Undisputed III (2010) Boyka, il maestro zoppo

So che siete tutti a mangiare il panettone e non mi leggerà nessuno, ma non potevo lasciare “zoppo” questo speciale: dovevo chiudere l’anno con il miglior “maestro sciancato” di sempre…

La settimana scorsa non ho risposto a chi ha ipotizzato che Furia cieca (1989) sia stato il “motore primo” e la naturale conclusione del filone “Maestri sciancati”: è un ottimo film che porto nel cuore… ma il Maestro è un altro. Il Maestro è Boyka.
Non il super-cattivo esagerato di Undisputed II (2006, recensito da La Bara Volante) né il tardivo e insoddisfacente pupazzone di Boyka: Undisputed (2017), bensì il personaggio perfetto di un film perfetto, basato su un canone perfetto trattato in modo perfetto.
Insomma, se non si fosse capito, Undisputed III: Redemption è un film perfetto, e la perfetta conclusione di questo ciclo. (A meno che non saltino fuori altri titoli in futuro.)

Esordito il 17 aprile 2010 all’ActionFest negli USA, il film gira (poco) per il mondo ed è ancora inedito in Italia.

Piccolo titolo, grande film

Il film è la classica parabola di una classica storia attoriale: il giovane che sognava di “sfondare” e ci riesce. Ma ormai lo fa quando il cinema è morto e non può che accontentarsi di essere re del niente.
Dopo anni di piccole parti marziali nei film action di Hong Kong finalmente il londinese Scott Adkins sembrava aver trovato il suo mecenate nell’israeliano Isaac Florentine, erede spirituale del connazionale Menahem Golan ma ormai non è più tempo di Cannon.
Florentine è il re dell’action, quello semplice, scorrevole, quello dei romanzi “maschi” degli anni Settanta e Ottanta trasformato in film. Quello in cui i buoni americani prendono a calci in culo i cattivi di turno, tutti stranieri e possibilmente con degli stracci in testa. Cinema razzista e politicamente scorretto, ma è questa l’anima pulp di un genere che infatti è estinto.

Il cantore di un genere ormai scomparso

Con U.S. Seals II (2001) sicuramente Florentine va totalmente controcorrente: soldati che combattono il terrorismo con le arti marziali? Ma siamo matti? Lui però è convinto e continua, con Special Forces (2003), con scene marziali più simili allo stile di Hong Kong che a quello americano, con attori improvvisati e caratteristi ben sopra le righe, ma il tutto all’insegna dell’azione più azione, spesso addirittura macchiettistica.
Ma chi è quel tizio che vola e sa tirare tecniche da paura? Chi? Scott Adkins? Mai sentito… Il cattivo di Black Mask 2 (2002)? Oh, quel film ce l’ho pure in DVD ma mica avevo capito che l’occhialuto cattivo era occidentale…

Una faccia del genere è sprecata ad Hong Kong!

Grazie a Florentine ma anche a Jackie Chan e Jet Li (nei cui film appare come comparsa marziale), Adkins arriva in America ma l’America non esiste più: il cinema è stato dichiarato morto nel 2005, si fanno solo remake pezzenti o se no vai a girare in Romania con dieci euro. Lì si fa l’action marziale, lì sono finiti tutti i gli eroi d’azione d’un tempo, a morire spiaggiati dove non c’è il mare.
Adkins fa la gavetta più dura, fatta di comparsate invisibili all’occhio umano e combatte come solo un combattente può fare: testa bassa e occhi sull’obiettivo. Riceve un po’ di notorietà facendo a botte con Jason Bourne in The Bourne Ultimatum (2007) ma è niente in confronto al lancio che gli offre Florentine.

Florentine ti mette le aaaaaaali!

Leggenda vuole che finito di vedere Undisputed II (2006), uno dei produttori in sala si sia girato verso Florentine ed Adkins e abbia detto qualcosa del tipo «Ammazza che personaggione quel Boyka, spettacolare! Ma chi è l’attore?»
Adkins è orgoglioso di questa svista, che cioè il produttore non abbia capito che era lui: l’opera di trasformazione sembra semplice eppure è totale. Prendete Adkins in qualsiasi altro film: sembra un cosplayer di Boyka. Perché una cosa è Adkins, un’altra è il Maestro.

