[Asylum] Martian Land (2015)

Il re dei canali specializzati in filmacci, Cielo, il 14 marzo 2018 ci regala un titolo prodotto dalla regina della serie Z, la Asylum, all’interno dell’etichetta balzana inventata dalla regina italiana dei filmacci in DVD, Minerva Pictures. Solo il meglio, per il peggio…

Un modo fighetto di indicare la spazzatura

Malgrado non si parli di “sbarco su Marte”, questo film merita comunque di finire nel ciclo Li mejo ammartaggi!

Gli americani trumpiani non credono al riscaldamento globale, eppure è innegabile che sia un tema perfetto per filmacci, catastrofici o meno. Bisogna però stare attenti, perché i film creano la realtà e se cominciano a dire che scelte spregiudicate umane stanno distruggendo il mondo in modo cieco e irresponsabile poi qualcuno finisce per crederci. No, bisogna rovesciare la catena della colpa: dev’essere vista come una colpa della natura!
Così una voce narrante ci spiega brevemente che dopo aver sfruttato le foreste la natura si vendica con «una lotta sistematica ai danni dell’umanità»: ma quant’è cattiva ’sta natura! E noi che le vogliamo così bene…

Sembra incredibile… ma siamo su una colonia marziana!

La popolazione terrestre viene così evacuata e mandata su Marte, sparsa in varie colonie sotto “cupoloni”. Il problema è che sul pianeta rosso un super vulcanone one one comincia ad eruttare minacciando di distruggere tutto. Qui mi sa che qualcuno porta jella…
Benvenuti a Martian Land, uscito in patria il 6 ottobre 2015 e portato in Italia dalla consueta Dynit Minerva il 30 novembre 2016.

Là dove nessun cineasta è mai stato prima

Dovremmo credere che il solito giardinetto usato da tutti i filmacci sia una “colonia marziana”, e va be’. C’è poi il difficile rapporto fra marito e moglie separati, fra marito vecchio e marito nuovo, fra genitori divorziati e figli adolescenti, fra figli adolescenti ed amori “diversi” – credo sia il primo film di serie Z con co-protagoniste dichiaratamente lesbiche – insomma, c’è tutta la solita allungatura di brodo per evitare di spendere troppo in effetti speciali. E sì che parliamo di robetta fatta al PC di casa.

Tipico centro di comando marziano

La trama è talmente ingarbugliata che seguirla mi provoca mal di testa, così già all’inizio smetto di prestare attenzione: sono tutte supercazzole pseudo-scientifiche alternate da battutine da scuola elementare e pose plastiche di attori di serie Z. Insomma, il solito carrozzone Asylum ma parecchio sottotono.

Iron Man ha fatto scuola anche nela Z

Dov’è la scena Asylum Style così platealmente cialtrona da fare scattare una risata e consequenziale applauso? Tutto rimane in quel limbo di buffonesca seriosità che genera solo noia, quando non proprio fastidio.

Ma questi sono astronauti… o i Daft Punk?

Un film noioso, indegno di cotanta casa, che ci ha abituati a spettacoli divertenti e spumeggianti: Marte è diventato rosso dalla vergogna…

L.

amazon

– Ultimi post simili:

GUARDA IL FILM AD € 2,99

Annunci

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Fantascienza, The Asylum e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a [Asylum] Martian Land (2015)

  1. Zio Portillo ha detto:

    La Asylum purtroppo è questa. O viaggia a briglia sciolta sfornando senza vergognarsi capolavori del trash, zeppi di scene iconiche e (involontariarmente) comiche. Oppure mette il pilota automatico alla velocità “telenovela messicana anni ’80” e ci da giù di chiacchere per sfinirci.

    Io non sono un fan della Asylum, anzi. Però mi è capitato più volte di guardare qualche loro lavoro e se becchi il primo caso ti passi una seratina facile facile. Se becchi invece il film parlato… Allora sono dolori!

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Vero, ha due modalità molto diverse e non so se se ne renda conto. Sa farti coccodrilli contro serpenti da farti scompisciare, piranha che mangiano elicotteri e tornado di squali, però poi ti ammolla noie mortali tipo questo film – o deliri farneticanti tipo “Avengers Grimm” e “Sinister Squad” – quindi ogni suo film è un rischio: non sai mai se riderai o digrignerai i denti…

      Mi piace

  2. Cassidy ha detto:

    Sulla didascalia dei Daft Punk sono morto 😀 Si sono sbattuti a scimmiottare Iron Man poi hanno girato Marte nel cortiletto dove porti a spasso il cane, anche la Asylum sforna film di cui vergognarsi, ma si era già capito dalla locandina, che non è male, quindi il film doveva essere per forza orribile 😉 Cheers!

    Piace a 1 persona

  3. Pietro Sabatelli ha detto:

    L’ho visto su Sky anni fa ma avrei fatto meglio a non vederlo, praticamente una m..!

