Kickboxer (2016) Vengeance

kickboxer2016In queste settimane ogni lunedì vi ho presentato un filmaccio Cine-MMA, una formula inventata dal campione argentino Héctor Echavarría: una trama semplice, di solito copiata da Van Damme (Kickboxer e Lionheart a manetta) ma il forte sta nei grandi nomi di veri lottatori nel cast. Non importa che non sappiano recitare, l’importante è che facciano i coatti e menino come fabbri.
Questo genere ha spopolato nel 2010 ed ora viene ripreso, con molta più qualità tecnica, da alcune piccole case che affidano a John Stockwell – già autore dell’escrementizio Cat Run (2011) e del deludente Into the Blood (2014) – il compito di fare un remake-reboot di un film mitico. Lo stesso film rifatto più volte, con tanto di tecniche uguali, da Echavarría (che è il Van Damme argentino).
Il film è ovviamente il mitico Kickboxer (1989) e, anche se Stockwell non ha neanche il 10% della visione marziale di David Worth, il risultato è buono: tanto che è già previsto un seguito nel 2017!
Presentato il 14 luglio 2016 al canadese Fantasia International Film Festival, il film esce negli USA il 2 settembre 2016 e la Eagle Pictures lo porta in Italia il 1° febbraio 2017.

Kickboxer2016_ARiecco Kurt Sloane, nostro vecchio amico che da 27 anni prende sveglie a destra e a manca. Lo interpreta Alain Moussi, atleta-stuntman fisicamente ineccepibile.
Bussa ad una porta di una casupola in Thailandia… e gli apre l’mma fighter Georges St-Pierre, vero lottatore che abbiamo incontrato in Never Surrender (2009) e Death Warrior (2009). Che ci fa un lottatore canadese in Thailandia?

Lottatore canadese Georges St-Pierre: che ci fai in Thailandia?

Lottatore canadese Georges St-Pierre: che ci fai in Thailandia?

Visto che Georges fa il duro ma ci prende un sacco di schiaffoni, subentra T.J. Storm, vero artista marziale che fa pure l’attore di film e videogiochi: per il mondo videoludico fa anche da “modello” per titoli d’azione.

Ora tocca a T.J. Storm fare la comparsata

Ora tocca a T.J. Storm fare la comparsata

Questi subentra allo sconfitto St-Pierre e butta giù facilmente Kurt Sloane. Era questo che cercava Kurt? Di prendere la sveglia dall’altra parte del mondo?
No. Kurt sta cercando il maestro. Sta cercando Tong Po…

Una montagna di gagliardiaggine coatta!

Una montagna di gagliardiaggine coatta!

Non me ne voglia Michel Qissi, gli voglio bene perché è stato uno dei più mitici cattivi del cinema marziale, ma quando entra in scena Tong Po 2.0, la release 2016 del cattivissimo che fa malissimo, ti vibra ogni osso del corpo. Perché Tong Po ti rompe le ossa pure a distanza…
Non stimo Dave Bautista come attore, penso che faccia pessime scelte di film – tipo l’inguardabile L’uomo con i pugni di ferro (2012) e The Scorpion King 3 (2012) – ma è innegabile e inequivocabile che è una montagna di cazzuto cazzutismo che migliora con il tempo.
Due metri di pura coattaggine, due braccia che è come se avesse due ragazzini muscolosi appesi alle spalle, sguardo che ti mena con le pupille. Insomma, è il cattivo definitivo: mille punti per Master Po!

Pregate di non doverlo incontrare mai...

Pregate di non doverlo incontrare mai…

Master Po guarda i suoi allievi lottare mentre assiede… va be’, è assiso sul trono. E qui scatta la lacrimuccia, perché mi sembra di tornare agli anni Novanta – quando esisteva in Italia il cinema marziale – e in TV passava Kickboxer 4 (1994), con Tong Po seduto sul trono ad ammirare i partecipanti al suo torneo. (Il film era uno scopiazzamento plateale de I 3 dell’Operazione Drago con Bruce Lee.)

Dal 1994 al 2016, Tong Po è sempre seduto sul trono!

Dal 1994 al 2016, Tong Po è sempre seduto sul trono!

Kurt nottetempo si presenta nella stanza del Re Po con una pistola, e viene giustamente redarguito: perché un comportamento così viagliacco, lui che è fratello del campione Eric Sloane? (Interpretato dal Compianto Darren Shahlavi, atleta di grande talento scomparso proprio durante le riprese di questo film. E visto che Eric Sloane è destinato a perire… be’, la scelta attoriale è quanto meno inquietante!)