Di Boyka ce n’è solo uno

Nato come semplice super-cattivo di un prison movie, un seguito apocrifo e di serie B dell’Undisputed (2002) di Walter Hill, d’un tratto da anonima comparsa Adkins diventa qualcuno, ed incontra anche il suo idolo Van Damme, interpretando il suo antagonista in The Shepherd (2008). È l’inizio di un’amicizia malata.
In seguito Adkins farà il lacchè di Van Damme, racimolando qualche ruolo in film di una bruttezza che toglie il fiato – tipo Universal Soldier – Il giorno del giudizio (2012) – e proverà altre strade: dalla inutile tarantinata come El Gringo (2012) al sociale come Hooligans (2013), e non vale neanche la pena citare i film “normali” dove appare.
Ci sarà tempo per la risalita – perché ogni lottatore cade: tutto sta a tirarsi su e riprendere a combattere – ma quello che conta è la vetta raggiunta prima della caduta. E quella vetta è Undisputed III.

L’apice di Boyka, prima della caduta

David N. White scrive per Florentine sin dai tempi di Special Forces quindi sa cosa vuole il regista israeliano: azione alla Cannon, pulita, chiara, trasparente. Chi se ne frega dei razzismi e dei luoghi comuni, chi vede questi film vuole calci in culo e ottimi motivi per darli. I critici sono pregati di lasciare la sala.
Se già con Undisputed II White si era affidato al classico prison movie in chiave marziale che tanto successo aveva avuto in passato – dal pugilistico Penitentiary (1979) ai divi marziali anni Novanta, che almeno un film carcerario se lo sono fatto tutti – stavolta deve alzare il tiro con un altro canone. Chiamatelo “la vendetta del caduto”, con un’espressione che l’anno prima ha sdoganato Transformers 2 (2009), chiamatelo “la redenzione del cattivo”, da cui appunto il sottotitolo Redemption, o chiamatelo come vi pare. La grande sorpresa del secondo film della serie è Boyka, quindi deve tornare.

Devo tornare? A saperlo mi facevo la barba…

Oh, fermi tutti, ma il secondo film si chiude con il Boyka cattivissimo che rimane a terra con un ginocchio spezzato: qualsiasi lottatore è finito, con una ferita di quel genere. Va bene, Boyka è «the most complete fighter in the world», come egli stesso si definisce con grande modestia, ma farlo lottare con una gamba zoppa… Embeh? Questo è il terzo canone: lottare feriti… E l’epica può esplodere.

«Sei il Re dei Bagni» (cit.)

Quello che entra in scena in Undisputed III è un uomo finito, l’ombra di un guerriero che, con una gamba malandata, pulisce i rifiuti del carcere dove passerà probabilmente il resto della sua vita. È stato cattivo ma ora ha trovato Dio. Perché sappiatelo, non è Dio a trovare Boyka… è lui a stanarLo!
Il personaggio rinasce dalle proprie ceneri, e quando viene organizzato il solito torneo carcerario (PSC: Prison Spetz Competition) lui è pronto. La sua gamba non è al massimo ma Boyka è un Maestro e quindi può combattere anche zoppo. Perché il vero combattente non è chi lotta al massimo delle forze, ma quello che rimane in piedi malgrado le ferite.

Il ginocchio va meglio, grazie per averlo chiesto

In seguito Adkins si affiderà totalmente allo svedeso-thailandese (?) Tim Man, ottimo coreografo ma incapace di gestire il personaggio di Boyka. Nel 2010 per fortuna continua la Trinità marziale che ha reso immortali questi film: un regista visionario (Florentine), un artista marziale divino (Adkins) e un coreografo in stato di grazia: J.J. “Loco” Perry. E se lo chiamano “Loco” ci sarà un motivo.

J.J. “Loco” Perry nei panni di Cyrax in Mortal Kombat 2 (1997)

Qui in Undisputed III la coreografia è affidata a Larnell Stovall – ottimo coreografo che ha tentato anche qualche film marziale da attore – ma le tecniche di Boyka sono riprese da quelle di Undisputed II, che Perry ripete anche nel più blasonato Wolverine: le origini (2009): in quel film Adkins interpreta Deadpool quando combatte contro Logan, e se guardate quella scena finale troverete tutto Boyka.

