Total Recall 11. Ironside, dal Canada a Marte

«Fondamentalmente sono un pacifista», spiega Michael Ironside mentre impugna una pistola Mac-11 modificata davanti al giornalista Will Murray, che lo intervista per “Starlog Magazine” (giugno 1990).


Dagli alieni “visitatori”
ai marziani

Questo 2020 Michael Ironside ha compiuto 70 anni e già l’ho festeggiato raccontando dei suoi esordi di carriera, in quegli anni Settanta in cui appare qua e là in minuscoli ruoli, spesso da bruto o violento. Un attore che ha deciso di non ricorrere alla chirurgia plastica per togliere una profonda cicatrice vicino l’occhio sinistro, considerandola una risorsa più che uno svantaggio, non poteva che attirare l’attenzione del suo connazionale canadese David Cronenberg, che gli regala il ruolo della carriera e della vita. Quando sul set di Scanners (1981) arrivano i giornalisti ad ammirare il maestro degli effetti speciali Dick Smith che sta lavorando sul volto di Ironside per la scena finale, qualcuno si avvicina e tocca la cicatrice dell’attore: incredibile, sembra vera! Dick Smith sorride e risponde: «Grazie».

Indovinello: quali fra queste cicatrici è vera e quale falsa?

Dal 1984 al 1985 l’attore esplode in TV con il suo ruolo di Ham Tyler, il duro vestito di pelle della serie “Visitors” (V), personaggio che gli è rimasto nel cuore visto che dichiaratamente ha pensato a lui per Richter in Total Recall, stando però attento a far crollare ogni barriera morale che teneva a bada l’agire di Tyler.

Mentre Ironside vestito di pelle posa per le foto di scena, pistola alla mano professandosi pacifista («Non credo le cose si risolvano coi pugni e le pistole, bisogna trovare altre soluzioni nella vita oltre la violenza»), spiega a Will Murray che il suo personaggio nel film, l’agente dell’intelligence Richter, è un sociopatico, non uno psicopatico.

«Secondo me la differenza tra un sociopatico e uno psicopatico è… Mettiamo che qualcuno ti rubi la giacca. Tu vai da lui e gli dici “Ehi, mi hai rubato la giacca”: lo psicopatico ti risponde “Sì, e ora ti accoltello pure”, mentre il sociopatico dice “Sì, ma tu non la stavi usando”. È quel tipo di processo logico.»

Quindi Richter semplicemente non prova empatia per le sue numerose vittime nel film e il suo agire è spinto solo dall’andare dal punto A al punto B, ottenendo il suo scopo: chiunque ci sia fra questi due punti verrà spazzato via senza pensarci.

«Richter è come un arrivista sotto acido con una pistola. (ride) È un alfiere che vuole essere un re. È spietato e molto efficiente, prende la via più breve in qualsiasi frangente.»

L’attore è salito tardi a bordo del progetto Total Recall, e curiosamente al giornalista non fa alcuna menzione del fatto che anni prima il suo continuo contraddire Paul Verhoeven e sollevare questioni gli aveva fatto perdere il suo ruolo in Robocop (1987), come invece racconterà il regista in seguito.

«Sono salito a bordo del progetto solo quest’anno [1989]. Stavo girando Vuoto mentale a Montreal e mi hanno mandato questo copione. La cosa che ha attirato subito la mia attenzione è stata Paul Verhoeven, visto che sono suo grande fan sin dai tempi di Soldato d’Orange (1977). È uno che sa come farti apparire bene su schermo, ed è un vero regista: non si limita a suggerire cose, ma è molto, molto specifico, e questo mi piace.»

Ironside si scalda per Verhoeven, in Vuoto mentale

Proprio in quel momento Ironside è chiamato sul set per girare e deve interrompere l’intervista. Raggiunge la scena (lo scontro a fuoco finale con Quaid tra le colonne marziane), si mette sul segno mentre anche gli attori vestiti da soldati fanno lo stesso, e appena Verhoeven dà il segnale l’attore scatta come una molla con la pistola in pugno. «Più tensione» chiede il regista e si ripete la scena, e si ripete ancora e ancora e ancora, finché Verhoeven non è contento. «A Paul non piacciono gli attori che stanno fermi in scena», racconta Ironside più avanti: «tutti devono sempre muoversi».

Va sottolineato che Ironside è un attore canadese che lavora in Canada, e che nel 1990 di Total Recall è noto agli americani in pratica solo grazie al successo di Scanners prima e al suo ruolo ricorrente in TV con “Visitors” dopo. Però, come confessa l’attore, ogni tanto capita che qualcuno lo fissi e alla fine dica: «Ma tu non eri in Top Gun?» Nel film di successo del 1986 dello Scott giusto Ironside interpreta Jester, ruolo che non ritroveremo in Top Gun: Maverick (2020) perché – stando alle dichiarazioni dell’attore nel 2018 a The Hollywood Reporter – i suoi rapporti con Jerry Bruckheimer si sono rovinati anni fa, quando Ironside ha rifiutato un ruolo non sapendo che così si sarebbe inimicato il produttore.