In memoria di Darren Shahlavi, che al cinema ha preso schiaffi da tutti i migliori

In memoria di Darren Shahlavi, che al cinema ha preso schiaffi da tutti i migliori

Scopriamo così che Kurt Sloane, proprio come lo interpretava Sasha Mitchell in Kickboxer 2 (1991), gestisce una palestra di ragazzi ben voluta nel quartiere, ma è anche manager di suo fratello Eric. Lui ha caldamente sconsigliato di accettare la provocazione di una donna il cui nome è un programma, Marcia (interpretata dal mio amore Gina Carano), e di non andare a Bangkok a sfidare Tong Po.

Può fare anche la cattiva, ma Gina è sempre la più bella...

Può fare anche la cattiva, ma Gina è sempre la più bella…

Indovinate come va a finire? Andiamo, il film Kickboxer (1989) l’avete visto tutti, no? No? Vergogna!

Eric si impegna, ma lo sappiamo tutti che fine farà...

Eric si impegna, ma lo sappiamo tutti che fine farà…

Eric è spavaldo e affronta Master Po, che lo piega come un pacco, gli applica un francobollo in fronte e lo spedisce nel mondo dei più. Ok, nel 1989 si “limita” a lasciarlo paralizzato qui invece gli tira il collo come una gallina, ma qualcosa di diverso dovevano pur fare, no?

Il Maestro ha menato...

Il Maestro ha menato…

Mentre piange il fratello, scopre che prima dell’incontro si è allenato con un certo Durand e va a rimproverarlo. Però è interpretato da Jean-Claude Van Damme in splendida forma, che sta cercando di recuperare gli ultimi 25 anni di errori clamorosi facendo a 56 anni quello che non voleva fare a trenta, dando ragione alle mie lamentele degli ultimi 25 anni. (Son soddisfazioni.)

Che c'è? Non avete mai visto un attore marziale che a 30 anni recita e a 50 combatte?

Che c’è? Non avete mai visto un attore marziale che a 30 anni recita e a 50 combatte?

Essendo Durand simpatico a priori, Sloane decide che l’unico modo per vendicare il fratello è battere Tong Po sul suo stesso territorio. Così comincia la versione 2016 del training montage del 1989 che tutti noi amiamo. (E se non lo ricordate, amatelo a priori!)

Occhio che avete sbagliato film: questa è presa da Il re dei kickboxers (1990)

Occhio che avete sbagliato film: questa è presa da Il re dei kickboxers (1990)

Non manca la solita rissa da bar, anche se finalmente sono riusciti ad inventarsi qualcosa di nuovo: non vi dico niente, dovrete vedermi il film!
Vi dico solo che l’avversario è Cain Velasquez, mma fighter dei pesi massimi… Spettacolo assicurato!

E diamo un cameo pure a Cain Velasquez

E diamo un cameo pure a Cain Velasquez

Per l’occasione il bravo fight choreographer Larnell Stovall – noto ai lettori di questo blog – si lascia ispirare ai combattimenti resi celebri da Tony Jaa, copiandone di peso molte tecniche: c’è pure il combattimento a dorso d’elefante!
Alain Moussi è un ottimo atleta ed è bello vedergli ripetere identiche le tecniche di Tony Jaa, anche se ovviamente siamo molto lontani dalla qualità del thailandese: diciamo che Moussi è un bravo imitatore.

E vai, copiamo pure da Ong bak (2003)

E vai, copiamo pure da Ong bak (2003)

Dove paradossalmente il film delude è nel combattimento finale, dove cioè si dovrebbe raggiungere l’apice marziale della pellicola, dove il protagonista dovrebbe tirare i colpi migliori e dove la cazzutaggine, la coattaggine e la gagliardiaggine si incontrano e vanno ad ubriacarsi.

Mo' te meno così forte che te faccio torna' al 1989!

Mo’ te meno così forte che te faccio torna’ al 1989!

Invece le parti buone di questo fiacco scontro finale sono quelle ricopiate dal film del 1989: quelle nuove sono deludentissime. Dopo un intero film a dirci che Tong “Ti Spacco il Culo” Po è una montagna che ammazza la materia con la sola forza del pensiero, bastano due mossettine da ballerino della domenica per batterlo?

Sapevamo tutti che questa tecnica sarebbe arrivata...

Sapevamo tutti che questa tecnica sarebbe arrivata…

Quella che dovrebbe essere la super tecnica finale, il colpo talmente cazzuto da rimanere negli annali del cinema marziale a simbolo dell’intero film, è una minchiata da sbattersi la mano in faccia e gridare «Ma proprio qui doveva svaccare ‘sto film?»

Ma che m'avete messo nelle mani... le zigulì?

Ma che m’avete messo nelle mani… le zigulì?

Preferisco pensare al divertente video finale, dove il Kurt Sloane del 1989 balla con quello del 2016.

«Feeling so good today...»