«I’m the most complete fighter in the world» (cit.)

Come dico sempre, un film marziale è come un concerto: ha bisogno di un ottimo compositore (coreografo), ottimi esecutori (attori marziali) e un ottimo direttore d’orchestra (regista). Se una di queste figure è carente, tutto è rovinato.
Raramente questa Trinità marziale è perfetta: in Undisputed III è perfetta.

Bambini, non ripetete queste tecniche a casa

Si cerca di rimanere legati al tema “pugile nero” che ha dato vita alla serie, chiamando Mykel Shannon Jenkins a fare Turbo, pugile chiacchierone che però è solo una spalla comica (o aspirante tale) di Boyka: è quest’ultimo l’unico, vero, totale protagonista della storia.

Dài, Boyka, che te lo scaldo io il pubblico

È su di lui che punta l’infido Gaga (Mark Ivanir), che non è una cantante bensì il direttore del carcere nonché organizzatore dell’evento. È il solito manager degli incontri illegali del genere pit fight, e in effetti le regole di quest’ultimo genere si fondono in questo prison movie marziale.

Sono Gaga, ma non sono una Lady

Mentre ci si affida al canone più canonico e sullo schermo si alternano detenuti esperti in varie discipline marziali – immancabile la capoeira del mitico Lateef Crowder – il big boss finale può essere solo lui: Raul “Dolor” Quinones, un tronco umano incapace di qualsiasi espressione facciale ma un artista marziale da togliersi il cappello. È il cileno Marko Zaror in grande spolvero, lui che ritroveremo nell’inguardabile ma marzialissimo Il redimimo (2014)!

Questa cosa farà più male a me che a te

Puoi giurarci!

Fra inganni e tradimenti, fra esercizi fatti spalando pietre e combattimenti sporchi, Boyka porterà avanti la sua parabola di redenzione contro tutto e tutti, con la sua gamba malandata che non gli impedisce di eccellere.

L’epica del lottare feriti

Non esiste altra trama del film, è tutto semplice, pulito, trasparente, scorrevole, come l’acqua. L’acqua che però sa spaccare le montagne. Ricordate la celebre battuta di Bruce Lee dalla sua serie “Longstreet”? «Be water, my friend». Non è solo il segreto della marzialità, è il segreto del cinema di genere. Sii semplice e pulito… e spacca le montagne!

Va be’ montagne, ma l’altezza dei lottatori non mi sembra equa

Dal 2010 il mito di Boyka ha invaso il mondo, diventando iconico al di là di Adkins e resistendo a bojate immani come il film del 2017, sbagliato in ogni senso. Boyka è diventata skin nei videogiochi di lotta, meme della Rete e qualche pazzo ne ha scritto anche delle fan fiction in cui combatte contro gli xenomorfi (gente malata!) ma l’aspetto della zoppìa viene dimenticato.

Ma… che ci fa l’arbitro nei combattimenti illegali?

Diventando icona della lotta, Boyka ha perso l’aspetto principale della disciplina del combattimento: il lottare feriti. Difficilmente in un qualsiasi incontro, di qualsiasi stile, i lottatori rimarranno freschi e in forze fino alla fine, anzi dopo già pochi secondi è messa a dura prova la capacità di entrambi di resistere e tenere duro. In Undisputed III Boyka ha aperto una parentesi nella sua “vita narrativa” per dimostrare che non basta essere “il più completo lottatore del mondo”, per essere definito un campione: bisogna anche saper combattere sciancati, per essere un Maestro.

Sento come… se ci fosse Boyka alle mia spalle!

Con forse il meno sciancato dei tanti Maestri che abbiamo incontrato, chiudo questo ciclo dedicato a chi non si lascia fermare da una menomazione fisica e continua a combattere.

Un saluto al Maestro Zoppo

L.

