo misterioso dal titolo "Scemum qui leggem"

Un antico testo misterioso dal titolo “Scemum qui leggem”

Consultando il Summa ius inquisitorum (o una qualche minchiata simile), Thompson studia la vita dell’inquisitore Andrew Pike (Robert Symonds) che nel 1692 ha processato e dato fuoco ad una strega.
Qui scatta il “momento doppiaggio” dedicato al mitico blog Doppiaggi Italioti: abbiamo così una esorcizzazione e un inquisimento. Perché dire “esorcismo” e “inquisizione” faceva troppo provinciale: trattandosi di un antico libro del Seicento bisogna parlare come beoti…

Il lungo e noioso flashback nel Seicento.

Il lungo e noioso flashback nel Seicento.

Siamo in anni in cui il Mito Amityville regna potente – il film, non il libro né il “vero caso” – quindi ricopiamolo: c’è un demone in cantina che fa rumore, ma in realtà è la strega tornata a rompere le balle.

Buuuu sono la strega cattiva!

Buuuu sono la strega cattiva!

L’inquisitore nel Seicento aveva fermato il potere della strega mettendoci una croce sopra… nel vero senso della parola! Ora la famiglia Leahy fa dei lavori e sposta la croce, liberando la demoniaca presenza.
Con sequenze noiose e imbarazzanti comincia il massacro, però è incredibile come nei primissimi anni Ottanta si potessero ancora mostrare bambini maciullati!
Padre Thompson mette una croce sopra alla strega in forma di bambina e vissero tutti indemoniati e contenti.

Mettiamoci una croce su, va'...

Mettiamoci una croce su, va’…

La micidiale pochezza de La casa di Mary sì che mette paura: va be’ che è uno dei progenitori del genere, spinto in seguito sicuramente dai suoi cloni, ma di per sé è davvero una storiellina stupida resa malissimo e recitata peggio.
Se non altro fa rivalutare di molto gli altri “La Casa…” che l’hanno seguito.

L.

P.S.
Vi segnalo la recensione di Malastrana VHS.

amazon

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Ghost House e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Superstition (1982) La casa di Mary

  1. Cassidy ha detto:

    L’Antico testo “Scemum qui leggem” vince il premio “Chiudete Internet” della giornata 😀
    Il mercato della case in Italia non è mai stato in crisi, al massimo le inventavamo 😉 Cheers

    Piace a 1 persona

  2. benez256 ha detto:

    Ah beh, questo non posso perdermelo, poi con quelle chicche linguestiche…comunque a proposito di case pre-Casa del 1981, ti segnalo La Casa delle Finestre che Ridono che tutti decantano come bellissimo e che io non ho sopportato neanche un po’

    Piace a 1 persona

  3. Pingback: Amityville Possession (1982) | Il Zinefilo

  4. Pingback: Buried Secrets (1996) La casa di Mary | Il Zinefilo

  5. Pingback: La casa con la scala nel buio (1983) | Il Zinefilo

  6. Pingback: La casa 4 (1988) Witchcraft | Il Zinefilo

  7. Pingback: Prom Night (1980) Non entrate in quella casa | Il Zinefilo

  8. Pingback: Chuck Norris 22. Sidekicks (1993) | Il Zinefilo

  9. Pingback: Il bacio della pantera (1982) 40 anni di baci | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.