«Feeling so good today…»

A parte la delusione finale, il film è divertente, le location thailandesi sono sempre belle, gli attori divertiti e divertenti, Van Damme in splendida forma, Bautista cazzutissimo e perfetto, gli altri attori-atleti azzeccati.

Con 25 anni di ritardo, Van Damme fa quello che gli abbiamo sempre chiesto di fare...

Con 25 anni di ritardo, Van Damme fa quello che gli abbiamo sempre chiesto di fare…

Cosa si può chiedere di più ad un film? Forza, tutti in coro: Nat su kao, Nat su kao

L.

– Ultimi post simili:

amazon

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

26 risposte a Kickboxer (2016) Vengeance

  1. cumbrugliume ha detto:

    L’ho visto giusto ieri sera… sufficiente! Non mi è piaciuto granché Moussi come protagonista, se devo dire il vero. Per il resto concordo con la tua recensione, se ne parlerà presto anche dalle mie parti!

    Piace a 2 people

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Atleticamente è in gamba ma ovviamente non ha la stoffa del protagonista: pur il Van Damme dell’89 non era certo un attorone, ma poteva contare su un mondo diverso., quando cioè le arti marziali spaccavano!
      Mi aspettavo qualcosa di più, ma visto che ormai questi fillm sono rarissimi tocca accontentarsi 😛
      Ti leggerò con piacere 😉

      Piace a 1 persona

  2. Cassidy ha detto:

    Sei una sicurezza 😉 Volevo vedere il film nel week end ma causa casini vari non ci sono riuscito, conto di recuperare il prima possibile, ti ho letto un po’ a balzelli, prometto di ripassare a leggere tutto dopo la visione, in ogni caso se ha il tuo benestare, dormo tra due guanciali 😉 Cheers

    Piace a 2 people

  3. loscalzo1979 ha detto:

    Ma io direi che più che zigulì:

    Piace a 1 persona

  4. Giuseppe ha detto:

    Non essendo esattamente John Stockwell un regista marziale, bisogna riconoscergli una certa abilità nell’aver svaccato SOLO nel finale… per il resto, però, il ragazzo almeno dimostra di aver studiato 😉
    P.S. Tong Po: attenti, che se ne avesse piene le palle… può usare anche quelle per menarvi 😛

    Piace a 1 persona

  5. Pingback: Fino alla morte | Il Zinefilo

  6. Pingback: Killing Salazar (2016) Tiburon espinado | Il Zinefilo

  7. mikimoz ha detto:

    Ma infatti, caro Lucius… cosa si dovrebbe volere di più?
    Forse il fatto del finale ammosciato è figlio dei tempi che sono: negli anni ’80 e ’90 si caricava di più… Però va bene, dai^^

    Moz-

    Piace a 1 persona

  8. Pingback: Kickboxer (1989) L’origine del mito | Il Zinefilo

  9. Pingback: Pound of Flesh (2015) Vendetta senza rene | Il Zinefilo

  10. andreaklanza ha detto:

    Dio ragazzi. Per me questo film è qualcosa di inguardabile. Combattimenti ridicoli, Stockwell non sa proprio girare se non c’è il mare e due fighe in bikini, e ritmo da telefilm anni 80. Kickboxer 4 resta del lotto il più folle e migliore, ma anche il più brutto della serie, il 3, si mangi a colazione questa roba. Peccato per Van Damme.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Poteva essere un omaggio invece per me è la prova della morte totale del medium cinema: la dozzinale mediocrità è ormai regola fissa e inviolabile, e anche un minuscolo filmetto anni Ottanta è diecimila volte migliore di un qualsiasi prodotto dal Duemila in poi. La volgare pacchianeria dell’immagine sporca qualsiasi soggetto, e attori e registi improvvisati (e incapaci) fanno il resto.
      Addirittura lo zoppicantissimo “Kickboxer 5”, con un giovane Mark Dacascos, è da Oscar in confronto a ‘sta roba…

      "Mi piace"

  11. Pingback: In the Blood (2014) | Il Zinefilo

  12. Pingback: Uscite home video febbraio 2016 | Il Zinefilo

  13. Pingback: Cat Run (2011) Gatta presciolosa fa filmacci in Montenegro | Il Zinefilo

  14. Pingback: Scanners 3 (1991) The Takeover | Il Zinefilo

  15. Pingback: Kickboxer 4 (1994) L’aggressore | Il Zinefilo

  16. Pingback: Kickboxer: Retaliation (2018) Meno male ma meno di più | Il Zinefilo

  17. Pingback: House of the Rising Sun (2011) Accusato speciale | Il Zinefilo

  18. Pingback: Countdown (2016) Conto alla rovescia | Il Zinefilo

  19. Pingback: Guida TV in chiaro 17-19 gennaio 2020 | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.