– Ultimi post simili:

Informazioni su Lucius Etruscus

Saggista, blogger, scrittore e lettore: cos'altro volete sapere di più? Mi trovate nei principali social forum (tranne facebook) e, se non vi basta, scrivetemi a lucius.etruscus@gmail.com
Questa voce è stata pubblicata in Arti Marziali, Inediti, Prison Movie e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

38 risposte a Undisputed III (2010) Boyka, il maestro zoppo

  1. Willy l'Orbo ha detto:

    La conclusione perfetta di una serie di post perfetta con un film perfetto 🙂
    p.s. per coincidenza, proprio questi giorni, ne ho trovata una copia con i sottotitoli in italiano…un buon regalo natalizio! 🙂

    Piace a 1 persona

  2. Zio Portillo ha detto:

    Babbo Natale esiste? A sto punto credo di sì… Undisputed III la vigilia di Natale sul blog di Lucius. Un po’ ci speravo quando hai aperto la rubrica sui “Maestri Sciancati” ma sotto sotto credevo che Yuri Boyka e il suo ginocchio ballerino non c’entrassero un beneamato c@zzo con Zatoichi e compagnia bella. E invece…
    Film che adoro alla follia e che rappresenta un mio guilty pleasure “adulto” (il mio vero guilty pleasure è “L’aereo più pazzo del mondo”…). Visto, rivisto e stravisto, riversato in chiavetta con sottotitoli (di Lucius? Boh! Appena ho tempo controllo) assieme ai capitoli precedenti e passati alla chiunque nella speranza di far conoscere a più persone possibili quell’atleta formidabile di Adkins. Un buco nell’acqua.
    Come sempre mi domando perché con la merd@ che viene pubblicata, in Italia non esiste una versione in blueray di questa serie di film. Un capitolo (il 4) è dimenticabile e inutile, uno è un buon film (il 1°) e due sono diamanti che andrebbero preservati e tramandati ai posteri. E invece siamo costretti a usare mezzucci come da ragazzini con Emule. Che ve possino…

    P.S.: Lucius, ho chiesto anche a Cassidy di là l’altro giorno (io l’ho scoperto una settimana fa). Eri a conoscenza dell’esistenza di “Cobra Kai”? Il “seguito” di Karate Kid. Io devo recuperalo per forza, non si scappa.

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Del seguito di Karate Kid ne sento parlare da molto tempo ma proprio non ce la faccio a vederlo: io ho vissuto in pieno gli anni Ottanta, dall’inizio alla fine, quindi non ho tutta questa voglia di riviverli ancora!
      Già nei primi Novanta ero stufo di Karate Kid, figuriamoci oggi! Sono però curioso di sapere il tuo giudizio sulla serie 😉
      Boyka è il re dei Maestri Sciancati, malgrado la sua zoppia scompaia subito, e l’essere inedito in Italia è un vanto: solo il peggio arriva da noi, quindi è giusto che sia stato doppiato Boyka 4 😀

      "Mi piace"

  3. Kuku ha detto:

    I post si leggono pure magnando il panettone!
    A proposito, ma c’è qualcuno dei lottatori sciancati che combatte principalmente da terra?
    Auguri a Lucius e a tutti i lettori del Zinefilo!

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Grazie per gli auguri e credo che solo quello del film “Il colpo maestro di Bruce Lee” combattesse da terra, non avendo le gambe 😛

      "Mi piace"

      • Kuku ha detto:

        Strano che nessuno abbia fatto un personaggio che combatte da terra perché quasi sempre ubriaco, tipo il Dr. di Tekken. Tipo un personaggio come quello di Dean Martin di un Dollaro d’onore…

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Il Drunken Master è una figura tipica del kung fu cinese e spesso combatte da terra perché appunto ubriaco, ma non combatte solo da terra. Però sarebbe bello un personaggio marziale forgiato su quello di Dean Martin 😛

        "Mi piace"

      • Conte Gracula ha detto:

        Mi pare che il wing chung (si scriverà così?) comprenda delle tecniche per la lotta a terra.