    Piace a 1 persona

  4. gioacchino di maio ha detto:

    La locandina con il teschio dentro la tuta appare abbastanza sfruttata, ricorda quasi quella di un Urania del 1978 “Lo scheletro impossibile” di James P. Hogan

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Che bei tempi mi citi, quanti bei ricordi degli Urania divorati a pacchi, con trame intriganti e tante belle chicche… Non ricordo di quanti romanzi fosse laserie di Hogan, comunque ricordo che adorai quel romanzo che citi 😉

      Mi piace

      • gioacchino di maio ha detto:

        Bei tempi davvero, all’epoca avevo quindici anni, e mi rifornivo in una vecchia libreria di usati che teneva gli Urania impilati sul pavimento, ero attratto più che dalle storie, dalle belle copertine del mitico Karel Thole 😉

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Quando ho scoperto gli Urania ero più grande – sulla ventina o poco più – e non impazzivo per Karel Thole, ma quei libretti bianchi impaginati a doppia colonna avevano qualcosa di irresistibile! Ormai in edicola erano passati al formato a libro, con colonna singola, quindi la mia fonte principale sono rimaste le fumetterie e – molti anni dopo, quando mi si è riaccesa la passione – le bancarelle “tutto a un euro”.
        Nelle file multi-strato di libri che riempiono le mie varie biblioteche casalinghe ci sono ancora tre o quattro strati di Urania, che giacciono lì in attesa di future sfoltite quando lo spazio sarà finito. (E lo spazio è finito da anni!)

        Mi piace

      • Conte Gracula ha detto:

        Credo che la serie sui giganti di Hogan sia di quattro romanzi, forse cinque: dell’ultimo che ho preso, Entoverse, ti ho accennato qualche giorno fa, durante una digressione sugli Urania Jumbo 😉

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Ah, è vero, è stata ristampata da poco. Mi sembra una vita fa che ho letto l’edizione Urania a “quaderno” 😛

        Piace a 1 persona

  5. rikynova83 ha detto:

    Sui film dell’asylum mi ero fatto una cultura con Yotobi!

    Che dire, mi piace questa tua sintesi: “sono tutte supercazzole pseudo-scientifiche alternate da battutine da scuola elementare e pose plastiche di attori di serie Z”, ahahhaha!

    Piace a 1 persona

  6. nik96 ha detto:

    io ho avuto la sfortuna di beccarlo su Cielo un film orribile ma la locandina non è affatto male voglio dire la locandina è bella ma il film invece NO.

    Piace a 1 persona

  7. Willy l'Orbo ha detto:

    Prima leggi “non c’è vita su Marte, solo morte”, poi vedi le immagini della “colonia” marziana, infine leggi la recensione…e non sai se ridere o piangere! Via non piango perchè non l’ho visto! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      E non provare a cercarlo! 😀
      Diciamo che le frasi di lancio sono idee in libertà, e credo che chi le abbia scritte non abbia visto il film: a non esserci vita è nell’Asylum 😛

      Mi piace

      • Giuseppe ha detto:

        E allora eccone altre:
        “E’ a prova di morte bere il mirto su Marte? Ma è forte!”
        “Chiudi le porte che si parte da Marte prima che la morte ti faccia la corte”
        “Su Marte senza scorte la morte è alle porte”
        “La natura fa paura? Là, su Marte, è ancor più dura”
        Queste potrebbero anche essere recitate nei trailer, con i Daft Punk in sottofondo (bella la cabina di pilotaggio costruita con gli imballaggi di uova e verdure, tutte dall’orto del giardinett… COLONIA, volevo dire colonia marziana!) 😀
        P.S. Ah, gli Urania anni ’70: quei mitici libretti bianchi grazie a Fruttero e Lucentini avevano un taglio che… no, a dire il vero di tagli forse ne avevano ben più di uno 😛

        Piace a 2 people

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Come sempre i tuoi dialoghi sono migliori di qualsiasi film la Asylum potrà mai sfornare ^_^
        I due ragazzacci di Urania avevano la forbice facile e pare che non abbiano molto merito nei tesori portati in Italia, visto che sceglievano tutto a casaccio, ma alla fin fine hanno fatto un ottimo lavoro… a loro insaputa! 😀

        Mi piace

  8. Kukuviza ha detto:

    Ma dai, gli astronauti Daft Punk dove sono andati a pescarli! Con le cinture di sicurezza (bretelloni) rossi! Mancava solo che spuntasse Max Headroom tra di loro.
    Gli slogan di Giuseppe sono fantastici, in stile Toti Scialoja.
    Fino su Marte dovevano andare per scomodare il solito vulcanone con la digestione difficile?

    Piace a 1 persona

  9. Pingback: Il 2018 del Zinefilo | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.