Ne sono volati di aerei sotto i ponti…

A Murray, sul set di Total Recall, Ironside racconta che originariamente il ruolo era uno solo, quello della figura autoritaria Viper, e sia lui che Tom Skerritt si erano presentati per l’audizione. Visto che i produttori si sono resi conto che un personaggio troppo autoritario avrebbe reso male, nel fare anche la figura paterna del protagonista, hanno deciso di “sdoppiarlo”, ingaggiando entrambi gli attori e così inventando sul momento il personaggio di Jester.

«Mi sentivo il più vecchio sul set», continua a raccontare Ironside: «Era tipo il mio 39° film ma era la prima volta che lavoravo con attori così giovani.» Ma negli anni Ottanta c’è ancora spazio per ruoli da adulti, ma se il suo ruolo da psicopatico geneticamente modificato in Alterazione genetica (1988) non gli ha regalato la stima che sperava – malgrado il film sia andato bene al botteghino – un altro ruolo per cui aveva fatto l’audizione non l’ha ottenuto, arrivando secondo dopo Rutger Hauer. Ora vado alla ReKall a farmi impiantare la memoria d’aver visto The Hitcher (1986) interpretato da Michael Ironside…

Poteva andarti peggio, ragazzo: potevi caricare Michael Ironside

«Volevo davvero fare quel ruolo, ma praticamente arrivai secondo dopo Rutger Hauer. Rutger è andato in una direzione un po’ diversa da come avevo pensato io. Ecco come avrei fatto il personaggio: è qualcuno che sa di essere matto ed ha abbastanza lucidità per capire che dovrebbe morire per questo. Spinge le sue vittime al limite perché vuole che lo uccidano. Purtroppo non è andata così, perché il mio nome in questa industria non è famoso come quello di Rutger, così il regista ha scelto la versione di Rutger.»

Con il giornalista l’attore si lascia andare e racconta del suo grande amore per la fantascienza, sin dall’infanzia, iniziato quando all’età di 10 anni suo padre – grande lettore dei romanzi marziani di Edgar Rice Burroughs – gli ha passato Slan (1940) di A.E. Van Vogt e l’appena uscito Straniero in terra straniera (1961) di Robert A. Heinlein. «Ho letto i romanzi di Robert E. Howard durante la mia infanzia, perché erano in giro per la casa». Eppure non gli è mai capitato il racconto di Philip K. Dick che ha ispirato Total Recall, ed è stato meglio così.

«Non mi piace leggere il romanzo prima di girare un film. Quando giro un prodotto come Total Recall voglio rifarmi ad una sola guida, il regista. Lui ha letto la storia, lui ha lavorato sul progetto per due anni e mezzo quindi è la sua visione che voglio seguire.»

L’intervista viene di nuovo interrotta perché l’attore deve posare per alcune foto di scena, in cui deve mostrare quant’è cattivo Richter. Davanti allo sguardo allibito del giornalista Ironside comincia ad assumere varie sfumature di follia omicida, con impercettibili cambi nell’apertura degli occhi. A sua detta sa controllare il fiume d’emozioni che gli scorre dietro gli occhi così da assumerne le varie intensità. E poi si stupisce che lo chiamano solo per ruoli da pazzo assassino…

Michael Ironside e Will Murray, il giornalista più felice del mondo!
da “Starlog Magazine” n. 154 (maggio 1990)


Le armi di Richter

Il giornalista Will Murray specifica che Ironside impugna «una pistola Mac-11 modificata», così mi sono chiesto: perché non rivolgermi agli esperti per saperne di più? Sono andato quindi a consultare l’IMFDb (Internet Movie Firearms Database). Il film presenta una vasta gamma di armi futuristiche, mi limito però solo a quelle impugnate dal perfido Richter.

MAC-11 – .380 ACP

La citata mitraglietta Mac-11 per l’occasione è stata dotata di una copertura “scenica” sul davanti così da farla sembrare un’arma più “futuristica”. Richter la usa durante l’inseguimento in metropolitana all’inizio del film.

Una semplice mitraglietta che sembra un’arma dal futuro


Calico M950 semiautomatic pistol – 9x19mm

Avrei giurato che fosse una pistola creata per il film invece la Calico M950 esiste sul serio ed è usata in storici film d’azione dell’epoca come Tango & Cash (1989), Arma non convenzionale (1990) e Forza d’urto (1991). Richter la impugna durante il raid nel locale a luci rosse quando spara alla schiena della donna “tripopputa”.

Richter che punta una Calico M950


SWD/Cobray Street Sweeper

Quando il gioco si fa duro e l’inseguimento in auto non funziona, Richter spacca il finestrino e si sporge imbracciando un fucilone esagerato! Partendo da un fucile SWD/Cobray Street Sweeper già modificato, sono stati aggiunti pezzi da altre armi per aumentarne l’effetto visivo.