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        Tanti stili si sono specializzati “a terra”, e il fenomeno delle mma in fondo ha spostato quasi interamente a terra i combattimenti: di solito l’incontro inizia con gli avversari che si studiano, si danno due calcetti orribili, due pugnetti che a volte entrano e poi tutti giù per terra, dove scopriamo che i due non hanno studiato abbastanza brazilian ju jitsu per fare qualcosa di dignitoso 😀
        Spesso gli incontri “in piedi” sono più belli da vedere 😛

        Piace a 1 persona

  4. Cassidy ha detto:

    Ho scoperto il concetto di maestri sciancati dalla tua descrizione di Boyka e il suo ginocchio, quindi ci speravo di vederti esibirti su uno dei più grandi film di arti marziali di sempre! Il tuo paragone con un buon concerto è perfetto, anche se il ginocchio di Boyka è tornato presto sano, non poteva essere che suo il finale di questo bellissimo speciale, ora posso tornare a combattere i panettoni a colpi di calci volanti, tanto il regalo é arrivato dal Zinefilo! Cheers

    Piace a 1 persona

  5. Spector ha detto:

    Ottimo articolo come sempre. Solo un piccolo appunto: nella didascalia su J.J. “Loco” Perry quello nella foto è Cyrax non Scorpion.

    Piace a 1 persona

  6. Giuseppe ha detto:

    Premessa: io lo detesto il panettone, almeno quello tradizionale con uvette e canditi… meglio un buon pandoro senza troppi fronzoli 😛 Comunque, pandoro o panettone che sia, mi associo alla CineCivetta nel far gli auguri a te e a tutti quanti i frequentatori del Zinefilo!
    Tornando a noi in effetti sì, Yuri Boyka con Undisputed III si è guadagnato diritto, pur con la sua menomazione non permanente, di appartenere a pieno titolo alla schiera dei Maestri Sciancati (chiudendo degnamente il ciclo) e il tuo giustamente appassionato post spiega bene il perché… Quanto a quelle fan fiction ne ho sentito parlare anch’io, anzi sono convinto di averle addirittura lette 😉
    P.S. Un suggerimento natalizio per continuare la saga… “Dopo aver trovato Dio, ha trovato pure Babbo Natale… e nessuno, NESSUNO glielo porterà via: Undisputed V- Boyka vs Krampus” 😀

    Piace a 2 people

  7. Conte Gracula ha detto:

    Sbaglio o anche Adkins si era fatto male male a una zampa? Magari nemmeno recitava 😛

    Piace a 1 persona

    • Lucius Etruscus ha detto:

      Non ho mai trovato articoli che ne parlassero ma se no sbaglio proprio qualcuno di voi tempo fa me lo disse. Chissà se è stata una scusa dell’attore per giustificare ruoli non marziali, visto che nei suoi film dopo Boyka comunque corre e zompetta di qua e di là, quindi la gamba gli regge benissimo…

      Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        La fonte non la ricordo proprio – tra l’altro, i film di menare non è che li conosca benissimo… 😛

        Piace a 1 persona

      • Lucius Etruscus ha detto:

        I Duemila sono particolarmente avari di riviste e non è che i siti si sbattano ad intervistare Adkins. Magari un giorno troverò qualcosa sul suo incidente ma non è che mi sia dato molto da fare. Se poteva saltare in giro sul set di quella minchiata di “El Gringo” poteva benissimo fare altro Boyka, ma proprio come ogni altra star marziale della storia ha preferito “diventare attore serio”, prima di capire che ha fatto una cazzata e, come tutti gli altri, tornare a fare filmettini marziali e a vivere di rendita. E’ un copione già scritto e un film già visto, non aveva bisogno di aggiungere una gamba malandata 😛

        Piace a 1 persona

      • Conte Gracula ha detto:

        Se El Gringo è un film serio, siamo messi male… è proprio un filmetto con storia stravista. Nemmeno tremendo, ma insipido.

        Piace a 1 persona

  8. Pingback: Submerged (2005) Allarme negli abissi | Il Zinefilo

  9. Pingback: Delta Force 3 (1991) The Killing Game | Il Zinefilo

  10. Pingback: Transumani nella città di morte (2020) | nonquelmarlowe

  11. Pingback: Savage Dog (2017) Adkins il selvaggio | Il Zinefilo

  12. Pingback: Scott Adkins – The Art of Action (2020) | Il Zinefilo

  13. Pingback: Mortal Kombat 2 (1997) Finish Him! | Il Zinefilo

  14. Pingback: Assassin’s Bullet (2012) Il target dell’assassino | Il Zinefilo

  15. Pingback: Direct Contact (2009) Millennium Doplph! | Il Zinefilo

  16. Pingback: Blast (1997) Johnny Cage, eroe diehardo | Il Zinefilo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.