Viuleeeeeeeeenza!

(continua)


Fonti

  • Will Murray, Michael Ironside. The Pathological Pacifist, da “Starlog” n. 155 (giugno 1990)

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Saggi e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Total Recall 11. Ironside, dal Canada a Marte

  1. Zio Portillo ha detto:

    Strano che Ironside non venga mai chiamato a fare l’eroe romantico, dolce e zuccheroso. Chissà perché gli danno sempre i pazzi omicidi violenti e sociopatici. Proprio non me lo spiego…

    E un THE HITCHER con Ironside concordo che non sarebbe venuto fuori malaccio!

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Ce lo vedo in calzamaglia a fare il Romeo innamorato 😀
      Voglio tanto bene ad Ironside ma onestamente proprio il suo volto palesemente da pazzo omicida avrebbe spezzato quel sottile equilibrio di Hitcher, in cui Hauer sembra quasi una persona normale, persino amichevole, quindi è più tosta quando diventa un massacratore. La forza di quel film per me è anche in un cattivo che non sembra poi tanto cattivo, mentre appena fosse apparso Ironside non ci sarebbe stato più alcun dubbio!

      "Mi piace"

      • Giuseppe ha detto:

        Avrebbero potuto condividere il film, re-intitolandolo “The Hitchers”: Rutger Hauer come John Ryder e Michael Ironside come Mike Slaughter, impegnati a farsi concorrenza fino al confronto finale 😀
        Interessante poi il confine che Ironside individua fra uno psicopatico e un sociopatico (come il suo Richter in Total Recall), sapendoli interpretare alla perfezione entrambi… 😉
        Quanto alle armi che usa nel film, chi sarebbe mai andato a pensare -fino ad oggi- che non fossero state create appositamente per l’occasione (pure se, a dire il vero, almeno la mitraglietta Mac-11 qualche dubbio avrebbe dovuto farmelo venire)!

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Due autostoppisti in gara fra di loro a chi ne ammazza di più: questa sì che sarebbe un’idea per far tornare Hitcher al cinema 😛

        "Mi piace"

  2. Cassidy ha detto:

    Anche io ero convinto fosse un’arma creata apposta per “Arma non convenzionale”, quando l’ho rivista in “Forza d’urto” ho pensato ad una specie di auto-citazione di Baxley, invece esiste! Grande scoperta questa 😀 Quanto sarebbe stato figo “The Hitcher” con Michael Ironside, ironicamente è finito nelle mani di un altro attore feticcio di Verhoeven, piccola Hollywood a volte 😉 Gran intervista, il pacifista armato che disquisisce sui vari gradi di follia, ecco perché non abbiamo mai visto Ironside interpretare il bravo padre di famiglia 😉 La figura del mentore/padre severo ma giusto, Ironside l’avrà schivata in “Top Gun” ma si è ritrovato ad interpretarla in “Starship Troopers” 😉 Ti ringrazio per le tante citazione e il bellissimo post, questi viaggi Marziani sono una bomba! Cheers

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Per fortuna all’epoca i giornalisti di cinema fantastico erano attivi ed ovviamente tutti impazzivano per Total Recall, quindi ci hanno lasciato parecchio materiale di cui gioire.
      Quel pistolone immagino ora sarà finito nelle mani di qualche grande collezionista: un’arma usata in così mitici film avrà quotazioni altissime.

      "Mi piace"

  3. Il Moro ha detto:

    Sono sconvolto dall’arma di “Arma non convenzionale” che esiste veramente!

    Piace a 1 persona

  4. Willy l'Orbo ha detto:

    Dove c’è Ironside…c’è casa! 🙂
    In attesa della lettura che eseguirò in serata, mi permetto due off topic (che però dimostrano come pendo dalle labbra zinefile!): ho visto Direct Action e in fondo l’ho gradito con Dolphone nostro che mena e ci accontenta; ho altresì visionato Alien Intruder e, come da te scritto, non vi ho trovato né Alien né intruder né il film stesso! 😦 🙂

    Piace a 1 persona

  5. jenapistol ha detto:

    Sento la mancanza di Shusett,pensa a un autobiografia scritta da lui che spasso… Immaginare per immaginare… ,The hitcher 2,protagonista Ironside,The Hitcher 3,protagonista Alan Rickman etc,etc…,ogni capitolo uno psicopatico diverso…

    Piace a 1 persona

  6. Sam Simon ha detto:

    Non sono sicuro di aver capito la differenza tra sociopatico e psicopatico, ma… Ironside ha rifiutato un ruolo? Ma se ha lavorato alle peggiori ZoZZerie! O___o

    Comunque è assurdo che la seconda pistola esista davvero… chi l’ha disegnata, Cronenberg? Sembra uscita da Dead Ringers!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.